Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Governo, Di Maio: “Ok al dialogo con il Pd, la Lega non vuole”. Martina: “Sì a confronto se sono finite le ambiguità”

Share it:
Risultati immagini per DI MAIO MARTINA 5 STELLE
E’ il giorno in cui Luigi Di Maio, capo politico del M5s, ha chiuso uno dei suoi due forni. La strategia del doppio fronte per arrivare a un governo “del cambiamento” dopo 50 giorni si è infranta sulla Lega e sul centrodestra, coalizione che per paradosso è riuscita a rimanere unita pur essendo divisa su molte questioni (a partire dall’alleanza con i Cinquestelle). Non è stato Di Maio a rompere con Matteo Salvini, ma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a forzare la mano, a dare il mandato esplorativo al presidente della Camera Roberto Fico e a dire che il confronto infruttuoso, super-tattico e un po’ strumentale tra M5s e Lega può fermarsi qui perché il tempo è scaduto. Ed è stato Mattarella a spostare la trattativa dalla parte opposta, dalla parte del Pd. Di Maio, scrive sul Blog delle Stelle, ci sta: “Io accetto la richiesta del capo dello Stato e presto incontrerò il presidente della Camera per valutare la possibilità di questo percorso, visto e considerato che dall’altra parte non hanno voluto ascoltare i loro stessi elettori che chiedevano a Salvini di fare questo passo”. Il Pd non è altrettanto granitico, deve fare ancora i conti con i propri fantasmi. Martina, il segretario reggente, dice che se il M5s la finisce con le ambiguità (cioè guardare al M5s e al Pd), il dialogo può partire, ma c’è una parte consistente del partito (tra cui il presidente Matteo Orfini) che assicura che le distanze sono incolmabili.

L’addio di Di Maio a Salvini: “C’ho provato”
Di Maio scrive una sorta di lettera d’addio a Salvini, con il quale finora aveva collaborato soprattutto per la composizione delle cariche istituzionali. Il leader dei Cinquestelle dice che ha capito che “Salvini non vuole assumersi responsabilità di governo. Perchè sinceramente non riesco proprio a capire come mai preferisca stare all’opposizione per il bene dei suoi alleati, invece di andare al governo per il bene degli italiani. E dovrà darne conto a tutti gli imprenditori, pensionati, professionisti, giovani che lo hanno votato per vederlo al Governo e invece ha reso il loro voto ininfluente. Non si dica che non c’ho provato fino alla fine, adesso buona fortuna”. Viceversa con il Pd, spiega di Maio, “non sarà un’alleanza: voglio dirlo chiaramente ai nostri attivisti: quello che valeva per la Lega, vale anche per il Pd. Le condizioni non cambiano: vogliamo un contratto di governo“. D’altra parte, aggiunge, “il nostro programma non è nè di destra nè di sinistra, ma di puro buonsenso e non siamo disposti a rinunciare i nostri valori. Per l’Italia è un’occasione storica per fare quello che si aspetta da 30 anni e io non ho nessuna intenzione di perdere questa opportunità straordinaria”.
Martina: “Ok al dialogo”, ma i renziani scaldano i motori
E il Pd? La situazione è un po’ meno chiara. Da una parte c’è la linea ufficiale pronunciata dal segretario reggente Maurizio Martina: “Ci confronteremo con il presidente Fico con spirito di leale collaborazione secondo il mandato conferitogli dal presidente Mattarella – dice – Lo faremo con serietà e coerenza a partire da una questione fondamentale e prioritaria: la fine di ogni ambiguità e di trattative parallele con noi e anche con Lega e centrodestra. Per rispetto degli italiani, dopo 50 giorni di tira e molla, occorre su questo totale chiarezza”. Ma da quelle parti le acque sono tutt’altro che cristalline.
Basti pensare che il mandato esplorativo si trovava  solo da pochi minuti nelle mani di Fico e  i renziani erano già partiti a testa bassa: sulle agenzie, su facebook, su twitter. I peones come Alessia MoraniAndreaMarcucciDavide FaraoneDario ParriniMichele Anzaldi. Ma anche e soprattutto il presidente del partito, Matteo Orfini: “Eravamo, siamo e resteremo alternativi ai Cinquestelle per cultura politica, programmi e idea della democrazia”. Uscite che avevano provocato la reazione di Francesco Boccia, esponente della minoranza del partito: “Esprimere giudizi sulla linea che dovrà tenere il Pd subito dopo le decisioni di Mattarella e senza attendere l’incontro istituzionale tra il presidente Fico e la delegazione del partito è grave e irrispettoso verso le più alte istituzioni dello Stato”. Le minoranze, dice, in nome dell’unità sono state fin troppo pazienti: ora serve una direzione nazionale del partito.
Share it:

Luigi Di Maio

Maurizio Martina

Movimento 5 Stelle

news

PD

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione