Malawi, allarme vampiri: Onu richiama staff

Risultati immagini per vampiri
Ronde notturne di vigilanti armati di paletti e cinque persone uccise perché sorprese a bere sangue umano. Sembra un racconto fantasy ma è realtà, stando almeno a quanto riferito da testimoni e polizia. E’ allarme vampiri in Malawi, dove il presidente, Peter Mutharika, si è visto costretto a imporre il coprifuoco nei villaggi del Sud del Paese. Persino l’Onu ha ordinato il richiamo di alcuni suoi funzionari dislocati nelle aree meridionali.
Nelle campagne del Malawi, uno degli stati più poveri al mondo, ancora oggi sopravvivono antiche superstizioni e leggende di stregoneria. Secondo quanto riferito dalla polizia, l’allarme riguarda i distretti di Mulanje e Phalombe: gli abitanti dei villaggi si sono spaventati al punto da organizzare spedizioni notturne a caccia di vampiri. In una delle ronde, i giustizieri della notte avrebbero sorpreso cinque persone intente a bere sangue umano e le hanno uccise.
Non è la prima volta che accade: già nel 2002, riporta il Guardian, si erano verificati episodi simili. Un giornalista radiofonico fu arrestato per aver intervistato una presunta vittima di morso da vampiro. Ci volle la sentenza di un giudice per annullare l’arresto, ma le superstizioni sono ancora dure a morire. C’è chi accusa il Governo di collusione con il fenomeno per poter raccogliere sangue da distribuire alle agenzie di aiuti internazionali.
Anche Amnesty International ha più volte denunciato una simile vicenda, la strage di albini: in alcuni casi vengono uccisi e fatti a pezzi e le parti del loro corpo vengono poi usate per rituali magici.
Florence Rolle, coordinatrice locale delle Nazioni Unite, ha riferito che parte dello staff Onu è stato delocalizzato mentre la restante parte rimane nelle zone in questione, a seconda dell’esatta ubicazione lavorativa. Non è stato specificato quante persone sono state richiamate. Sempre l’Undss ha riferito, senza fare nomi, che anche altre Ong avrebbero richiamato il loro personale.

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.