Russia, attacco terroristico nella metro di San Pietroburgo: 14 morti, 47 feriti. Due ricercati, “uno filmato dalle telecamere”

Sono almeno 14 i morti causati dall’esplosione avvenuta alle 14.40 (ora locale) in un convoglio della metropolitana di San Pietroburgo, tra le stazioni di Tekhnologichesky Institut – centro di interscambio tra la linea blu e la rossa – e Sennaya Ploshchad. E almeno 47 i feriti, di cui 6 gravi, secondo gli ultimi aggiornamenti del ministero della Salute. Secondo il portale Fontanka, che ha base in città, 10 vittime si trovavano sul vagone della metro, mentre le altre 4 sarebbero decedute o in ospedale o mentre ricevevano i primi soccorsi.


A esplodere è stato un ordigno rudimentale: una valigetta ventiquattrore riempita di frammenti di proiettili, il cosiddetto shrapnel, che deflagrando sono in grado di ferire un gran numero di persone. Probabilmente, precisa Interfax, è stato “lasciato su un vagone prima della partenza del treno”, e quindi non si tratta di un attacco kamikaze.
Un secondo ordigno inesploso è stato rinvenuto poco dopo l’esplosione alla fermata della metropolitana Ploshchad Vosstaniya: era “mascherato da estintore” e la sua potenza era pari a un chilo di tritolo. Il dispositivo conteneva “elementi lesivi” al suo interno ed è dunque simile a quello usato all’interno del convoglio, per quanto molto più potente.

L’esplosione nella metro è stata classificata come “attacco terroristico” dalla procura generale russa e dal premier Dmitri Medvedev che avviene nel giorno in cui a Strelna, a pochi chilometri da lì, era arrivato il presidente della Federazione russa Vladimir Putin per incontrare il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko. 

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.