Parigi, braccio di ferro tra Macron e Erdogan: “La Turchia in Ue? Impensabile”, “Basta, siamo stanchi di implorare”

Parigi, braccio di ferro tra Macron e Erdogan: “La Turchia in Ue? Impensabile”, “Basta, siamo stanchi di implorare”
L’obiettivo del premier turco Recep Tayyip Erdogan era riaprire una finestra di dialogo con l’Europa ma alla fine la sua visita a Parigi si è trasformata in un botta e risposta con il presidente francese Emmanuel Macron. “E’ impensabile” che Ankara “entri nell’Unione Europea” dice Macron. “Siamo stanchi di implorare l’adesione all’Ue” risponde Erdogan. L’arrivo del capo di Stato turco in Francia era stato accompagnato dalle critiche e dalle proteste di un gruppo di attivisti dell’Ong Reporters sans frontières davanti all’ambasciata turca. Ma, a prescindere dai negoziati Ue, per la Francia la Turchia resta un partner strategico con cui è necessario mantenere un dialogo costruttivo su alcuni temi chiave, come ha detto il ministro degli esteri Jean-Yves Le Drian.
Ma le scintille, durante la conferenza stampa subito dopo il bilaterale all’Eliseo, sono state inevitabili sul tema dei diritti umani soprattutto dopo il golpe del 2016. Erdogan considerava la sua visita visita come una vittoria per rimettere in moto i negoziati sull’ingresso della Turchia nell’Ue – in stallo da tempo – e infatti ha rivendicato il fatto che “la Turchia è rimasta in attesa per 54 anni sulla soglia dell’Europa: qQuesta situazione stanca la nazione turca e ci costringerà a prendere una decisione definitiva“. Parole a cui ha subito risposto il presidente francese, evidenziando i “disaccordi sulle nostre rispettive visioni delle libertà individuali”. “È importante che la Turchia resti ancorata alla Convenzione europea dei diritti umani“, ha insistito il presidente, secondo cui l’attuale contesto non permette “alcun progresso” in termini di adesione di Ankara all’Ue. “È evidente che dobbiamo uscire dall’ipocrisia secondo cui si possono aprire nuovi capitoli (nel processo di integrazione Ue): non è vero”. Il presidente francese ha invece proposto un “partenariato” tra la Turchia e l’Ue, in mancanza di un’adesione, per “assicurare l’ancoraggio” del Paese e dei suoi cittadini all’Europa. Una posizione molto simile a quella assunta dalla Francia ai tempi della presidenza di Nicolas Sarkozy.

Poi,  riferendosi all’arresto un giornalista francese in Turchia, in carcere dal settembre scorso, il presidente francese ha sottolineato che “le democrazie devono assolutamente rispettare lo stato di diritto”. “La Turchia è uno Stato di diritto” ha replicato Erdogan, rispondendo alle critiche sulle libertà individuali in Turchia.  “L’occidente – ha aggiunto – ci dice sempre che la giustizia deve essere indipendente e da noi la giustizia è indipendente e prende le proprie decisioni, i propri verdetti”. “Su questo tema il presidente Macron mi ha dato il nome di alcuni casi (di giornalisti e personalità arrestate, ndr.), chiederò al ministro della Giustizia di raccogliere tutte le informazioni su queste persone e gliele darò”.
E sempre in riferimento ai numerosi arresti avvenuti in Turchia dopo il tentato golpe, Erdogan ha dichiarato che “il terrorismo non nasce così, da solo, ci sono anche i giardinieri del terrorismo: uomini di pensiero, di idee, che scrivono nei giornali (…) Sono loro che portano l’acqua al mulino”. “Abbiamo avuto 35mila martiri del terrorismo, spero che la Francia non paghi mai questo tributo”, ha concluso. Posizione ribaditacamente dal premier turco in risposta alla domanda di un cronista che gli chiedeva chiarimenti sulle presunte armi fornite dagli 007 turchi in Siria. “Tu parli come un terrorista del Feto“, ha ammonito il presidente turco Erdogan dinanzi alla folta platea riunita nel palazzo presidenziale. “No, parlo come un giornalista francese”, ha replicato il reporter.
I due presidenti hanno trovato un punto in comune solo sul fronte della lotta al terrorismo: “Sul piano bilaterale, regionale e internazionale abbiamo interessi comuni e numerose sfide da affrontare insieme: la prima è lotta al terrorismo, e su questo tema la nostra cooperazione è esemplare” ha aggiunto il capo dello Stato francese: “Continueremo questa lotta insieme con partenariati rafforzati”. E dinanzi ad Erdogan ha dichiarato anche di considerare il Pkk come una organizzazione terroristica. Quanto all’Isis, “siamo sul punto di vincere spero nelle prossime settimane”, ha ribadito Macron, dicendo che nel dopoguerra bisognerà lavorare insieme per “costruire la pace e a stabilità della Siria” con “un processo di transizione scelto dal popolo siriano in cui tutte le voci saranno rappresentate e potranno esprimersi”.

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.