Breaking News

6/breakingnews/random
Visualizzazione post con etichetta Berlusconi. Mostra tutti i post

Berlusconi lancia Altra Italia: 'Sarà federata a FI'


Di Salvatore Santoru

Silvio Berlusconi ha lanciato 'Altra Italia'. Il nuovo movimento del Cavaliere sarà federato all'attuale partito da lui fondato e guidato, Forza Italia.
Come riportato dall'ANSA, lo stesso politico di centrodestra ed ex presidente del Consiglio italiano ha detto che "Penso alla creazione di due o tre nuclei di Altra Italia per ogni regione, prendendo anche il meglio delle liste civiche che si ispirano ai nostri valori"(1).

Inoltre, Berlusconi ha anche affermato che sarà "una struttura giovane che si federi con Forza Italia senza ruoli di preminenza dell'una sull'altra. Da qui potrà nascere il mio successore". 


Più specificatamente, Berlusconi ha affermato ciò in un'intervista concessa a Bruno Vespa, durante la presentazione del nuovo libro del giornalista chiamato "Perché l'Italia diventò fascista (e perché il fascismo non può tornare)".


NOTA:


(1) http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/11/03/berlusconi-creero-altra-italia-sara-federata-a-fi_90f56150-2851-4f55-bb20-87f539cde4df.html

Francesca Pascale, l'intervista al Fatto: 'Sostengo il movimento Lgbt e critico il sovranismo'


Di Salvatore Santoru

Recentemente la fidanzata di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale, è stata intervistata dal Fatto Quotidiano(1).

Durante l'intervista la giovane donna ha parlato del suo impegno a favore delle istanze della comunità LGBT e del lancio di un'associazione che ne difenda i diritti, anche nel suo interesse.

La Pascale ha anche sostenuto di essere molto critica nei confronti dell'attuale sovranismo e ha parlato del suo rapporto con Berlusconi.

Oltre a ciò, la giovane donna ha detto di essere stata discriminata per via del suo 'amore non convenzionale' con un uomo con diversi anni più di lei, per la precisione 49(2).

NOTE:

(1) https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/11/02/odio-il-sovranismo-e-i-paletti-ne-etero-ne-gay-sono-libera/5544155/

(2) https://www.informazioneconsapevole.com/2019/11/francesca-pascale-sono-innamorata-di.html

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

FOTO: https://www.open.online

Francesca Pascale: 'Sono innamorata di Berlusconi e ho subito discriminazione solo perché amo un uomo molto più grande di me'


Di Salvatore Santoru

In una recente intervista del Fatto Quotidiano Francesca Pascale ha parlato della sua relazione con Silvio Berlusconi(1).

Come riportato da Blitz Quotidiano(2), la donna ha sostenuto di sentirsi libera e di non identificarsi né nell'orientamento etero e né in quello gay.

Inoltre, la Pascale ha affermato di non essere offesa dalle voci che sostenevano una sua presunta lesbicità e ha detto di essersi sentita semmai violata nella privacy.

Nella stessa intervista, la giovane donna ha detto di aver subito la discriminazione per il suo 'amore non convenzionale' con un uomo molto più grande di lei.

NOTE:

(1) https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/11/02/odio-il-sovranismo-e-i-paletti-ne-etero-ne-gay-sono-libera/5544155/

(2) https://www.blitzquotidiano.it/tv/francesca-pascale-etero-berlusconi-3112465/

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

FOTO: https://twitter.com

Incontro Berlusconi-Salvini: "Fronte comune per efficace opposizione"


Di Fabio Franchini
"Insieme per fare opposizione al nuovo governo"Silvio Berlusconi Matteo Salvini si sono visti a pranzo, trovando l'intesa che ricompatta e rinforza il centrodestra.
Il leader azzurro e il leghista, secondo quanto riferito da fonti di Forza Italia "hanno avuto un cordiale incontro"; un faccia a faccia nel quale, si apprende, "hanno concordato di fare fronte comune per una efficace opposizione al governo Movimento 5 Stelle e Partito Democratico".
Quello tra il Cavaliere e il capo politico del Carroccio era un confronto molto atteso, oltre che decisivo per il centrodestra, che trova così la quadra, rinsaldando l'intera coalizione, ora tutta insieme all'opposizione. "È andato tutto bene, benissimo. Siamo in piena sintonia. Abbiamo parlato un po' di tutto e dell'opposizione", le parole dell'ex premier lasciando la sua residenza milanese dopo l'incontro con Salvini.
L'ex titolare del Viminale aveva annunciato il vertice nella giornata di lunedì, intervenendo nella piazza di Montecitorio in occasione della manifestazione di protesta contro l'insediamento del governo giallorossoForza ItaliaLega Fratelli d'Italia tornano così a ripercorrere, con rinnovata forza, la strada dell'alleanza a tre per fare una proficua e ficcante opposizione all'esecutivo di M5s Pd, oltre che in vista delle Regionali, in cui il centrodestra, se unito, potrebbe strappare l'Emilia Romagna alla sinistra, dando una spallata alle già vacillanti certezze del piddì.
Inoltre, azzurri, Carroccio e FdI andrebbero così a fare fronte comune anche sul versante della legge elettorale, spingendo per una riforma non in senso proporzionale – che agevolerebbe solo l'ingovernabilità e l'inciucio tra pentastellati e dem – bensì in senso maggioritario, che garantirebbe peraltro maggior stabilità politica al Paese.
Infine, da quanto si apprende da fonti della Lega, Forza Italia parteciperà alla manifestazione di sabato 19 ottobre a Roma contro il governo, insieme a Lega e Fratelli d'Italia.

La visita di Putin in Italia: ecco chi incontrerà


Di Salvatore Santoru

Dopo cinque anni il presidente russo Vladimir Putin torna in Italia. Andando nei dettagli, durante la visita diplomatica lo stesso presidente russo incontrerà Papa Francesco, Giuseppe Conte e i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio

Inoltre, è previsto anche un incontro 'segreto' con Berlusconi.

PER APPROFONDIREhttps://it.blastingnews.com/politica/2019/07/visita-di-putin-in-italia-incontrera-papa-francesco-e-conte-002941771.html

Elezioni europee: Salvini, Pd e Berlusconi sono quelli che spendono di più su Facebook. In coda il Movimento 5 Stelle


Di Eleonora Bianchini

Quanto hanno speso, quali sono i temi forti sui quali fanno campagna e chi c’è dietro alle loro inserzioni. In vista della tornata di elezioni europee e amministrative, Facebook, per la prima volta in Italia, mette a disposizione i dati relativi alle pubblicità fatte dai politici sul social, diventato in Italia il mezzo principale sul quale fare propaganda. Nella classifica degli investimenti degli ultimi 30 giorni (dal 20 aprile al 19 maggio), come è possibile verificare nella libreria inserzioni, chi spende di più è Matteo Salvini (92.313 euro), seguito da Pd (88.475 euro) e Silvio Berlusconi (73.759 euro). Poi ci sono Fratelli d’Italia (23.774) e Giorgia Meloni (18.824). Poco più di 7mila euro, invece, spesi sulla pagina di Forza Italia. In coda invece il Movimento 5 Stelle che sul social network – visto anche l’attivismo online dei suoi sostenitori – ha iniziato a pubblicare inserzioni soltanto nell’ultima settimana, con un investimento di 701 euro. La scelta di concentrarsi in quest’ultimo periodo è stata fatta anche da altri: nel caso di Salvini sono stati spesi 37.118 euro, 26.275 per il Pd, 15.393 per Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni con 14.841 euro. Dal 20 aprile al 19 maggio le regioni in cui si sono concentrati gli investimenti su Facebook sono Lombardia (147.468), Lazio (97.592) e Campania (92.723) mentre in coda ci sono Valle d’Aosta (1485), Molise (4005) e Basilicata (8550). I politici che hanno speso di più sulle loro pagine sono Roberto Rosso di Fratelli d’Italia (spesa 19.922 euro, candidato nella circoscrizione Nord est) e due leghisti Angelo Ciocca(10.087, candidato nel Nordovest e conosciuto per avere calpestato con una scarpa i fogli di Moscovici al Parlamento europeo) e Matteo Gazzini (9952, Nordest).
Salvini top spender, valanga di inserzioni per Forza Italia – Guardando alla pagina ufficiale di Matteo Salvini, nell’ultima settimana il leader della Lega ha speso sulla sua pagina – gestita da 22 profili che operano tutti in Italia – il 40% del budget complessivo da marzo a oggi. Le inserzioni fatte nell’ultimo mese sono 43, di cui al momento solo 8 attive. Le più recenti riguardano le immagini anti “fake news” della manifestazione della Lega a Milano, oltre a un video di alcuni manifestanti di colore in corteo a Napoli che gridano “Salvini assassini”. Ma chi visualizza queste pubblicità? Prendiamo l’ultima che rilancia le immagini della manifestazione di Piazza Duomo: il target è prevalentemente maschile tra i 25 e i 54 anni, e considera profili attivi in Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia. Un’altra inserzione invece, attiva dal 15 maggio e che attacca il Pd si rivolge a un target prevalentementefemminile e over 45 in Lazio, Sicilia, Campania e Lombardia.
Sulla pagina di Silvio Berlusconi, invece, sono state pubblicate 414 inserzioni, di cui 7 attive al momento. L’ultima rilancia un’intervista rilasciata dall’ex premier su Libero e in particolare una sua dichiarazione sugli imprenditori e si rivolge in particolare a uomini nella fascia 45-54 in Lombardia, Campania e Lazio. A gestire la pagina sono 17 profili, mentre ne ha 10 quella di Forza Italia, che nell’ultimo mese ha speso poco più di 7mila euro di cui 1560 solo nell’ultima settimana. Per chiudere col centrodestra, sulla pagina di Giorgia Meloni Fratelli d’Italia ha deciso di concentrare gli investimenti (14mila su 18mila euro) nella ultima settimana, mentre sulla pagina del partito negli ultimi sette giorni è stato concentrato meno di un terzo della spesa. Gli annunci si rivolgono in media a un pubblico prevalentemente maschile over 35.
Guardando a sinistra, fiume di inserzioni anche per il Partito democratico, in tutto 139 di cui 62 attive. Quasi il 3% degli investimenti pubblicitari è stato condensato nell’ultima settimana. Zero inserzioni a pagamento invece sulla pagina di Nicola Zingaretti così come per Sinistra italiana, mentre Casapound al momento ha all’attivo soltanto un’inserzione, pubblicata il 18 maggio: si rivolge a un target esclusivamente maschile e in particolare dai 25 ai 44 anni che nel 18% dei casi e si trova nel Lazio. Un’inserzione per il partito di estrema destra come per il Movimento 5 Stelle che ha attivato le inserzioni (13) soltanto da due giorni per una spesa complessiva di 701 euro. 30 i profili che gestiscono la pagina, di cui 28 operano dall’Italia e uno dal Belgio. Ambiente, giovani e lotta all’evasione sono fra i temi degli ultimi spot su Facebook. Nessuna inserzione invece sulla pagina di Luigi Di Maio.

Imane Fadil, Berlusconi: “Mai conosciuta”. Indagini sulla presenza di metalli nel sangue

«Spiace che muoia sempre qualcuno di giovane. Non ho mai conosciuto questa persona e non le ho mai parlato. Quello che ho letto delle sue dichiarazioni mi ha fatto sempre pensare che fossero tutte cose inventate e assurde». Silvio Berlusconi risponde alle inevitabili domande sulla morte per avvelenamento di Imane Fadel, testimone al processo Ruby Ter, durante un evento a a Melfi (Potenza).
Le indagini della Procura di Milano si stanno concentrando sulla presenza di alcuni metalli nei campioni di sangue prelevati alla 34enne morta il primo marzo all’Humanitas dopo un mese di agonia e analizzati nel Centro Antiveleni Maugeri di Pavia. Per stabilire le cause della morte bisognerà attendere gli esiti dell’autopsia in programma per mercoledì o giovedì. Comunque, i sintomi, come l’assenza di globuli bianchi che ha richiesto molte trasfusioni e il fegato compromesso, per i pm sono «compatibili con un avvelenamento».
Il Centro oggi ha diramato una nota per chiarire che «non identifica radionuclidi e non effettua misure di radioattività» e che «campioni biologici della paziente sono stati inviati al Centro dall’ospedale in cui si trovava ricoverata, per esami e consulenza tossicologica. È stato richiesto il dosaggio dei metalli, ossia la loro individuazione in liquidi biologici, attività che è stata effettuata, e il cui esito è stato trasmesso alla struttura che lo aveva richiesto. Esito che era ed è evidentemente protetto da privacy».

Silvio Berlusconi ha detto che si candiderà alle elezioni europee

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ha detto che si candiderà alle elezioni europee del prossimo maggio «per portare in Europa la mia voce, di un’Europa che deve essere cambiata». Ha anche aggiunto che si candiderà «per fermare questo governo, dove una parte è rappresentata dal Movimento 5 Stelle, guidato da persone con nessuna esperienza e nessuna competenza. Sono come quei signori della sinistra comunista del ’94, in più hanno questo grande difetto».
Berlusconi, che ha 82 anni, era stato interdetto dai pubblici uffici per via degli effetti della legge Severino in seguito alla sua condanna del 2013. Lo scorso maggio, però, il Tribunale di Sorveglianza di Milano aveva accolto una sua richiesta di riabilitazione rendendolo di nuovo candidabile.
Imprenditore immobiliare e fondatore dell’impero televisivo Mediaset, Berlusconi fondò Forza Italia 25 anni fa. Vinse tre volte le elezioni, ottenendo in tutti e tre i casi l’incarico di presidente del Consiglio. Il suo ultimo governo cadde alla fine del 2011, a causa dell’impennata dello spread e della defezione dei suoi alleati della Lega. Alle politiche del 2013 Berlusconi ottenne a sorpresa un buon risultato, ma da allora le sue fortune politiche sono sempre state in discesa.
Alle politiche del 4 marzo 2018, per la prima volta, Forza Italia è stata superata dalla Lega e Berlusconi ha dovuto cedere al suo segretario, Matteo Salvini, la guida della coalizione. Nelle settimane successive al voto, Berlusconi ha dato a malincuore il suo benestare alla formazione dell’alleanza tra Lega e Movimento 5 Stelle, accettando di rimanere alleato di Salvini negli enti locali, ma alla sua opposizione in Parlamento.
Attualmente Forza Italia è descritta da molti come un partito allo sbando, senza una chiara leadership, né un chiaro orientamente politico, divisa dagli scontri tra i vari dirigenti e le loro differenti visioni sul futuro del partito. Gli ultimi sondaggi in vista delle elezioni europee danno il partito di Berlusconi sotto il 10 per cento.

Berlusconi scherza con i giornalisti: “Sono giovane e reggo il ritmo, ma mi fanno fare troppe cose”

Sono giovane e reggo il ritmo ma mi fanno fare troppe cose”.  Questa la frase che Silvio Berlusconi pronuncia di fronte a Palazzo Grazioli ai giornalisti. L’ex premier prima entra nel palazzo. Poi decide di tornare indietro per parlare con la stampa che lo attende. 
Dopo la frase scherzosa, i toni si fanno più seri: “Abbiamo parlato della manovra che non si conosce esattamente e in particolare del reddito di cittadinanza,una cosa che non sta in piedi, un disastro, perchè spingerà molti a non cercare più lavoro, molti a lasciare lavori, tanto paga lo Stato”.
Berlusconi continua: “Riteniamo sia un disastro che non possa portare a eliminare la povertà ma solo un gran buco nero nel bilancio, oltre che un danno e un’ingiustizia per chi lavora”. Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica un filmato. 

ASIA ARGENTO, ALCUNE SOMIGLIANZE DEL CASO BENNETT CON QUELLO DI RUBY E BERLUSCONI(CON TUTTE LE ENORMI DIFFERENZE DEI CASI): 'Montature o verità?'

Risultati immagini per ruby ter

Di Salvatore Santoru

Stando alle ultime indiscrezioni, in un messaggio ad un amico Asia Argento ha sostenuto che non sapeva che Jimmy Bennett fosse minorenne(1).
Al di là della sincerità di tale affermazione(avevano comunque lavorato già in un film), questa dichiarazione fa ritornare in mente quelle di Silvio Berlusconi relative al controverso caso Ruby e alla questione delle cosiddette 'olgettine', anche se la questione è nettamente diversa.

Al tempo, c'è da dire che l'ex presidente del Consiglio fu duramente attaccato da parte di determinati media mainstream e da una certa opinione pubblica nonché definito una sorta di 'mostro'.
Ma, c'è anche da dire che(al di là della verità o meno di essi) il caso Ruby Rubacuori e delle cosiddette 'olgettine' venne considerato da alcuni opinionisti come strumentale alla campagna di screditamento pilotata da parte di determinati poteri forti a cui Berlusconi dava ormai fastidio da tempo e tale 'intrigo internazionale' contro l'ex premier è stato rivelato da un giornalista non certo accusabile di 'simpatie berlusconiane' come Alain Friedman(2).

Al giorno d'oggi, non si sa ancora tutta la verità su tali scandali e l'unica cosa certa è che il Cav concesse favori(economici e sociali) alla presunta 'nipote di Mubarak' e a diverse altre ragazze ma non è sicuro al cento per cento né il fatto che fu presumibilmente 'manipolato dalle stesse' o che ne fu il presunto 'manipolatore'.

Per chiarire, qua ovviamente non si tratta di difendere o attaccare Berlusconi(che è tutt'altro che un santo LOL) o la Argento ma di valutare con sano scetticismo e 'spirito imparziale' tali controversi casi, al di là delle 'opposte propagande'.

NOTE:

(1) https://www.informazioneconsapevole.com

(2) http://www.dagospia.com

Berlusconi non cambia idea: "Foa non lo votiamo". Salvini: "Forza Italia con il Pd per fermare il cambiamento"

Risultati immagini per MARCELLO FOA SALVINI BERLUSCONI
"La scelta dei componenti di forza italia della commissione di vigilanza, di non votare l'indicazione di Marcello Foa alla presidenza della Rai è stata assunta dai nostri gruppi parlamentari. Io ne ho preso atto e l'ho naturalmente condivisa". Lo dice il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in una nota.
"Il servizio pubblico, per essere tale, non può essere espressione unilaterale di una maggioranza, qualunque essa sia. A questo criterio ci siamo attenuti quando eravamo al governo. Ci aspettiamo che vi si attenga anche l'attuale maggioranza. E' stato anche appurato che la eventuale riproposizione dello stesso nome alla commissione di Vigilanza, presenta secondo il parere di autorevoli professionisti problemi giuridici non superabili. Non potrà quindi essere votata dai componenti di Forza Italia", aggiunge Berlusconi.
"La Lega prende atto che Forza Italia ha scelto il Pd per provare a fermare il cambiamento, per la Rai, per il taglio dei vitalizi e per altro ancora. Dispiaciuti, continuiamo sulla via del cambiamento, sicuri che gli italiani e gli elettori del centrodestra (come dimostrano tutti i sondaggi) abbiano le idee chiare". Così il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini.
"La Lega va avanti tranquillamente col nome di Foa. Il Cda della Rai è in carica e può svolgere mansioni e funzioni". E' quanto sottolineano fonti della Lega.
Matteo Salvini si era recato in mattinata all'ospedale San Raffaele di Milano per una visita a Silvio Berlusconi. Secondo quanto riferiscono fonti vicine al segretario leghista l'incontro è stato "cordiale" e i due hanno parlato, in un clima "sereno e pacato", delle questioni politiche in agenda tra cui anche lo strappo di Forza Italia sulla nomina di Marcello Foa alla presidenza della Rai.
Dopo alcune ore, Matteo Salvini ha riconfermato la fiducia al presidente designato: "Il parere che darò sarà assolutamente di riconfermare la fiducia a Marcello Foa e poi finalmente tornare a lavorare, offrire un'informazione a tutti e per tutti, cosa che non sempre la Rai ha fornito in questi anni". Secondo Salvini "ci sta che su un nome al di sopra di ogni sospetto come quello di Marcello Foa, sbraitino e urlino come aquile quelli della sinistra che ormai, poveretti, hanno perso ogni credibilità" ma "conto che trattandosi di una persona libera che ha lavorato nell'ambito dell'informazione del centrodestra in Italia, abbia il sostegno di tutto il centrodestra. Mi pare curioso che un movimento come Forza Italia che ha votato persone di diverso genere negli anni passati dica no ad una persona che ha cominciato a lavorare con Indro Montanelli. Penso che Foa - ha detto ancora il vicepremier - sia il massimo che si può ambire come presidente della televisione pubblica". Ed ancora: "Noi ci riteniamo alleati del centrodestra. A volte altri del centrodestra votano con il Pd. Una volta, due, tre, alla quarta volta vorrà dire che qualcuno preferisce il Pd alla Lega. L'alleanza con i 5 Stelle è di Governo, per le altre scadenze elettorali la Lega è protagonista del centrodestra. Noi siamo convinti di questo. Berlusconi è convinto di questo. Ne ho parlato lungamente con lui stamattina. C'è qualcuno in Forza Italia che invece ha altre ambizioni, si chiariscano. Noi dubbi non ne abbiamo, fretta non ne abbiamo".
I 5 Stelle osservano la situazione, con Luigi Di Maio che sottolinea che la bocciatura di Marcello Foa in VIgilanza "sicuramente non è stato un atto leale nei confronti della Lega da parte di Forza Italia". Ed ancora: "Noi nonostante non siamo alleati, saremo sempre leali e corretti". IL vice premier pentastellato sottolinea che "c'è pieno rispetto del Parlamento da parte del Governo: il Governo non può ignorare il voto della Vigilanza. Quindi se ci sarà una intesa tra le forze politiche su Foa, e per me è auspicabile, allora tornerà per prendere i due terzi delle preferenze, ma se non c'è sono le forze politiche che siedono in Vigilanza che devono trovare una alternativa".
E il cambiamento di tono non sfugge a Forza Italia, che inizia ad apprezzare, per bocca di Renato Schifani, componente forzista della Commissione parlamentare di Vigilanza. "La bocciatura in Vigilanza di Foa è un finale scontato. Forza Italia non poteva avallare una forzatura della maggioranza. A dispetto della legge, che, prevedendo il voto dei due terzi della Commissione per eleggere il presidente del CdA e quindi una scelta ampiamente condivisa, M5S e Lega ci hanno escluso da ogni percorso di condivisione. Il nostro 'no' è quindi legato al metodo non alla persona".

Marchionne, il cordoglio di Berlusconi: "Lo avrei voluto alla guida dell'Italia"

Risultati immagini per marchionne berlusconi
Di Claudio Cartaldo
Anche Silvio Berlusconi saluta Sergio Marchionne, l'ex ad di Fca morto oggi.
Il manager italo-canadese, dopo il ricovero all'ospedale di Zurigo, è stato sostituito da Mike Manley alla guida della azienda automobilistica. Le sue condizioni erano state definite irreversibili e John Elkann era stato chiaro: "Sergio non tornerà". Il cav aveva già mandato un suo messaggio a quel manager che considerava il "numero 1" in Italia. E oggi, dopo la notizia del decesso, il leader di Forza Italia si è detto molto dispiaciuto per una perdita che colpisce tutto il Paese.
"Con Sergio Marchionne l'Italia perde non soltanto il più brillante dei suoi manager - dice Berlusconi ma una delle figure simbolo del nostro Paese. Ha rappresentato l'Italia migliore: quella operosa e concreta, seria e preparata, dotata di visione e capace di guardare al futuro. Un'Italia che non ha paura della competizione, sa affrontarla e vincerla grazie alla qualità del prodotto italiano e alla capacità creativa delle persone e delle imprese".
In una nota, il Cav ricorda come "Sergio Marchionne non ha soltanto salvato posti di lavoro in Italia, in una stagione di drammatici cambiamenti", ma ha anche "dimostrato che nell'epoca della globalizzazione dall'Italia possono ancora nascere sfide imprenditoriali di livello mondiale. La sua è la biografia di un italiano che ha costruito il successo con le sue forze e il suo impegno, attraverso la difficile strada dell'emigrazione, senza mai rinnegare lo stretto legame con la sua patria, le sue origini familiari, il rapporto speciale con l'arma dei Carabinieri, alla quale apparteneva il padre, e dalla quale ereditò il senso della disciplina e del sacrificio".
Poi Berlusconi torna a ripetere che, come disse una volta in passato, "mi sarebbe piaciuto vederlo alla guida del nostro Paese. Lo penso ancora: le caratteristiche di una persona straordinaria come Marchionne, la competenza, la preparazione, la capacità dimostrata di ottenere risultati importanti, sarebbero state preziose - se fosse stato disponibile - per ridare dignità alla politica".

BERLUSCONI: critiche a Decreto dignità, 5 Stelle e nuovo governo. 'Azioni contraddittorie, pentastellati schiavi dell'ideologia di sinistra"

Risultati immagini per silvio berlusconi

Di Salvatore Santoru

"L'azione del Governo nazionale è confusa e contraddittoria, ci sono provvedimenti dannosi sia per le aziende sia per i lavoratori". 
Lo ha recentemente sostenuto Silvio Berlusconi, in una diretta telefonica agli stati generali di Forza Italia in corso a Pescara.

Inoltre, riporta l'Huffington Post(1), il leader di Forza Italia ha nuovamente criticato i 5 Stelle e il Decreto di Dignità.
Più specificatamente, Berlusconi ha detto che "con questo provvedimento i Cinque Stelle confermano non solo di essere del tutto inadatti e incapaci di governare, ma anche di essere prigionieri delle vecchie ideologie della sinistra, che anche la sinistra ha ormai abbandonato".

NOTA:

(1) https://www.huffingtonpost.it/2018/07/14/silvio-berlusconi-lazione-del-governo-e-confusa-e-contraddittoria-i-5-stelle-schiavi-dellideologia-di-sinistra_a_23481934/

Mentana: "Ecco come i poteri forti hanno disarcionato il Cav"

Risultati immagini per MENTANA BERLUSCONI

Di Luca Romano

Enrico Mentana in un'intervista al Fatto Quotidiano parla di Silvio Berlusconi e di quanto accaduto negli utlimi anni.

Il direttore di Tg La/ ripercorre le vicende del 2011 e la caduta del governo guidato dal Cavaliere. Mentana ha le idee molto chiare su quanto accaduto e afferma: "Per questo hanno disarcionato Silvio Berlusconi. Un equilibrio tra imprenditoria, istituzioni e partiti, dove quest'ultimi decidevano, tanto è vero che a un certo punto il mondo dell'economia e della finanza ha creato un suo partito intorno a Enrico Cuccia. Si è sempre trattato, però, di una "forza residuale, anche quando è arrivato Berlusconi".

Da qui lo scontro tra due parti. Una, quella guidata dal Cavaliere, con l'obiettivo di cambiare il sistema semplificandolo, dall'altra quella della classe dirigente che mirava a conservare il potere: Berlusconi prima di entrare in politica - spiega Mentana - aveva ben chiaro un punto: doveva semplificare. E quando ha vinto le elezioni, lo choc per la classe dirigente di allora è stato di perdere i posti di controllo. Anche per questo l'hanno disarcionato".

Infine il direttore di Tg La7 si lascia andare ad una frase che lascia intendere quali possano essere i meccanismi del potere dietro le quinte: "In un grattacielo di 30 piani la figura più importante non è chi abita nell'attico, ma il tecnico dell'ascensore...".

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/politica/mentana-ecco-i-poteri-forti-hanno-disarcionato-cav-1544548.html

Silvio Berlusconi, l'avvertimento di Alessandra Mussolini: "Così facciamo la fine di Gianfranco Fini"

Risultati immagini per ALESSANDRA MUSSOLINI BERLUSCONI

Libero

"Così facciamo la fine di Gianfranco Fini". E se a dirlo è Alessandra Mussolini, dentro Forza Italia il campanello d'allarme suona eccome. Secondo l'eurodeputata azzurra "votare no alla fiducia non è proprio fattibile. E cosa spieghiamo alla gente?". Il governo M5s-Lega, con il premier Giuseppe Conteche oggi incasserà la fiducia al Senato (e mercoledì alla Camera) rischia quindi di spaccare il partito di Silvio Berlusconi. "Abbiamo fatto un programma a quattro mani - spiega la Mussolini al Tempo -: Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e Noi con l'Italia. Molti di quei temi oggi sono nel contratto tra Lega e 5 Stelle. Oggi che facciamo? Votando no, mettendoci all'opposizione, ci accodiamo al Pd che combatte il nostro alleato Salvini. La gente oramai individua nella Lega un partito di destra, come possiamo spiegare la nostra posizione?".

Secondo la Mussolini, se Forza Italia avesse deciso di votare sì al governo di Conte avrebbe dato maggiore potere a Salvini, e più peso nel contrattare su misure avverse a Forza Italia e al programma di centrodestra. "Così invece - aggiunge - siamo proprio nell'angolo". Il sospetto, malizioso, è che "alla base di tutto non ci sia una visione che è quella di finire come Fini a rimorchio della sinistra, ma così allora davvero prenderemo il 5% e ciaone".

Alfano lascia il ministero e su Twitter scrive: “Spero in un rapporto affettuoso con Berlusconi”

Risultati immagini per ALFANO
“Ho il dovere e il piacere di ricordare, in questo momento di commiato dalla vita pubblica, il Presidente Berlusconi cui mi hanno legato anni di collaborazione e amicizia e con cui spero di tornare ad avere, fuori dalla contesa politica, un rapporto amichevole e affettuoso”. Il tweet arriva nel pomeriggio, dopo il giuramento del governo ConteAngelino Alfanolascia il suo incarico di ministro degli Esteri e sul sito di microblogging scrive di confidare nel recupero di un rapporto di vicinanza con il leader di Forza Italia. Con l’ex Cavaliere, che in lui aveva intravisto il suo delfino, la rottura si era consumata nel 2013, quando Alfano insieme ad altri forzisti decise di fondare il Nuovo Centrodestra – sciolto nel 2017 – e di sostenere il governo Letta. Ma Alfano oggi non si è limitato al tweet su Berlusconi e nell’arco di un paio d’ore ne ha scritti altri sei.
Ho il dovere e il piacere di ricordare, in questo momento di commiato dalla vita pubblica, il Presidente @berlusconi cui mi hanno legato anni di collaborazione e amicizia e con cui spero di tornare ad avere, fuori dalla contesa politica, un rapporto amichevole e affettuoso.
Ringrazia i premier “sotto i quali ho servito nella scorsa e travagliata legislatura”, Enrico Letta, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, così come i due capi di Stato Giorgio Napolitano e Sergio Mattarella nelle mani dei quali “ho prestato per quattro volte giuramento di fedeltà alla Repubblica“. Alfano fa quindi gli auguri al neo presidente del Consiglio Giuseppe Conte, “al mio autorevole successore alla Farnesina Enzo Moavero e a tutti i membri della squadra ministeriale. W l’Italia!”. E nell’ultimo scrive: “Da questo pomeriggio torno alla vita privata. Farò l’avvocato, ciò per cui ho studiato. Si ri-comincia. E ri-cominciare, se c’è lo spirito giusto, è un po’ come ri-nascere. W la vita, la nuova vita”.

Da questo pomeriggio torno alla vita privata. Farò l’avvocato, ciò per cui ho studiato. Si ri-comincia. E ri-cominciare, se c’è lo spirito giusto, è un po’ come ri-nascere. W la vita, la nuova vita.

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *