Autonomia, Berlusconi lancia il referendum: "Proporlo in tutte le Regioni"



Di Sergio Rame

"Noi vogliamo proporre un referendum sull'autonomia per tutte le Regioni italiane per spostare le competenze dal centro alla sede giusta che è quella regionale".

Durante la conferenza stampa di presentazione del referendum sull'autonomia, che si terrà domenica prossima in Lombardia e in VenetoSilvio Berlusconi riporta al centro del dibattito politico il tema del federalismo. Un tema che Forza Italia ha in programma dal 1994 e che aveva inserito nella riforma costituzionale bocciata nel 2006. "Lo statalismo della sinistra deve essere sostituto con un vero federalismo - mette in chiaro il Cavaliere - lo Stato è sempre distante e le regioni possono garantire risorse e servizi ai cittadini".
"Ho chiesto ai miei avvocati se posso votare domenica... Non lo so". Berlusconi scherza con chi gli chiede se domenica andrà a votare per l'autonomia della Lombardia. Ma poi si fa subito serio e spiega l'importanza di un voto che chiama in causa due delle Regioni più produttive del sistema Italia. "Ci sono anche tanti sindaci del Pd - fa notare il leader di Forza Italia - che hanno espresso la loro simpatia per il 'sì' contro quella che è la posizione del partito centrale che vede nel referendum un'anticipazione delle elezioni del prossimo anno e poi perché la linea del Pd è centralista e statalista". Ed è anche per questo che il Cavaliere non alcuna possibilità di coalizione con il Pd. "Siamo distanti per storia, tradizione, ideologia e valori - mette in chiaro - per tutto".
La conferenza stampa sul referendum di domenica prossima diventa l'occasione per riparlare delle alleanze politiche. Come anticipato ieri, resta saldo l'accordo con il Carroccio. "Non c'è mai stato motivo di distacco con la Lega - assicura - siamo consapevoli che insieme siamo più forti di altre forze politiche". E svela di aver fissato un incontro con Matteo Salvini per stendere il programma del centrodestra la prossima settimana. Al centro del patto, poi, c'è un accordo molto semplice: "Il movimento politico che prenderà più voti nel centrodestra esprimerà il presidente del Consiglio - spiega lo stesso Berlusconi - è sempre stato così nel centrodestra e così sarà".

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.