Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Immigrazione, l’accordo Ue-Turchia non funziona più. Aumentano gli arrivi via mare e terra

Share it:
Immagine correlata

Di Emanuele Bonini

«La situazione rimane fragile». Il commissario europeo per l’Immigrazione, Dimitris Avramopoulos, non si nasconde e non lo nasconde. In questi anni dei progressi sono stati compiuti, ma non abbastanza per poter dire di aver trovato la quadra alla non semplice gestione del fenomeno migratorio. I numeri, gli ultimi forniti dalla Commissione Ue nel rapporto sui progressi compiuti nella gestione dei flussi, sono lì a ricordare quanto tutto è ancora lontano dall’essere risolto. Solo ieri lo stesso Avramopoulos ha chiesto all’Italia di non cambiare politiche in tema di immigrazione. Interventi che non sono piaciuti a chi oggi è impegnato a preparare il governo di domani, ma la situazione dipinta nel documento prodotto a Bruxelles rischia di essere ancora più indigesto.  

L’accordo con la Turchia non funziona più?  
Nel 2016 Ue e Turchia hanno sottoscritto un patto per arginare gli arrivi dei migranti. Rispetto ad allora il numero dei richiedenti asilo «è ancora estremante inferiore», segno che ha funzionato. Adesso però qualcosa sembra non funzionare più. Gli arrivi dalla Turchia, rilevano a Bruxelles, «hanno visto un aumento significativo dal marzo 2018 sia per le isole greche (9.349 dall’inizio del 2018) che per il confine terrestre (6.108 fino a oggi)». Qui in particolare il numero di cittadini extra-comunitari è aumentato di nove volte rispetto allo stesso periodo del 2017. Un campanello d’allarme. 

Balcani occidentali, aumentano i ‘movimenti’  
Ma non c’è solo la rotta del Mediterraneo orientale, quella appunto che portano i richiedenti asilo su territorio Ue via Turchia. C’è anche la rotta balcanica, quella teoricamente chiusa dall’Ue con uno sforzo diplomatico ed economico che ha visto investimenti con i Paesi candidati. L’esecutivo comunitario non può fare a meno di ammettere che sì, la situazione «si è complessivamente stabilizzata lungo la rotta dei Balcani occidentali», ma allo stesso tempo «negli ultimi mesi sono stati segnalati maggiori movimenti attraverso Albania, Montenegro e Bosnia-Erzegovina». Può voler dire che si assiste a sconfinamenti interni tra questi Paesi da parte di quanti sono rimasti chiusi a seguito delle politiche di controllo dei flussi. Ma certo sono segnali da non sottovalutare, e c’è da giurare che i leader dell’Ue che stasera si ritroveranno a Sofia per il summit dei Balcani ne discuteranno con i partner balcanici. 

Share it:

crisi migratoria

geopolitica

news

Turchia

UE

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione