Uccisa Ayse, la militante filo-curda raccontata da Zerocalcare

Risultati immagini per kırmızı fularlı kız

Di Marta Ottaviani

In Turchia la conoscevano come Kirmizi fularli, “cappuccio rosso”, per via del copricapo che portava sulla testa. In Italia era stata resa celebre dal fumettista Zerocalcare, che in Kobane Calling, aveva raccontato la sua resistenza, insieme con tanti altri curdi, contro i tentativi di avanzata dello Stato Islamico. Ayse Deniz Karacagil aveva 24 anni ed è stata uccisa due giorni fa in una sparatoria vicino a Raqqa. 

Il suo assassinio arriva in giorni particolarmente simbolici per la Turchia. Ieri è stato il quarto anniversario dell’inizio delle proteste che andarono avanti un mese e che fecero tremare l’esecutivo guidato dall’allora premier, attuale presidente della Repubblica Recep Tayyip Erdoğan. Ayse Deniz Karacagil aveva partecipato alla rivoluzione mancata di Gezi Parki e per questo, il 2 ottobre 2013, era stata arrestata ad Antalya. L’accusa per lei aveva chiesto la pena record di 103 anni di carcere. Cappuccio rosso veniva considerata una pericolosa sovversiva, in contratto con il partito dei lavoratori del Kurdistan, il Pkk, organizzazione separatista e terrorista che lotta per la creazione di uno stato indipendente curdo in territorio turco. 


Scarcerata dopo quattro mesi, la giovane è andata nel sud-est del Paese e si è unita alle armate curdo siriane, le uniche che per mesi hanno protetto i confini dell’Europa dall’avanzata via terra dello Stato Islamico, mentre la Turchia veniva sospettata e accusata di aver avviato un’oscura collaborazione proprio con il Califfo Al Baghdadi in chiave anti curda e anti Assad. 

Zerocalcare ha voluto ricordare la sua figura e il suo coraggio sul suo profilo social:  
«È sempre antipatico puntare i riflettori su una persona specifica, in una guerra dove la gente muore ogni giorno. Però se incontriamo qualcuno poi per forza di cose ce lo ricordiamo e quel lutto sembra toccarci più da vicino, a morire sul fronte di Raqqa contro i miliziani di Daesh è stata Ayse Deniz Karacagil, la ragazza soprannominata Cappuccio Rosso. Turca, condannata a 100 anni di carcere dallo stato turco per le proteste legate a Gezi Park, aveva scelto di andare in montagna unirsi al movimento di liberazione curdo invece di trascorrere il resto della sua vita in galera o in fuga. Da lì poi è andata a combattere contro Daesh in Siria e questa settimana è caduta in combattimento. Lo posto qua perché chi s’è letto Kobane Calling magari si ricorda la sua storia». 

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.