Blitz del Nas a Parma: in manette 19 medici e imprenditori farmaceutici

Risultati immagini per NAS PARMADi Marco Balestrazzi

C’è anche un luminare italiano della terapia del dolore tra gli arrestati nell’ambito di una maxi operazione del Nas di Parma che ha permesso di smantellare un presunto “sistema di corruzione e riciclaggio” che coinvolge aziende farmaceutiche italiane ed estere. 

I numeri  
Oltre 200 carabinieri del Comando per la Tutela della Salute e dei Comandi Provinciali di 7 Regioni (Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria e Lazio) hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare richiesta dalla Procura di Parma per l’arresto di 19 medici e imprenditori. 75 gli indagati. Sigilli per due società di comodo che si sospetta siano state allestite per il riciclaggio del provento delle attività illecite. Sotto sequestro 470.000 euro. Eseguite 52 perquisizioni presso le abitazioni di professionisti e sedi di società e aziende farmaceutiche. I militari hanno passato al setaccio anche uffici dell’Università e dell’Ospedale Maggiore di Parma. Agli indagati vengono contestati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e al riciclaggio, attuata nel campo della sperimentazione sanitaria e nella divulgazione scientifica per favorire le attività commerciali di imprese farmaceutiche nazionali ed estere, attraverso la commissione dei reati di abuso d’ufficio, peculato, truffa aggravata e trasferimento fraudolento di valori. 

Le accuse  
Secondo l’inchiesta, denominata “PASIMASI”, Guido Fanelli, direttore della Rianimazione dell’azienda Ospedaliera Universtaria di Parma, già estensore tecnico della legge sulla Terapia del Dolore e titolare di una pluralità di incarichi a livello nazionale, era il perno del “sistema” corruttivo realizzato per incamerare somme di denaro e beni di ingente valore, attraverso, quello che i militari definiscono “l’asservimento delle relative funzioni pubbliche agli interessi commerciali di alcune case farmaceutiche”. 

Ignari pazienti come “cavie”  
Secondo il Nas, nelle strutture controllate da Fanelli (centri regionali di eccellenza nella trattazione della terapia del dolore) “venivano valorizzate e condotte sperimentazioni cliniche illegittime su ignari pazienti (con oneri a carico del SSN) e sviluppate ricerche e raccolte di dati strumentali ai fabbisogni delle industrie, soprattutto con finalità di promozione e divulgazione dei relativi prodotti farmaceutici, avvalendosi della collaborazione di un dirigente compiacente del Ministero della Salute” 

Congressi “ pilotati dalle case farmaceutiche”  
Dalla indagini emerge che i congressi medici organizzati direttamente o indirettamente dal dirigente a titolo di ECM, in violazione delle disposizioni di legge, fossero di fatto pilotati e sostenuti economicamente da gruppi di operatori del settore (imprese farmaceutiche, produttori di dispositivi, informatori farmaceutici) interessati ad acquisire importanti quote di mercato attraverso la corruzione piuttosto che la leale concorrenza. 

Yacht e appartamenti  
L’afflusso di tangenti sarebbe stato mascherato tramite l’allestimento di una serie di attività commerciali fittizie e attraverso prestanome non direttamente riconducibili al medico. Soldi poi reinvestiti nella gestione di autovetture, yacht appartamenti e conti esteri protetti. Come nel caso nel caso dello yacht “PASIMAFI V” : seppur intestato ad una società di comodo manteneva a carico delle ditte coinvolte nel sodalizio criminale in disamina la gestione degli oneri di manutenzione ed implementazione tecnologica con acquisto diretto della strumentazione di bordo. 

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.