CASO GIUSEPPINA GHERSI, l'altra versione sulla tragica morte della 13enne durante la fine della II guerra mondiale

Risultati immagini per giuseppina ghersi

Di Salvatore Santoru

Recentemente ha fatto discutere la proposta dell’amministrazione comunale di Noli(Savona) di dedicare una targa a Giuseppina Ghersi(1).
Tale proposta ha fatto conoscere all'opinione pubblica il caso della Ghersi, sino a poco tempo fa poco conosciuto e che venne affrontato in questo blog nel 2015(2).

C'è da dire che si è scatenata una forte polemica politica in questi giorni e che sul caso della Ghersi girano diverse notizie, verificate e non verificate.

In linea di massima la tesi più diffusa e conosciuta è che la giovanissima Giuseppina Ghersi sia stata uccisa da alcuni partigiani in quanto accusata di collaborazionismo fascista, per via delle simpatie della famiglia e per un suo tema elogiato da Mussolini.

Un'altra tesi sostiene che la Ghersi fu utilizzata come spia da parte dei combattenti fascisti e che il suo omicidio avvenne per vendetta da parte di alcuni partigiani, mentre secondo altri non è propriamente certo che gli assassini della ragazzina fossero partigiani.

Della tesi che la Ghersi fosse stata utilizzata come una sorta di "spia" ne parla al Secolo XIX(3) l'ex partigiano Aldo Ferrari e Sergio Pieroni, che dichiara che la madre ha raccontato che la ragazzina aveva ingenuamente provocato un alterco tra fascisti ed antifascisti e per questo era stata eliminata da questi ultimi.


Comunque sia, c'è da dire che certamente si è trattato di un tremendo omicidio da condannare senza se e senza ma e che fu una delle diverse atrocità che segnarono la fine della Seconda Guerra Mondiale e che non bisogna minimizzare questa come altre tragiche vicende.

Inoltre, per approfondire e per finalità d'informazione consiglio di dare uno sguardo anche al lavoro di ricostruzione,citato anche in un articolo di "Valigia Blu"(4), che il collettivo Wu Ming sta facendo sulla vicenda e agli articoli del Secolo XIX che riportano testimonianze di partigiani.

Detto questo, c'è da dire che la ricerca storica deve continuare in modo libero e indipendente(e per quanto possibile imparziale) e che la tragica vicenda di Giuseppina Ghersi,così come di altre vittime di quei tremendi anni, non deve essere dimenticata.

NOTE:

(1)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/09/giuseppina-ghersi-e-la-guerra-della.html

(2)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2015/04/la-storia-di-giuseppina-ghersi-la.html

(3)http://www.ilsecoloxix.it/p/savona/2017/09/16/ASQfsFSJ-tredicenne_riaccendono_partigiani.shtml

(4)http://www.valigiablu.it/giuseppina-ghersi-fascisti-partigiani/

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.