Breaking News

3/breakingnews/random

Sigaretta elettronica: il business che fa male al monopolio dei tabacchi....

5 commenti

Di Cristina Pipitone

Sono ormai tantissime le informazioni che circolano sulla sigaretta elettronica. Sappiamo perché lo Stato dice no, sappiamo perché la gente dice sì, comprendiamo in modo obiettivo i pro e i contro e tutti dubitiamo un po' della buona fede del Governo (sperando di avere torto marcio).
Perché se sono tante le informazioni che circolano sulla sigaretta elettronica, sono tante anche le persone che la stanno provando. E di queste la maggior parte da un parere positivo (seppur per dovere di cronaca bisogna ricordare che non tutti sono soddisfatti del suo uso).

La sigaretta elettronica nel mondo

Sono molte le persone famose che sponsorizzano la sigaretta elettronica, anche solo facendosi fotografare mentre la usano. Andiamo da Leonardo Di Caprio e Uma Thurman, da Kate Moss a Robert Pattinson.

In Inghilterra si stima che la crescita del settore sia vicino al 50 per cento, e un probabile rallentamento non è previsto prima del 2014. Il mercato lì vale circa 70 milioni di sterline.
In America alcune multinazionali del tabacco hanno deciso di entrare nel business acquistando società che trattano la sigaretta elettronica. Il vantaggio consiste nel mettere le mani in un settore competitivo in crescita, nel poter pubblicizzare il prodotto (al contrario della sigaretta tradizionale per cui è imposto il divieto) e nel compensare il calo dei consumi del mercato tradizionale.

E in Italia?

In Italia il settore della sigaretta elettronica attualmente vale circa 100 milioni di euro. Senza contare che in un momento di crisi come questo sta dando lavoro a circa 1500 persone. La media calcola che si aprono venti negozi nuovi ogni settimana.
Secondo una stima, il 20 per cento dei fumatori italiani è potenzialmente cliente delle e-cigarettes.

Perché questo successo?

L'Huffington Post afferma che le ragioni sono tre:
il bando del fumo nei luoghi pubblici
le preoccupazione della gente per la salute
il risparmio che si può ottenere in un momento di crisi

E in effetti questa descrizione corrisponde ai commenti che la gente fa, dove afferma di risparmiare, di godere di migliore salute e di poterla utilizzare anche in pubblico senza nuocere a nessuno.
Certo non è difficile immaginare come questo successo possa nuocere alle casse statali italiane che sui tabacchi detiene il monopolio...
Ad ogni modo si spera che il mercato venga presto regolamentato e controllato a dovere, senza mettere in mezzo conflitti di interesse, ma nell'interesse esclusivo della salute del cittadino.

Fonte:http://cervelliamo.blogspot.it/2013/01/sigaretta-elettronica-il-business-che.html

5 commenti

  1. Secondo me le sigarette elettroniche sostituiranno completamente nei prossimi anni quelle tradizionali grazie al risparmio che comporta il loro impiego e soprattutto grazie ai benefici che hanno sulla salute degli utilizzatori. Complimenti per il vostro fantastico blog!

    RispondiElimina
  2. Sicuramente le sigarette elettroniche vengono fortemente osteggiate dal monopolio dei tabacchi perchè sono considerate una minaccia a causa del successo che stanno avendo tra i consumatori, che le preferiscono a quelle tradizionali, molto più dannose per la salute. Concordate con me?

    RispondiElimina
  3. I was suggested this website by my cousin. I'm not sure whether this
    post is written by him as nobody else know such detailed about my difficulty.
    You are amazing! Thanks!

    RispondiElimina

Partecipa alla discussione

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *