Gli Stati Uniti: non riconosciamo l'indipendenza del Kurdistan iracheno

Referendum del Kurdistan iracheno

http://www.globalist.it/world/articolo/2012324/gli-stati-uniti-non-riconosciamo-l-indipendenza-del-kurdistan-iracheno.html

L'esito era abbastanza scontato, ma adesso è arrivata la bocciatura definitiva: gli Stati Uniti non riconoscono il referendum per l'indipendenza del Kurdistan iracheno e sollecitano la fine delle "minacce di azioni reciproche". Lo ha dichiarato il segretario di Stato americano Rex Tillerson.
"Gli Stati Uniti non riconoscono il referendum unilaterale del governo del Kurdistan - ha precisato - Il voto e i risultati mancano di legittimità e continuiamo a sostenere un Iraq unito, federale, democratico e prospero ". "Esortiamo calma e fine a recriminazioni vocali e minacce di azioni reciproche", ha aggiunto.
"Esortiamo le autorità curde irachene a rispettare il ruolo costituzionale del governo centrale ed esortiamo il governo centrale a respingere le minacce e le allusioni ad un possibile ricorso alla forza", ha proseguito Rex Tillerson, chiedendo a tutte le parti di "restare concentrate nella lotta per battere" l'Isis.
Gli Stati Uniti avevano già respinto il referendum organizzato lunedì nel Kurdistan iracheno, sostenendo che rischiava di destabilizzare la regione.

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.