Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|
Recent PostAll the recent news you need to know

STRASBURGO, UCCISO IL RESPONSABILE DELL'ATTACCO TERRORISTICO CHERIF CHEKATT


Di Salvatore Santoru

Il terrorista responsabile della strage di StrasburgoCherif Chekatt, è stato ucciso dalla polizia durante un’operazione.
Come riporta il Corriere(1), Chekatt si era rifugiato in un magazzino collocato nel quartiere di Neudorf.

NOTA:

(1) https://www.corriere.it/esteri/18_dicembre_13/strage-strasburgo-cherif-chekatt-ucciso-polizia-dbb0c9f6-ff14-11e8-81df-fed98461c4ee.shtml

TERRORISMO, SALVINI: 'OCCORRE DIFENDERE IL TERRITORIO E FERMARE CHI STA ESULTANDO ONLINE PER LA STRAGE DI STRASBURGO'


Di Salvatore Santoru

A seguito dell'attacco terroristico di Strasburgo Matteo Salvini ha annunciato la massima attenzione anche per l'Italia.
Più specificatamente, riporta Rai News(1), il ministro dell'Interno ha sostenuto che "occorre difendere il territorio e controllare i confini e l'arresto immediato anche di chi in queste ore sta esultando on line".

NOTA:

(1) http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ContentItem-8c61656c-ebaa-4fd2-99c7-22db9662b5af.html

Salvini in Israele: "Sull'Onu ho la stessa visione di Netanyahu"

Di Renato Zuccheri
Matteo Salvini è perfettamente in linea con Benjamin Netanyahu sul fronte delle risoluzioni delle Nazioni Unite riguardo Israele: "Ne ho parlato con Netanyahu abbiamo la stessa visione".
Il vicepremier e ministro dell'Interno ha dato questa risposta a un rappresentante della comunità italiana che gli ha chiesto come si ponesse sul tema delle "risoluzioni Onu anti-Israele". Al termine della visita al museo dell'Olocausto, tappa del viaggio in Israele, Salvini ha detto: "Settecento me ne ha contate di risoluzioni contro Israele". "Ci sarà un deciso cambiamento in questo senso", ha aggiunto rispondendo a chi gli domandava di un "appiattimento italiano sulla posizione Ue".
Al termine della visita allo Yad Vashem, il ministro dell'Interno ha dichiarato: "Ribadisco l'impegno mio e del governo italiano da uomo e da papà prima ancora che da ministro a fare tutto quello che è umanamente possibile perché non solo non si ripeta ma che non si possa neanche mai più pensare in futuro a crimini come quelli, che sono fortunatamente testimoniati e che arrivano dal passato, perché tutti i bimbi sorridano, e ci metteremo tutto l'impegno, il cuore, la testa e l'amore possibile". Poi Salvini ha concluso: "La prossima volta conto di tornarci con i miei figli".
Su Gerusalemme e sulla possibilità di considerarla la capitale di Israele, il discorso di Salvini è stato: "Sapete come la penso: step by step. C'è un governo di coalizione e quindi devo ascoltare anche i partner". "Per quanto riguarda il negazionismo e l'antisemitismo verrà combattuto in ogni sua forma: fortunatamente sono pochi e sono fuori dal mondo", ha concluso il vice premier.

L’attentato di Strasburgo è un nuovo tipo di terrorismo


Di Lorenzo Vita
http://www.occhidellaguerra.it/

Viene chiamato Chérif C. e, secondo le prime informazioni, sarebbe lui l’attentatore di Strasburgo. Nato a Strasburgo il 4 febbraio 1989 e condannato già nel 2011 per aver aggredito un ragazzo, sarebbe di origine nordafricana. Secondo le prime indiscrezioni trapelate dalla Prefettura, che ha fatto partire la caccia al killer, il ragazzo era già ampiamente noto alle forze dell’ordine, tanto che la sicurezza francese, già nel 2016, lo aveva già segnalato con la “S” che indica un soggetto radicalizzato.
Alle spalle, una carriera da criminale incallito fatta di reati comuni, rapine, furti, violenze. E la radicalizzazione sarebbe avvenuta in carcere, come larga parte dei nuovi terroristi. Anche se l’intelligence francese credeva, come spiegato dal sottosegretario di Stato del ministero dell’Interno, Laurent Nunez, che la sua radicalizzazione fosse legata soprattutto a un irrigidimento delle pratiche religiose. 
Il profilo dell’attentatore è perfettamente in linea con il jihadismo contemporaneo. Chérif, come molti altri che hanno colpito in Europa e in America, non è arrivato dal Medio Oriente, ma è un cittadino francese, che colpisce nello stesso Paese in cui è nato. Non ha un passato di islamismo e non ha una famiglia che lo abbia indotto a radicalizzarsi. È un criminale con molti reati comuni alle spalle e probabilmente con una radicalizzazione molto rapida. Un profilo che, come ricordato da Guido Olimpio per Il Corriere della Sera, “ricorda lo stragista di Nizza, un uomo che ha scoperto tardi la vocazione islamista e, in apparenza, solo sul web”.
Manca quindi la preparazione costante, l’addestramento, la profonda appartenenza ai ranghi del jihadismo. È un 29enne con un passato criminale che che più che un terrorista islamico è un bandito che si ispira alle stragi di matrice islamista. Un nuovo tipo di attentatore “ibrido” che si unisce all’islamismo solo in un secondo momento della propria carriera criminale, quasi come ultima speranza o anche come una seconda via per guadagnare soldi e diventare qualcuno. Tanto è vero che questo tipo di attentatore non cerca il suicidio: gli attentatori fuggono, come avvenuto anche a Barcellona nel 2017.
Proprio per questo motivo, questi nuovi tipi di terroristi sono molto differenti fra loro, eterogenei, e sfuggono alla rete di sicurezza dei servizi. Non perché l’intelligence non sappia operare, ma perché allargano la rete di controllo a tal punto che chiunque può essere considerato un soggetto a rischio terrorismo. In Francia sono circa 20mila i potenziali terroristi islamici e i soggetti radicalizzati. E questo rende praticamente impossibile poter fermare un soggetto che ha l’obiettivo di colpire nell’immediato. 
Questa chiaramente non deve essere una giustificazione, ma deve far capire anche il difficile equilibrio fra estendere la rete di potenziali terroristi e il controllo che si può avere sull’intero territorio nazionale. Tanto è vero che Cherif era anche sfuggito a una perquisizione della polizia proprio la mattina di ieri, quindi poche prima di colpire al mercatino di Natale di Strasburgo. Le forze dell’ordine erano pronte a intervenire e l’avevano fatto. Segno che in realtà la rete funziona. Ma la domanda è un’altra: perché è riuscito a sfuggire? Si poteva fare qualcosa per evitare la fuga di Chérif?
Questo vale soprattutto per una città come Strasburgo che da sempre è oggetto delle mire dei terroristi islamici. Già nel dicembre del 2000, quindi ancora prima che il fenomeno islamista si manifestasse in tutte le sue forme più orrende, al Qaeda aveva progettato una strage a Strasburgo in occasione delle feste. Inoltre, a novembre, la polizia aveva annunciato di aver sventato un attentato di matrice islamica che doveva avvenire proprio nel mercatino di Natale della città colpita ieri notte.
La minaccia dunque c’era ed era ben nota. Ma il terrorista è riuscito a colpire. E adesso, Parigi non è solo a caccia del killer, ma anche di possibili complici o istigatori. L’impressione è che possa aver agito in modo più o meno integrato all’interno di una rete.

Moscovici ora difende la Francia: "Parigi può sforare il 3 per cento"

Di Franco Grilli
Due pesi due misure? Sostanzialmente è questo il messaggio che sta passando sul fronte della battaglia per le manovre di Francia e Italia contro Bruxelles.
Di fatto il nostro Paese da tempo è sotto osservazione e rischia una procedura di infrazione proprio per le misure inserite nella legge di Bilancio che faranno impennare il rapporto tra deficit/Pil oltre la soglia del 2 per cento.
Ma in questo quadro si inserisce un'altra variabile: la mossa della Francia che per tener testa ai gilet gialli ha decisio di sforare il tetto del 3 per cento e di toccare addirittura il 3,5 per cento nel rapporto deficit/Pil. Su questo punto arrivano le parole del Commissario agli Affari Economici Ue, Pierre Moscovici: "Il superamento della soglia del 3% del rapporto deficit/Pil nel 2019 per la Francia se ci riferiamo alle regole può essere concepibile in via limitata, temporanea e straordinaria", ha affermato in un'intervista a Le Parisien: "Ogni parola conta: l’eventuale superamento del 3% non dovrebbe estendersi per due anni consecutivi, nè superare il 3,5% in un anno". A questo punto Moscovici respinge la tesi che ci sia un trattamento di favore per Parigi: "Non c’è indulgenza, queste sono le nostre regole e nient’altro che le nostre regole". Il confronto con l’Italia, ha precisato, "è allettante ma sbagliato perchè le situazioni sono totalmente diverse".