Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|
Visualizzazione post con etichetta cronaca. Mostra tutti i post

Gioco online, le mani delle mafie sul mercato delle scommesse: 68 arresti tra Reggio Calabria, Catania e Bari


Di Lucio Musolino
Avevano bisogno di “quelli che cliccano, che movimentano” i soldi facendoli transitare da un Paese all’altro senza lasciar traccia delle transazioni online, non di quelli che fanno “bam bam”, cioè di quelli che sparano. E così avevano puntato tutto sul gioco online, impadronendosi – secondo la Direzione nazionale antimafia – del mercato delle scommesse. Tutte insieme: clan della ‘ndrangheta, famiglie mafiose siciliane e pugliesi che poi puntavano all’estero per riciclare il denaro.
Oltre 60 arresti in Puglia, Calabria e Sicilia – Sessantotto arresti (13 a Catania, 22 a Bari: si tratta di esponenti legati alle famiglie storiche della criminalità organizzata) e un’ottantina di perquisizioni sono stati eseguiti stanotte dalla guardia di finanza, dalla Dia, dalla polizia e dai carabinieri. Tre inchieste, tre procure (Reggio CalabriaBari e Catania) e centinaia di uomini impegnati nel blitz coordinato dalla Dna e dal procuratore Federico Cafiero De Raho. In sostanza le mafie si sono spartite e controllano il mercato della raccolta illecita delle scommesse on line. 
Volume d’affari da 4,5 miliardi di euro – Oltre all’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla procura di Bari e ai due provvedimenti di fermoeseguiti dalle Dda di Reggio Calabria e Catania, c’è stato un sequestro di beni in Italia e all’estero per oltre un miliardo di euro. Il volume delle giocate relative agli eventi sportivi, e non solo, era molto più vasto. Dalle indagini, condotte anche dallo Scico di Roma, infatti è emerso un giro d’affari superiore ai 4,5 miliardi di euro.

Imprenditori e prestanome – In carcere sono finiti importanti esponenti della criminalità organizzata pugliese, reggina e catanese. Ma anche diversi imprenditori che, stando alla ricostruzione degli inquirenti, di fatto erano i prestanome dei clan. Le tre procure contestano i reati di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggioautoriclaggio, illecita raccolta di scommesse on line e fraudolenta sottrazione ai prelievi fiscali dei relativi guadagni. In Calabria, in Sicilia e in Puglia il sistema è pressoché lo stesso: seguendo il percorso del denaro utilizzato per scommettere su internet, la guardia di finanza è riuscita a ricostruire come i gruppi criminali coinvolti nell’inchiesta si sono spartiti e controllavano, con modalità mafiose, il mercato delle scommesse clandestine on line.
I sequestri da Malta a Curacao – Il tutto utilizzando diverse piattaforme gestite dalle stesse organizzazioni. I soldi, accumulati illegalmente, venivano poi reinvestiti in patrimoni immobiliari e posizioni finanziarie all’estero intestati a persone, fondazioni e società, tutte ovviamente schermate grazie alla complicità di diversi prestanome. E proprio per rintracciare il patrimonio accumulato ed effettuare i sequestri è stata fondamentale la collaborazione di Eurojust e delle autorità giudiziarie di Austria, Svizzera, Regno Unito, Isola di Man, Paesi Bassi, Curacao, Serbia, Albania, Spagna e Malta.
Le giovani leve dei “teganini” – Nel corso di una conferenza stampa che si terrà stamattina a Roma, nella sede della Dna, saranno illustrati i dettagli delle tre operazioni che, per quanto riguarda la ‘ndrangheta, sono state coordinate dal procuratore Giovanni Bombardieri e dai sostituti della Dda Stefano Musolino e Sara Amerio. Il provvedimento di fermo ha riguardato anche le giovani “leve” delle cosche. In particolare, nel provvedimento di fermo sono finiti alcuni dei “teganini”, i figli dei boss Tegano che, assieme ai De Stefano e i Condello, hanno fatto la storia criminale della città dello Stretto.

Il ruolo dei “teganini” – Tra i destinatari del provvedimento di fermo c’è Domenico Tegano, detto “Mico”, figlio del boss ergastolano don Pasquale. Quest’ultimo dopo anni di latitanza era stato catturato nel 2004 e, da allora, è detenuto al 41 bis nel carcere di Spoleto perché ritenuto dagli inquirenti un “elemento verticistico della cosca”. Mico Tegano è il suo primogenito e, secondo gli investigatori, ha un carisma “fuori dal comune”. Fino a ieri erano conosciuti in città per aver terrorizzato la movida reggina con risse, estorsioni, spaccio di cocaina e controllo quasi militare dei lidi sul lungomare di Reggio. Oltre alle tradizionali attività criminali, però, il rampollo si occupava di scommesse e da anni è solito recarsi anche all’estero. Di Mico Tegano ne ha parlato anche il collaboratore Mariolino Gennaro che, prima di pentirsi, era l’uomo della cosca che, da Malta, gestiva gli affari legati alle scommesse online.

Paura per il giornalista di Report che ha indagato sulla Juve: tentano di bruciargli casa


Di Giuseppe Cozzolino

Una notizia terribile quella che arriva dalla periferia di Roma: ignoti, hanno infatti compiuto un vero e proprio gesto intimidatorio verso Federico Ruffo, il giovane autore di Report che di recente aveva condotto l'inchiesta per lo storico programma televisivo di Rai Tre sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nelle curve della Juventus, dando il via anche ad un mare di polemiche, soprattutto nell'ambiente bianconero.

Come riportato da "il Mattino", solo l'intervento provvidenziale di un cane, che ha iniziato ad abbaiare improvvisamente mettendo in fuga gli autori, avrebbe evitato il peggio. L'abitazione di Ruffo si trova tra Ostia Antica ed Acilia: attorno alle 4.30 circa, qualcuno ha prima disegnato una croce con della vernice rossa sulla parete della sua abitazione, poi avrebbe cosparso di benzina il pianerottolo dove c'è l'ingresso di casa sua. E a quel punto, l'intervento del cane che ha "sventato" i piani dei malviventi. Il giornalista, come riporta il Mattino, ha poi spiegato di passare "pochissimo tempo in quella casa, non ho idea di come abbiano fatto a sapere che stavo tornando".

Già prima della messa in onda del servizio, la Federazione Nazionale Stampa Italiana aveva parlato di "intimidazioni, minacce, annunci di querele milionarie", spiegando in un comunicato stampa che già ore prima della trasmissione dell'inchiesta di Report condotta da Ruffo, questa aveva "scatenato le reazioni tipiche di quando si toccano affari sporchi. Usigrai e Fnsi si schierano al fianco di Federico Ruffo, autore dell'inchiesta, del curatore Sigfrido Ranucci, e di tutta la redazione di Report. Chiediamo alla Rai e alle autorità, ciascuno per le proprie competenze, la massima attenzione, vigilanza e protezione per fare muro di fronte alle minacce di ogni tipo". Anche dopo la messa in onda dell'inchiesta, le polemiche erano infuriate sul web contro l'autore dell'inchiesta e la trasmissione di Report stessa.

FONTE: https://roma.fanpage.it/paura-per-il-giornalista-di-report-che-ha-indagato-sulla-juve-tentano-di-bruciargli-casa/

Sgombero del Baobab: 130 persone identificate e allontanate


Di Francesco Loiacono

Sgombero in corso dall'alba al presidio di piazzale Maslax a Roma, dove si trovano un centinaio di persone senza dimora assistite dall'associazione Baobab Experience. È stata proprio la stessa associazione che fornisce assistenza ai migranti a dare notizia dello sgombero su sgombero su Twitter: "Stanno sgomberando il presidio di piazzale Maslax – si legge sul social netowork – Ci sono circa 100 persone che ancora dormono in strada non ricollocate dal Comune. Raggiungeteci". Il tweet fa riferimento a un incontro avvenuto la scorsa settimana tra gli attivisti che operano nell'improvvisato campo d'accoglienza alle spalle della stazione Tiburtina e l'assessorato alle Politiche Sociali di Roma Capitale. Al termine di quell'incontro l'assessora Laura Baldassarre aveva annunciato a Fanpage.it la definizione di un calendario che avrebbe dovuto consentire ai migranti aventi diritto, nel giro di quattro giorni, "di essere accolti presso le strutture di Roma Capitale", in vista di uno sgombero che era comunque considerato imminente.

Oggi l'annunciato sgombero è arrivato, con tanto di blindati presenti sul posto, ma come fa sapere Baobab nel presidio di piazzale Maslax ci sono ancora circa cento persone che attendono una sistemazione dal Comune. Le forze dell'ordine, stando a quanto riportano gli attivisti di Baobab, avrebbero chiuso i cancelli e circondato il campo non consentendo all'inizio a nessuno di entrare né di uscire. Successivamente i primi migranti hanno raccolto i propri effetti personali e sono usciti dal campo, salendo su dei bus diretti al centro immigrazione di via Patini: "Le questioni sociali, a Roma, si risolvono così: polizia e ruspa – scrivono delusi gli attivisti – Il Campidoglio a 5 stelle non è diverso né dai precedenti, né dalla Lega. Una vergogna infinita per questa città".

FONTE E ARTICOLO COMPLETO: https://roma.fanpage.it/baobab-sgombero-al-presidio-di-piazzale-maslax-a-roma/

Strage in California, l'autore è un'ex marine che aveva combattuto nella guerra in Afghanistan


Di Salvatore Santoru

Nuova violenza negli USA. Più specificatamente,è avvenuta una sparatoria in un bar di Thousand Oaks, il 'Borderline Bar& Grill'. 
Andando maggiormente nei particolari, la sparatoria è avvenuta durante un evento musicale country in cui erano presenti almeno 200 ragazzi frequentanti l'università. 

Durante l'attacco il killer, il 28enne Ian David Long, era completamente vestito di nero e utilizzava una maschera sul volto nonché un capello da baseball.
Approfondendo, Long era un'ex marine che aveva combattuto nella guerra in Afghanistan e in seguito al conflitto aveva sviluppato alcuni disturbi psichiatrici.

PER APPROFONDIRE: ARTICOLO SU BLASTING NEWS

Desirée, la rivelazione di alcuni testimoni: 'Poteva essere salvata, ecco cosa hanno detto i suoi abusatori'


Di Salvatore Santoru

Desirée Mariottini avrebbe potuto essere salvata ma ciò è stato impedito dai suoi abusatori. Ciò è stato rivelato, come riportato in un articolo pubblicato sul sito web della testata giornalistica 'Il Giornale' da alcuni testimoni agli inquirenti(1).

Più specificatamente, Brian Minteh,Chima Alinno e Yousif Salia avrebbero sostenuto che era meglio che la 16enne morisse piuttosto che loro andassero in carcere.

NOTA:

(1) http://www.ilgiornale.it/news/cronache/meglio-lei-morta-che-noi-cella-cos-hanno-lasciato-morire-1593611.html

Foto: https://roma.fanpage.it

Pittsburgh, fanatico religioso dell'ultradestra spara nella sinagoga della congregazione conservatrice e uccide 11 persone. Nei social attaccava tutti gli ebrei e criticava Trump


Di Salvatore Santoru

Un fanatico religioso dell'ultradestra statunitense ha ucciso ben undici persone nell'attacco contro la sinagoga della congregazione ebraica di stampo conservatrice Tree of Life Congregation di Pittsburgh(1).
Durante l'attacco il fanatico religioso ed ideologico, Robert Bowers, sosteneva che tutti gli ebrei dovevano morire ed era armato con un fucile stile AR-15.

Sui social Bowers attaccava tutti gli ebrei e criticava anche il presidente statunitense Donald Trump.

NOTA:

(1) https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/28/pittsburgh-un-uomo-spara-nella-sinagoga-e-uccide-11-persone-lurlo-tutti-gli-ebrei-devono-morire/4724492/