Page Nav

HIDE

Gradient Skin

Gradient_Skin

Breaking News

latest

Crimea, bombe e sparatorie al Politecnico di Kerch: 10 morti e oltre 70 feriti. Il Cremlino: “Ipotesi terrorismo”

FATTO QUOTIDIANO Uomini  armati  e  mascherati ,  spari  sugli studenti, una forte esplosione, forse due, forse quattro. Sono i primi ...



FATTO QUOTIDIANO

Uomini armati e mascheratispari sugli studenti, una forte esplosione, forse due, forse quattro. Sono i primi elementi di ricostruzione dell’attacco al Politecnico di Kerch, città sul lembo orientale della Crimea. Al momento si contano 10 morti e circa 70 feriti, la maggior parte dei quali sono adolescenti Per il Cremlino l’ipotesi è quella di un atto di terrorismo. Le informazioni su quanto avvenuto sono ancora frammentarie. Quello che è noto per il momento è che tra le altre cose un ordigno è esploso nella mensa del Politecnico e conteneva elementi metallici. In azione, raccontano alcuni testimoni oculari, sono entrati in azione uomini “mascherati e armati di mitra”, usciti dai bagni nel momento dell’esplosione. “Ce n’erano veramente tanti, ma non posso dire quanti”, ha detto uno dei testimoni. Uno studente dell’istituto ha aggiunto che a “sparare agli studenti” era “un viso familiare”, “sembra sia uno dei nostri compagni”. La principale agenzia di stampa russa, la Tass, riferisce che oltre 200 militari del distretto militare del sud e circa 10 mezzi pesanti sono stati inviati a Kerch.

Kerch di recente è stato inaugurato il ponte che unisce la Repubblica autonoma al Caucaso, un fatto simbolico che rappresenta l’effetto pratico dell’annessione della Crimea alla Russia, avvenuta nel 2014 dopo un referendum popolare, il cui esito tuttavia non è mai stato riconosciuto dalla comunità internazionale. Anzi, proprio l’azione di Mosca sulla Crimea è all’origine di gran parte delle sanzioni che l’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno deciso nei confronti della Russia e all’esclusione della Federazione dal G8.

Nessun commento

Partecipa alla discussione

ALTRI ARTICOLI