Riflessioni sul multiculturalismo, i suoi pro e contro

mag 12, 2015 0 comments

Di Salvatore Santoru

Nei dibattiti culturali, il multiculturalismo è uno dei temi principali e ognuno, come al solito, tira acqua al proprio mulino secondo le proprie convinzioni affermando che essa o è il miglior tipo di società possibile o è una catastrofe.
Usando un punto di vista più imparziale, si può ritenere che la società multiculturale non è né una panacea né un problema di per sé, ma presenta vantaggi e rischi da tenere in considerazione.
Indubbiamente, prima di tutto bisogna dire che essa presenta dei considerevoli vantaggi, in quanto società tendenzialmente "aperta" e in quanto molto flessibile capace sempre di rinnovarsi, oltre al fatto di essere basata sulla convivenza di diverse forme di cultura e punti di vista, fondamentali per avere una visione che vada oltre la propria cultura di riferimento.

Una società è multiculturale quando vengono riconosciute pari dignità a tutte le culture e religioni professate da individui e comunità appartenenti ad essa, e dove lo stato riconosca e di conseguenza tuteli questo fatto.

In questo senso l'Italia è una società certamente multiculturale ma (essendo, nel profondo, incentrata sul cristianesimo e sul laicismo ) è ben lontana dall'essere una società  totalmente "multiculturalista", e lo è ancora meno la Francia, dove c'è ad esempio il divieto di portare il burqua a scuola(http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/01/strasburgo-da-lok-alla-francia-vietare-il-burqa-non-viola-i-diritti-umani/1045531/).

Difatti, una società si può considerare totalmente "multiculturalista" solo se basata su un certo relativismo culturale e sociale, dove è indifferente seguire l'ateismo piuttosto che il cattolicesimo o l'Islam più conservatori o meno, o una cultura liberale, libertaria, autoritaria o dogmatica.

Quest'ultimo punto è uno dei rischi dell'applicazione di una vera e propria società multiculturalista, proprio perché per essere tale tale tipo di società dovrebbe accettare, anche a livello giuridico oltre che politico e sociale, la convivenza di leggi come (ad esempio) la Sharia interpretata in modo "ultraconservatrice" insieme a quelle di origine illuministica.

Inoltre, allargando e estremizzando il discorso si dovrebbero accettare pure anche pratiche come l'infibulazione e i sacrifici umani e animali o il fenomeno delle spose bambine e in quanto un'interpretazione estremista dell'ideologia relativista non prevederebbe giudizi morali e culturali.

La soluzione a questi problemi sarebbe la formazione di una società che sia sì multiculturale, in quanto basata sul rispetto e la tutela delle altrui culture, ma non perda del tutto i valori su cui si basa e venga fondata anche su criteri per così dire morali e/o umanitari, come il fatto di impedire eventuali usanze che violino i diritti umani (appunto, infibulazione o sacrifici ) e civili.

Commenti

Related Posts

{{posts[0].title}}

{{posts[0].date}} {{posts[0].commentsNum}} {{messages_comments}}

{{posts[1].title}}

{{posts[1].date}} {{posts[1].commentsNum}} {{messages_comments}}

{{posts[2].title}}

{{posts[2].date}} {{posts[2].commentsNum}} {{messages_comments}}

{{posts[3].title}}

{{posts[3].date}} {{posts[3].commentsNum}} {{messages_comments}}

Search

tags

Modulo di contatto