Page Nav

HIDE

Gradient Skin

Gradient_Skin

Breaking News

latest

La Russia ha un piano per la Libia, un altro Gheddafi

Di Henry Meyer , Samer Al-Atrush e Stepan Kravchenko Bloomberg La Russia ha un nuovo potenziale leader per la Libia . Il suo nom...


Di Henry Meyer , Samer Al-Atrush e Stepan Kravchenko

La Russia ha un nuovo potenziale leader per la Libia. Il suo nome è Gheddafi.
Il figlio dell'ex dittatore, Saif al-Islam, questo mese è diventato l'ultimo di una lunga serie di libici per chiedere il sostegno di Mosca mentre il presidente Vladimir Putin intensifica il ruolo della Russia nello stato nordafricano ricco di energia.

Con gli Stati Uniti quasi del tutto assenti, il Cremlino vede un'apertura per diventare il principale intermediario in Libia, senza timone e diviso dopo la caduta e la morte di Muammar Gheddafi nel 2011. Probabilmente la Russia sarà incoraggiata in tale obiettivo dai piani statunitensi di ritirarsi dalla Siria .
Mosca è stata finora vista lanciare il proprio destino a Khalifa Haftar, un militare forte che controlla la maggior parte della produzione petrolifera ad est della Libia. Eppure la Russia sta costruendo tranquillamente legami con tutte le fazioni in competizione, secondo due diplomatici europei che studiano la strategia del Cremlino. Ciò la mette in condizione di beneficiare più di altri poteri esterni che supportano l'una o l'altra parte.

"L'Occidente ha fatto tutto il possibile per immergere questo paese nel caos. Ora tutte le parti in conflitto si fidano di Mosca "
Mentre ci sono importanti problemi per la richiesta di potere da parte di Saif al-Islam, per i russi, "il loro scenario migliore è quello di sostenere qualcuno del regime precedente, perché si conoscono bene e hanno avuto decenni di rapporti durante il governo di Gheddafi ", Ha detto Mohamed Eljarh, co-fondatore di Libya Outlook for Research and Consulting, un pensiero basato su Tobruk, grazie.

Per Putin, che condannò con rabbia la campagna militare a guida NATO che rovesciò la regola di quattro decenni di Gheddafi come una "crociata", ripristinando la Russia come un giocatore chiave in Libia dopo il suo intervento di successo in Siria avrebbe sostenuto il peso del suo paese a spese degli Stati Uniti. Apre inoltre la strada a contratti di ricostruzione del valore di miliardi di dollari, una quota delle maggiori risorse petrolifere africane e una possibile nuova base navale sul Mediterraneo.

"L'Occidente ha fatto tutto il possibile per immergere questo paese nel caos", ha detto Alexander Dynkin, capo dell'Istituto per l'economia mondiale e le relazioni internazionali, un gruppo di ricerca statale che consiglia il Cremlino. "Ora tutte le parti in conflitto si fidano di Mosca".


La Russia ha cambiato strategia in Libia lo scorso anno, secondo i diplomatici. Oltre a sostenere Haftar, Mosca ha fatto un sacco di sforzi nel corteggiare il governo rivale appoggiato dall'ONU a Tripoli e in altri centri di potere, compresa la regione occidentale di Misurata, hanno detto. Haftar è stato un assiduo frequentatore di Mosca dal 2016, ma il primo ministro Fayez al-Sarraj e altri alti funzionari libici si trovano regolarmente nella capitale russa.


La strategia del Cremlino sembra dare i suoi frutti. La Russia è in trattativa con la Libia per il riavvio di un contratto da 2,2 miliardi di euro ($ 2,5 miliardi) per costruire una linea ferroviaria ad alta velocità da Bengasi a Sirte, sospesa dalla scomparsa di Gheddafi. Anche i produttori russi della difesa che hanno perso 4 miliardi di dollari in accordi di armi in Libia stanno guadagnando terreno. La Libia sta invece acquistando 1 milione di tonnellate di grano russo per 700 milioni di dollari.

Anche gli interessi energetici russi stanno avanzando. Il CEO di Libyan National Oil Corp. Mustafa Sanalla si è recato a Mosca in ottobre per i colloqui con Gazprom PJSC e Tatneft PJSC sul rilancio di progetti libici risalenti all'era di Gheddafi. Rosneft PJSC ha accettato di investire in esplorazione e produzione in Libia e di acquistare greggio. Tutti si occupano esclusivamente di NOC di Tripoli, nonostante i legami Haftar di Mosca, perché solo lui ha il diritto di stipulare accordi stranieri.

"Il sostegno mostrato da NOC dai leader politici e commerciali russi dimostra la forza delle nostre prospettive future", ha detto Sanalla a Bloomberg.
Mentre la Russia approfondisce il suo impegno, il ritiro globale del presidente Donald Trump, il più recente in Siria, rischia di lasciare alla deriva gli Stati Uniti. Né la Russia né gli Stati Uniti hanno ambasciate funzionanti in Libia, le operazioni americane sono state sospese dopo che l'ambasciatore americano è stato ucciso nel 2012 durante un attacco armato contro il complesso diplomatico a Bengasi. Eppure il mese scorso, mentre l'amministrazione Trump lavorava a una  nuova strategia per l'Africa , gli Stati Uniti  inviò  il segretario alla vicepresidenza per gli affari del Vicino Oriente David Satterfield a una conferenza sulla Libia ospitata dal governo italiano; La Russia ha inviato il primo ministro Dmitry Medvedev.

Il coinvolgimento della Russia in Libia risale al 1969, quando Gheddafi salì al potere come un ufficiale militare di 27 anni in un colpo di sangue contro la monarchia sostenuta dall'Occidente. L'Unione Sovietica e il suo stato successore russo armarono il regime di Gheddafi, ma dopo il suo rovesciamento la Libia si disintegrò in fazioni rivali con il governo centrale incapace di controllare persino la capitale.
Durante il salasso, Saif al-Islam, 46 anni, che ha studiato alla London School of Economics and Political Science, è stato catturato, processato e poi liberato a metà 2017 dai ribelli che hanno fatto cadere e ucciso suo padre.
"Nessuna delle due parti può permettersi di opporsi o di rifiutarsi di parlare con la Russia"

I rappresentanti russi sono entrati in contatto con l'erede un tempo poco dopo il suo rilascio e hanno parlato con video-link, con lui che parlava da una località segreta, ha detto una persona a Mosca con la conoscenza della politica libica. Il ministero degli Esteri ha rifiutato di commentare.
Un rappresentante del figlio di Gheddafi ha incontrato il vice ministro degli Esteri Mikhail Bogdanov all'inizio di dicembre, consegnando una lettera a suo nome con saluti a Putin e al governo russo, spiegando la sua visione politica per la Libia e chiedendo sostegno politico.

La visita del suo emissario non fu la prima. Il figlio di Gheddafi sta cercando in Russia l'aiuto finanziario e la mediazione con altri centri di potere libici per sostenere la sua offerta di diventare presidente, ha detto la persona.
Saif al-Islam potrebbe scegliere di candidarsi alle elezioni nazionali che le Nazioni Unite vogliono tenere l'anno prossimo sotto il suo ultimo piano per unificare il paese, anche se è ricercato dalla Corte penale internazionale con accuse dal 2011 tra cui  due capi di crimini contro l'umanità . Haftar ha anche le sue ambizioni presidenziali come altri politici libici, e la Russia non ha ancora deciso di sostenere un particolare candidato, ha detto la persona.
Dati i vincoli legali, con i procuratori di Tripoli che stanno cercando il suo arresto, "è difficile vedere come Saif al-Islam possa tornare in patria" a meno che la questione non venga risolta attraverso un più ampio processo di riconciliazione nazionale, ha detto Eljarh of Libya Outlook. I russi però stanno "mantenendo aperte le loro opzioni", ha detto.

Con Haftar di 75 anni e in cattive condizioni di salute, il figlio di Gheddafi potrebbe ottenere il sostegno della Russia se vi è un consenso tra i libici, ha detto Maria Al Makahleh, un'esperta del Medio Oriente presso il Valdai Club supportato dal Cremlino. Lev Dengov, un inviato russo in Libia, ha detto a novembre che il suo governo era in contatto con Saif al-Islam, descrivendolo come "un partecipante al processo politico" che ora è "molto ottimista" riguardo alle sue prospettive.

Un'altra speranza, Aref Ali Nayed, un politico libico visto vicino a Haftar che ha dichiarato la sua candidatura alla presidenza, ha visitato Mosca due volte da settembre per colloqui con alti funzionari. L'obiettivo era "incoraggiare i russi a svolgere un ruolo attivo", ha detto Nayed, ex ambasciatore libico negli Emirati Arabi Uniti, al telefono da Londra. "Sento veramente di essere in una situazione di stallo nel processo politico. Credo di poter essere una figura unificante. "

All'interno della Libia, Ramzan Kadyrov, leader della regione cecena principalmente musulmana, ha promosso contatti non ufficiali da quando ha assicurato il rilascio di marinai russi detenuti nel paese nel 2015. È in contatto sia con Tripoli che con importanti forze tribali in altre parti della Libia.
Nell'est, dove domina l'esercito nazionale libico di Haftar, il personale militare russo sta fornendo addestramento e manutenzione delle armi, mentre ci sono indicazioni che le forze speciali russe sono state inviate e hanno preso parte alle operazioni lì, hanno detto due funzionari occidentali. Nella competizione per il futuro del Paese, "la Russia ha un vantaggio principale - Haftar", ha detto Konstantin Malofeev, un uomo d'affari russo e Putin alleato con contatti in Libia.

La Russia deve ancora affrontare ostacoli significativi nel trattare con fazioni armate libiche incapaci di concordare su come condividere il potere. Il quadro è ulteriormente confuso da altri attori esterni, con l'Italia e il Qatar visti scommettere su Tripoli, e gli Emirati Arabi Uniti, l'Egitto e la Francia schierati con Haftar.

Sfruttando le sue scommesse e mantenendo aperti i canali di comunicazione a tutte le parti, la Russia sta assicurando che beneficerà "indipendentemente dal vincitore del conflitto o dall'accordo di pace in atto", ha affermato Riccardo Fabiani, esperto in Medio Oriente e Nord Africa presso Energy Aspects . In Libia "nessuna delle due parti può permettersi di opporsi o rifiutarsi di parlare con la Russia", ha detto.


Bloomberg, 20 Dicembre 2018

TRADUZIONE DI OSSERVATORIO EUROASIATICO

1 commento

Partecipa alla discussione