La Globalizzazione Economica non è Globalizzazione Politica

Risultati immagini per globalization
Di Thorsten Polleit
La globalizzazione è caduta in discredito. Sempre più persone la rifiutano in quanto ingiusta e fonte di ogni sorta di male, tra cui la crisi economica e l’immigrazione.
Tuttavia, questo tipo condanna totale della globalizzazione, rappresenta un enorme problema.
La ragione di ciò è evidente se si considera che la globalizzazione ha due dimensioni, una economica ed una politica.
La globalizzazione economica è sinonimo di divisione transfrontaliera del lavoro. Oggi nessun paese produce unicamente per soddisfare le proprie esigenze, ma anche per i produttori ed i consumatori di altri paesi. E, in termini relativi, ogni paese produce quello che sa fare meglio.
La globalizzazione economica, di cui il commercio libero è naturale componente, aumenta la produttività. Senza di essa, la povertà su questo pianeta non sarebbe stata ridotta nella misura in cui lo è stata nel corso degli ultimi decenni.
Tuttavia, la globalizzazione politica non ha nulla a che fare con la globalizzazione economica.
La Globalizzazione Politica ha lo scopo di indirizzare e determinare tutte le relazioni tra le persone nei diversi continenti tramite un governo autoritario. Le decisioni su ciò che viene prodotto e consumato, così come dove e quando, non derivano dalle indicazioni del libero mercato, dalla divisione del lavoro e dal libero scambio, ma invece da un potere ideologico-politico.
L’argomento fondamentale della globalizzazione politica è che per far fronte ai problemi sempre più complessi di questo mondo, problemi che vanno dalle crisi economiche alla tutela dell’ambiente, è necessario un processo decisionale centralizzato.
Lo stato-nazione, come rappresentante sovrano delle persone, è diventato obsoleto e deve essere sostituito da un potere politico attivo a livello globale.
Naturalmente, il pensiero alla base di quest’idea è puramente socialista-collettivista.
Esso è anche alla base dell’Unione europea (UE)e, in sostanza, mira a creare un superstato europeo, in cui gli stati nazionali si dissolveranno come zollette di zucchero in una tazza di tè caldo.
Per il prossimo futuro, questo sogno è giunto al termine. Il desiderio di realizzare l’uniformità è stato travolto dalle realtà politiche e dalle difficoltà economiche.
L’UE sta subendo profondi cambiamenti, l’ultimo in seguito alla decisione britannica di lasciare l’Unione europea, e potrebbe anche essere sul punto di frantumarsi.
Inoltre, con l’elezione di Donald J. Trump a presidente, è venuto meno il supporto culturale degli Stati Uniti per il progetto di unificazione europea.
Il cambiamento al potere e la direzione presa da Washington hanno estromesso i globalizzatori politici. Ciò permette di sperare che la futura politica estera degli Stati Uniti sia meno aggressiva in termini militari.
Il Presidente Trump, a differenza dei suoi predecessori, non si propone di imporre un nuovo ordine mondiale.
Traduzione di Gianni Milano

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.