Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Ecco quali sono gli aerei che la Russia ha schierato in Siria

Share it:
Russian_Air_Force,_052,_Sukhoi_Su-57_(36521094324)
Di Paolo Mauri
La presenza militare della  Russia in Siria è ormai stabilmente consolidata non solo nella ben nota base navale di Tartus, in uso sin dai tempi della Guerra fredda, ma anche nella  base aerea di Khmeimim, a sud-ovest della cittadina di Latakia.
Le infrastrutture militari sono state  costruite nel 2015 adiacenti al Bassel al-Assad International Airport e vengono utilizzate dalla Russia come  “centro strategico delle operazioni militari contro lo Stato islamico” grazie ad un accordo stipulato col governo di Damasco il 26 agosto dello stesso anno.
Il presidente della Federazione russa Vladimir Putinsiglò un precedente accordo con il suo omologo siriano, Bashar al Assad, che prevedeva l’intervento delle forze armate russe in Siria nel luglio del 2015; intervento che è poi cominciato il 30 settembre successivo.
Per la prima volta dai tempi della Guerra fredda, Mosca ha così potuto dispiegare i propri velivoli su una base esterna al proprio territorio nazionale nell’area del Mediterraneo: tra il 1967 ed il 1972 l’Unione Sovietica aveva stipulato con l’Egitto un accordo per schierare i propri velivoli sul suolo egiziano. Nelle ultime decadi, la presenza dell’aviazione russa nell’area era stata delegata al gruppo di volo della  portaerei Admiral Kuznetsov, dispiegata nel  Mediterraneo quattro volte: nel 1995-96, 2007-08, 2011-12 e nel 2014.

Cosa mostrano le foto satellitari? 

Come riporta il sito  al-Masdar News, che cita a sua volta una fonte open source di intelligence su Twitter, le ultime foto satellitari della base di Khmeimim mostrano un totale di  38 velivoli parcheggiati sulle piazzole dell’aeroporto militare.
Si riconoscono in particolare nove Sukhoi  Su-24 “Fencer”, due Su-25 “Frogfoot”, dieci Su-30, sei  Su-34 “Fullback”, quattro  Su-35, un Ilyushin  Il-76 “Candid”, un Antonov  An-26 “Curl”, un  An-30 “Clank”, due Beriev  A-50 “Mainstay”, un Ilyushin  Il-38 “May” ed un  Il-20 o 22 “Coot”. Si possono notare alcuni elicotteri non meglio identificati ma probabilmente si tratta Mil  Mi-28“Havoc”.
I cacciabombardieri  Su-24M sono l’ultima versione in forza all’aviazione russa e accompagnano i due Su-25SM3 che si sono visti per la prima volta schierati in Siria a fine aprile di quest’anno. Entrambi, insieme al Su-34, compongono la linea di aviogetti per attacco al suolo di Mosca, anche se in concomitanza con il dispiegamento della Sesta Flotta nel Mediterraneo Orientale i “Fullback” sono stati ritratti a Khmeimim montanti il missile da crociera antinave Kh-35U
La componente di scorta è affidata ai Su-30SM ed ai “Super Flanker” Su-35S. Questi velivoli rappresentano l’ultima evoluzione del vecchio caccia del bureau Sukhoi Su-27 “Flanker” ma sono a tutti gli effetti dei velivoli totalmente diversi. Il Su-35S, velivolo monoposto, è un cacciabombardiere di generazione 4++ al pari dell’ultimo nato in casa Mikoyan Gurevich, il  Mig-35, ed ha impressionanti caratteristiche di manovrabilità grazie ai suoi motori dotati di spinta vettoriale. È stato dispiegato in Siria per assicurare la superiorità aerea nel febbraio del 2016.
Il Beriev  A-50 “Mainstay” è l’aereo con compiti  Awacs (Airborne Warning and Control System) anche se questa definizione va un po’ stretta al velivolo russo. Il “Mainstay” infatti nasce come aereo per il tracciamento dei missili e stazione mobile di Atc (Air Traffic Control) anche se ha ottime caratteristiche di scoperta di tutte le minacce aeree ed è in grado di assegnare i bersagli alla caccia come il suo omologo occidentale E-3.
Data la  presenza navale occidentale in quella zona di Mediterraneo e soprattutto dato il dispiegamento di alcune unità della Flotta del Mar Nero, la copertura antisom è coadiuvata dall’aereo da pattugliamento marittimo  Il-38 “May”, un quadriturboelica a lungo raggio entrato in servizio per la prima volta nel 1968. Se fosse invece confermata la presenza di un Il-20M, significherebbe che la Russia ha schierato il proprio velivolo da spionaggio elettronico che fa da contraltare al celeberrimo velivolo americano Boeing RC-135. Questa potrebbe essere l’opzione più plausibile data la particolare situazione “elettronica” in cui si trovano ad operare i velivoli russi, circondati da unità occidentali e da radar di nuova generazione come l’AN/TPY-2, schierato in Turchia ed in Israele.  
Share it:

geopolitica

news

Russia

Siria

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione