Breaking News

3/breakingnews/random
Visualizzazione post con etichetta Rio 2016. Mostra tutti i post

RIO 2016: LO JUDOKA SAUDITA SI RIFIUTA DI SFIDARE L'ATLETA ISRAELIANO

Rio 2016, judo. Matteo Marconcini perde ai quarti, ora va a ripescaggi
Da parte di delegazioni arabe si registrano atteggiamenti, prese di posizione, di aperta ostilità verso quelle israeliane. La judoka Joud Fahmy saudita, dopo il primo turno con il match contro Christianne Legentil dalle Mauritius, ha «saltato» l’ incontro con Gili Cohen, israeliana.
Come scrive liberoquotidiano.it con Caterina Maniaci, ufficialmente le notizie diffuse indicano che Fahmy avrebbe subito lesioni al braccio e alla gamba, ma secondo i media israeliani si tratterebbe di un incidente diplomatico, creato ad hoc proprio per evitare il combattimento con l’ israeliana. Insomma, l’ atleta saudita non avrebbe voluto avere contatti con la concorrente israeliana. L’ Arabia Saudita non riconosce Israele, anche se stanno arrivando segnali concilianti, che potrebbe preludere a un cambiamento di posizione.
Due settimane fa una delegazione saudita si è recata a Gerusalemme e ha incontrato funzionari e politici israeliani. Un ex ministro del governo israeliano che ha incontrato il gruppo in visita ha dichiarato che i legami normali tra i due Paesi potrebbero realizzarsi tra non molto.

Però l’ atmosfera a Rio non appare così rasserenante. Prima dell’ episodio con le atlete dello judo, c’ è stato un altro episodio, pochi giorni fa, proprio in occasione della cerimonia di apertura dei Giochi. La delegazione libanese ha rifiutato di far salire sul loro stesso autobus gli atleti israeliani. I quali sono stati costretti a salire su un autobus a parte. Il fatto non è passato inosservato, ma alla fine tutto è finito con una ammonizione alla delegazione libanese.Olimpiadi Rio 2016, diretta tv e streaming su Rai 2, Raisport 1 e Raisport 2. Le Olimpiadi di Rio 2016 saranno visibili in chiaro sui canali Rai, previste oltre 15 ore di diretta al giorno tra Rai 2, Raisport 1 e Raisport 2Il calendario con tutte le garedegli atleti azzurri (cliccare qui).Il palinsesto completo di Rai 2 (cliccare qui) e lo streaming di Rai 2 (cliccare qui). Il palinsesto completo di Raisport 1 (cliccare qui) e lo streaming di Raisport 1 (cliccare qui). Il palinsesto completo di Raisport 2 (cliccare qui) e lo streaming di Raisport 2 (cliccare qui).

RIO 2016, IL JUDOKA EGIZIANO RIFIUTA LA STRETTA DI MANO DALL'ISRAELIANO

Rio 2016, il judoka egiziano rifiuta la stretta di mano dall'israeliano
Nel corso degli ottavi di finale di judo, categoria 100 chilogrammi, alle Olimpiadi di Rio 2016, l’atleta egiziano Islam El Shehaby ha rifiutato la stretta di mano del suo avversario, l'israeliano Ori Sasson.
Il gesto di El Shehaby non è stato apprezzato dal pubblico presente allo stadio, che ha infatti iniziato a fischiare l’atleta.
Sottrarsi a una stretta di mano dopo un incontro di judo è estremamente insolito, il che rende il gesto dell'egiziano ancora più irrispettoso.

RIO 2016, PUTIN NON PRESENZIERA' ALLA CERIMONIA DI APERTURA DELLE OLIMPIADI

Vladimir Putin
L’addetto stampa della Presidenza russa, Dmitrij Peskov, ha oggi dichiarato che Vladimir Putin non prevede di partecipare alla cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Rio de Janeiro. “Al momento questo viaggio non è inserito nel programma del Presidente”, ha dichiarato, “Il piano di lavoro è un altro”. Anche per quanto riguarda la sua presenza a delle singole competizioni, Peskov ha sottolineato come questa “sarà una decisione che prenderà lui stesso”.
Nonostante nelle dichiarazioni ufficiali non se ne faccia accenno, è altamente probabile che la decisione sia profondamente legata alla vicenda doping, che ha preso la connotazione di un vero è proprio boicottaggio dalle sfumature politiche, nonostante la decisione del CIO di ieri circoscriva di fatto l’esclusione solo nell’atletica.
Del resto da un punto di vista prettamente politico, la storia dell’impeachment del Presidente Dilma Roussef poteva aver già sfumato l’entusiasmo dei russi verso un evento che avrebbe dovuto rilanciare nel mondo l’immagine del Gruppo Brics. Ma malgrado l’assoluzione della Roussef arrivata in queste ore, questa sarà almeno dal punto di vista del messaggio politico, un’Olimpiade sotto tono. Dovevano essere le Olimpiadi di Dilma, dopo i mondiali di calcio di due anni fa, invece saranno soltanto le Olimpiadi dello scandalo.
Mentre in Russia le polemiche sulla questione doping non si placano. Il Presidente Putin ha infatti aperto una commissione di inchiesta, che forse porterà all’azzeramento di tutti i vertici sportivi del paese (verrà fatto fuori Vitaly Mutko?). Nel frattempo la Isinbayeva (atleta russa specialista nel salto con l’asta, disciplina nella quale detiene il record del mondo) annuncia il ritiro dall’attività agonistica dopo l’esclusione dell’atletica russa con parole al vetriolo: “È la morte dell’atletica”. L’atleta ha dovuto addirittura rinunciare a migliorare il primato mondiale durante le scorse gare nazionali a causa della squalifica della Iaaf. Intanto l’atleta russa Klishna gareggerà sotto la bandiera olimpica, decisione che ha suscitato l’ira dei suoi connazionali che l’anno accusata di tradire la causa nazionale, rinfacciandole di vivere negli USA e fuori dalle questioni russe.
Tuttavia sembra che la Isinbayeva non mollerà finché i mezzi giuridici a sua disposizione glielo consentiranno: l’atleta ha infatti annunciato che farà ricorso al Tribunale dell’Unione Europa dei Diritti dell’Uomo.

RIO 2016,ALLARME TERRORISMO: ARRESTATI 10 SOSPETTI SEGUACI DELL'ISIS


http://www.askanews.it/top-10/rio-2016-arrestati-10-brasiliani-avevano-giurato-fedelta-all-isis_711864148.htm

Minaccia Isis su Rio 2016. La polizia brasiliana ha arrestato oggi 10 sospetti, tutti brasiliani, con l'accusa di progettare unattacco terroristico in occasione dei Giochi olimpicidi Rio di Janeiro, al via il prossimo 5 agosto. Uno dei fermati è minorenne. Secondo quanto riferito dal ministro della Giustizia brasiliano, Alexandre de Moraes, alcuni degli arrestati avevano giurato fedeltà allo Stato islamico(Isis) "via internet" e avevano cercato di acquistare armi.
"Hanno comunicato tra di loro con WhatsApp Telegram e solo due di loro si conoscevano da prima. Il leader del gruppo è dello Stato di Parana (sud)", ha precisato il ministro, riferendo di una "cellula molto amatoriale". I 10 arrestati erano sorvegliati dallo scorso aprile, "avevano aderito a un gruppo denominato 'Difensori della sharia' e stavano progettando di acquisire armi per commettere dei crimini in Brasile e anche all'estero", ha aggiunto De Moraes.
In un comunicato, il ministero della Giustizia ha precisato che "la polizia federale ha lanciato oggi un'operazione, denominata Hashtag, per smantellare un gruppo coinvolto nella promozione dello Stato islamico e nell'esecuzione di azioni preparatorie alla messa in atto di attentati terroristici e altre azioni criminali". Sono stati quasi 130 gli agenti coinvolti nell'operazione, condotta in diversi Stati del Paese. All'indomani dell'attacco a Nizza, il 14 luglio scorso, le autorità brasiliane hanno annunciato un rafforzamento delle misure di sicurezza. Per i Giochi olimpici saranno mobilitati circa 85.000 poliziotti e militari per proteggere 10.500 fra atleti, staff e giornalisti, oltre al mezzo milione di spettatori attesi a Rio. Sim

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *