LA COMUNITA' VOLONTARIA

Risultati immagini per community


Di Antonino Trunfio

Ho personalmente un idea precisa ma ancor più un'esperienza precisa e trentennale di comunità.
Ma non è la comunità di cui parliamo qui.
Questa Comunità che chiamiamo Volontaria e che non è ancora nata, è di sicuro in gestazione da lungo tempo, dentro di te che passi di qui per caso e distrattamente.
Una Comunità Volontaria non è nessuna delle cose elencate sopra, e tutte insieme al tempo stesso.
Una Comunità volontaria è assimilabile a un fornitore che hai scelto, di cui ti servi, che paghi per quello che da lui ricevi, e che lasci quando ne fossi stufo, o quello che ti assicura non corrisponde completamente o del tutto a quello che desideri e cerchi. Una Comunità Volontaria è quindi un'attività, un'impresa che assicura dietro richiesta degli appartenenti alla comunità appunto, cioè i suoi clienti, quanto la comunità richiede, ordina, ha bisogno, desidera, piace, sogna di fare o realizzare, o ottenere.
E' un luogo ? Sì, può esserlo, ma non necessariamente fisico e comune a tutti gli appartenenti. Ciascuno può abitare dove abita, anche a migliaia di km da un altro. I confini, le città, il comune o il quartiere restano per la Comunità Volontaria, solo un retaggio del passato remoto. Sono e restano creazioni fittizie e illusioni di chi non ti vuole libero in una Comunità Volontaria, ma obbediente contribuente, garbato cittadino, fedele elettore.
È un gruppo di persone ? Sì, certo. Ma può accettare al suo interno, altre comunità, gruppi spontanei, famiglie, associazioni.
È un insieme di interessi ? Certo, fondati su accordi condivisi, chiari, con qualità, costo, disponibilità prestabiliti.
È un comune sentire ? Certo, per realizzare interessi di reciproco vantaggio, tra la comunità e i suoi appartenenti. Interessi che possono essere meramente di scambio commerciale, sviluppo personale, compagnia, aiuto reciproco, amicizia e anche amore.
È un passatempo ? Certo, perchè quando stai bene in un contesto, il tempo passa, è vero, ma apprezzando la libertà che la comunità ti assicura, ti realizzi secondo i tuoi disegni, rischi secondo la tua responsabilità, migliori o peggiori secondo quanto hai deciso e hai saputo o voluto fare.
È un'attività ? Sì.
È un gioco ? Sì, dove impari, insegni, rischi, sbagli, correggi, agisci, vinci o perdi, come in qualsiasi gioco, e come nella vita.
È una fantasia, un'utopia ? una comunità ? Sì. Anche coltivare un terreno senza usare le mani, era un utopia, prima che qualcuno, avendo l'utopia di coltivare meglio e di più, ha inventato l'aratro.

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.