Page Nav

Grid

GRID_STYLE

Breaking News

latest

Anche gli Stati Uniti in prima linea per cercare il sottomarino scomparso

Di Davide Bartoccini Non ci sono prove ‘evidenti’ che le chiamate satellitari captate nelle scorse ore provengano dal sottomarino argen...

OLYCOM_20171119015705_25029525
Di Davide Bartoccini
Non ci sono prove ‘evidenti’ che le chiamate satellitari captate nelle scorse ore provengano dal sottomarino argentino scomparso A.R.A. San Juan: intanto gli Stati Uniti supportano le ricerche inviando pattugliatori marittimi e ‘caccia sommergibili’. Inviato in Argentina anche l’Undersea Rescue Command (URC) con i sistemi di soccorso SRC – Submarine Rescue Chamber – e PRM – Pressurized Rescue Module – in caso di individuazione del relitto.
Un P-8A ‘Poseidon’ dell’US Navy – pattugliatore marittimo MMA (Multimission Maritime Aircraft) – e un P-3 ‘Orion’ della NASA – unità per la ‘lotta antisommergibile’ ASW – sono stati inviati a supporto della Marina Argentina per scandagliare le acque a 432 chilometri dalla costa orientale argentina dove è stata rilevata l’ultima posizione del sottomarino scomparso lo scorso 16 novembre.
I due velivoli sono decollati nella giornata di sabato diretti a Bahia Blanca, in Argentina, e già oggi sorvolano senza sosta l’Atlantico meridionale a ciaccia del sottomarino scomparso. Intanto la US Navy ha dato l’ordine di decollo a tre velivoli da trasposto tattico C-17 Globemaster III e un C-5 Galaxy per trasportare dalla base aerea di Miramar a quella argentina di Comodoro Rivadavia i sistemi di soccorso SRC, un Remotely Operated Vehicle (ROV) e il modulo PRM – Pressurized Rescue Module – nel caso venga lanciata una missione di soccorso e recupero dei 44 membri dell’equipaggio dispersi.

Le ricerche aeree

A fianco delle unità della Fuerza Aérea e dell’Armada argentine, da oggi operano un Boeing P-8A Poseidon dell’US Navy e il suo antecedente, il P-3 Orion in forza alla NASA, che stanno mettendo a disposizione le loro strumentazioni all’avanguardia per captare qualsiasi traccia possibile del ‘San Juan’. Il P-8A, bireattore con un’autonomia di 1.200 miglia nautiche, è configurato con sensori e apparecchiature come il MAD – Magnetic Anomaly Detection – che hanno già certificato la propria d’efficenza nelle operazioni di ricerca della nave cargo sudcoreana Stellar Daisy. Il P-3 ‘Orion’, quadrimotore a turboelica, è un pattugliare marittimo impiegato per la ASW – Anti-submarine Warfare – noto per il suo aculeo di coda che alloggia anch’esso il ‘MAD boom’: rilevatore di anomalie magnetiche impiegato per localizzare unità sottomarine.

Nessun commento

Partecipa alla discussione

ARCHIVIO