Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|
Visualizzazione post con etichetta Società segrete. Mostra tutti i post

LA VERA STORIA DEGLI ILLUMINATI DI BAVIERA

Di Mario Arturo Iannaccone
Chi fu Johann-Adam Weishaupt, il fondatore degli Illuminati? In cosa consisteva la sua organizazione segreta?
L’Ordine degli Illuminati nacque dalla volontà e dall’ambizione di Johann-Adam Weishaupt (1748-1838), di Ingolstadt, figlio di Johann-Georg Weishaupt, professore universitario, e di una nipote del barone Johann-Adam von Ickstatt (1702-1776), potente amministratore e uomo di cultura bavarese esponente dell’Aufklärung, l’Illuminismo germanico. A differenza di quanto si legge spesso, la famiglia d’origine del fondatore degli Illuminati era di religione cattolica e non risulta fosse d’origine ebraica. Alla prematura morte del padre, Adam fu affidato all’educazione del barone Ickstatt che lo aiutò a seguire la carriera del padre, come professore di diritto canonico nella locale università di Ingolstadt. La Baviera era allora uno stato clericale, e Ingolstadt era un centro importante del potere culturale dei Gesuiti, che lì gestivano un importante collegio. La formazione di Weishaupt fu completata dalla lettura dei principali testi del pensiero illuminista francese che trovò nella ricca biblioteca del barone Ickstatt, il quale gl’instillò un odio atroce per tutte le religioni, ma soprattutto la Chiesa cattolica.
weishaupt.jpg
Johann Adam Weishaupt (1748-1838), il fondatore dell’Ordine degli Illuminati di Baviera
Ickstatt.jpg
il barone Ikkstatt che si prese cura del giovane Weishaupt, alla morte del padre

La genesi

Adam condivideva la passione per le società segrete, così viva, paradossalmente, proprio nell’età dell’Illuminismo. L’idea lo affascinava e, quando ebbe la possibilità, pensò di fondarne una che lo aiutasse ad influenzare l’ambiente universitario, a “propagare i Lumi” e anche a crearsi una base di potere privato. Dopo un periodo di preparazione, il 1° maggio del 1776 – giorno dedicato in molte parti d’Europa alla celebrazione carnevalesca dei riti di fertilità – vincolò cinque giovani ad un solenne giuramento fondando una società segreta che chiamò dapprima Societa dei Perfettibili, poi Società delle Api e quindi Ordine degli Illuminati (Illuminatenorden). Poco dopo, consapevole di avere concorrenti temibili nelle società massoniche e rosacroce, si fece iniziare alla Massoneria, per studiare la fratellanza alla quale aveva già tentato di affiliarsi. La parola “illuminati” era di gran moda in quegli anni – soprattutto nella versione francese illuminés – e richiamava due concetti opposti: da un lato la luce interiore, la vittoria sulle tenebre della superstizione, la capacità d’autoevolvere basata sulla ragione; dall’altro la luce della gnosis. Curiosamente, dunque, i vocaboli “illuminati”, “illuministi”, “illuminés” erano usati tanto per indicare i razionalisti, – cioé gli illuministi nell’accezione comune – quanto i mistici, gli esoteristi o persino i ciarlatani. Weishaupt, da parte sua, sosteneva che la conoscenza fosse una conquista del raziocinio e della logica; tutto ciò che ci ha lasciato di scritto (e non è poco) ce lo descrive come un razionalista e un materialista, che non ammetteva la possibilità di accedere alla conoscenza usando l’ermetismo o la magia. Anzi, le pratiche esoteriche di qualsiasi genere erano, per lui, “chimere”, “, superstizioni”, come le religioni rivelate. Nonostante ciò, egli viene spesso indicato come un iniziato o un mago: è un curioso contrappasso, questo, che probabilmente non gli avrebbe fatto piacere. È però vero che giocava volentieri con simboli, immagini e terminologie misteriche. Per meglio impressionare gli iniziandi, ad esempio, studiò cerimonie ed elaborate formule di giuramento, che sfruttavano il senso del mistero. Ispirandosi a studi sui Misteri di Eleusi pensò persino di allestire un tempietto per emozionare gli adepti con effetti di fuoco e, addirittura, “di elettricità”, progetto che però dovette abbandonare per mancanza di denaro. Weishaupt studiò un complesso sistema di vigilanza reciproca degli iniziati cementato da una rigida disciplina del segreto. Abbozzò poi una gerarchia in cinque gradi, basata sulle rivelazioni graduali per la quale i membri dei gradi più bassi non sapevano nulla di ciò che veniva fatto o insegnato nei gradi più alti, e tantomeno conoscevano i veri scopi dell’organizzazione. I veri scopi, appunto; ma quali erano i veri scopi dell’Ordine? Innanzitutto, acquisire un’influenza sempre più capillare e profonda sul mondo della cultura e della politica in modo da influenzare tutta la società e farla “rischiarare dai Lumi”. Tra le varie attività era previsto anche lo studio e la pubblicazione di pamphlet e libri. In prospettiva, gli scopi ultimi erano d’imporre una società senza nazioni e senza religioni. Fino a quel momento, gli Illuminati avrebbero costituito un avamposto dell’umanità futura. Ad ogni candidato divenuto Novizio veniva imposto un nome “di battaglia”, durante una cerimonia d’iniziazione. Celebre il nome di battaglia che scelse per sè Weishaupt, Spartaco, dal nome dello schiavo ribelle. Inoltre, nella corrispondenza cifrata, le località venivano ribattezzate con nomi tratti dalla storia antica, per comporre una “geografia illuminata” (dove, significativamente, Ingolstad era Eleusi); mentre le date erano basate su un calendario persiano del VII° secolo. Fulcro del sistema erano le Accademie Minervali, circoli culturali di copertura, dove si leggeva, si discuteva, si studiava per “illuminarsi” e “illuminare”. I gradi, inizialmente, erano i seguenti: Novizio, Minervale, Minervale Illuminato e Aeropagita (il nome derivava dalla magistratura suprema dell’Antica Atene), ma Weishaupt considerava provvisoria questa gerarchia, (chiamata Classe Minervale) poiché ad essa avrebbe dovuto seguirne una completa, provvista di gradi superiori (Classe dei Misteri). I gradi più bassi svolgevano anche le funzioni di reclutamento di nuovi adepti. Mentre svolgevano questi incarichi i Novizi o i Minervali venivano chiamati Insinuanti e Arruolatori. Adepti della prima ora dell’Ordine, come Massenhausen e Zwack, si specializzarono in questa funzione riuscendo a reclutare, nel giro di un paio d’anni, un centinaio di membri suddivisi in una ventina di colonie. Ancora troppo pochi per garantire il successo all’impresa. L’Ordine cominciava a costare, soprattutto per l’allestimento delle Accademie Minervali e per il mantenimento della corrispondenza.
lo schema della gerarchia iniziatica dell’Ordine

testa Minerva.jpg
la dea Minerva. il grado minervale faceva parte della prima classe dell’Ordine
Knigge_gr.jpg
il barone Adolf von Knigge, da alcuni definito “l’eremita di Bockheneim”.Portò potenza inaspettata all’Ordine

Un incontro fatale

Come si è detto, non risulta che gli Illuminati praticassero alcuna forma di magia. Le voci di un collegamento fra Illuminati e un oscuro gruppo, chiamato Fratelli d’Asia, sono molto vaghe, e su di esse non si può dire nulla di decisivo. Ci sono pervenute però numerose lettere in cui Weishaupt espone agli adepti i suoi insegnamenti – che molto dovevano a Jean-Jaques Rousseau – dove appare chiaro che mirava all’affrancamento dell’umanità dalla religione e dai poteri feudali. Secondo lui si doveva arrivare progressivamente all’ateismo, al comunismo e ad un governo mondiale retto da filosofi. Soltanto allora l’umanità sarebbe diventata “adulta” liberandosi dalla superstizione. Utopismo allo stato puro, dunque, inserito in una visione atea con sfumature panteistiche. Tuttavia – e questo inserisce una nota quasi comica nella vicenda – per Weishaupt i segreti più terribili, da custodire con cura, erano la giovinezza del suo Ordine, e il fatto che lui ne fosse il fondatore. Dopotutto, era impegnato ogni giorno nella trama di un inganno: avvicinare nuovi adepti, facendo loro credere che gli Illuminati fossero la società più potente e più antica del mondo. Dopo alcuni anni, nonostante gli sforzi profusi da Weishaupt e dal suo principale evangelista, Xavier Zwack, la gran parte degli Illuminati erano ancora studenti, spesso squattrinati, al punto che l’Ordine fu vicino alla consunzione (e alla bancarotta). Il caso volle, però, che nel 1781, l’illuminato Costanzo di Costanzo (1738-?) s’imbattesse a Monaco nel barone Adolph von Knigge (1752-1796), brillante libertino, sedicente alchimista, coltivatore, industriale, poeta, scrittore e persino musicista, che sognava di fondare un proprio ordine massonico. Knigge disponeva di ricchezza, fantasia e d’ottimi contatti con aristocratici e potenti. Lui e Weishaupt si conobbero, convincendosi che l’uno avrebbe potuto servire all’altro. Erano diversissimi, non furono mai amici, e probabilmente si detestavano. Ma il matrimonio d’interesse si fece. Weishaupt, mettendo da parte il proprio orgoglio, affidò la riforma del suo Ordine al vulcanico barone. Knigge si mise subito al lavoro, vacillando solo quando apprese che la società cui aveva aderito non era né antica né potente, ma un’invenzione di Weishaupt. Offeso, fu sul punto di mandare all’aria la collaborazione, ma superò la crisi. Diede una sterzata spiritualista all’organizzazione e completò anche i gradi, che divennero dodici (vedi schema). Gli allievi meno promettenti venivano fermati nei cinque gradi massonici, tre azzurri e due neotemplari, dove potevano “baloccarsi” “perdendo tempo dietro alle chimere della magia, dell’alchimia, dell’ermetismo”; gli altri venivano informati dell’esistenza degli ultimi, fino ai supremi, Mago e Uomo Re. Knigge portò all’Ordine il suo talento di uomo di teatro unitamente alla sua esperienza massonica, scrivendo i catechismi dei gradi, i testi dei giuramenti e le cerimonie d’iniziazione che divennero teatrali, sontuose e molto ben congegnate. Ogni affiliato, nei singoli gradi, poteva accedere a funzioni specializzate di tipo organizzativo o amministrativo. Gli Areopagiti, in questa riforma divennero una funzione del grado di Uomo-Re.
sistema illuminati.jpg
rappresentazione del sistema di Weishaupt dall’opera Nachtrag von weiteren Originalschiftren der Illuminatensekte (1787)
sospetti.jpg
opera pubblicata nel 1798 a cura di John Robinson, che accusava gli Illuminati di cospirazioni contro le religioni e i governi d’Europa

Clima di sospetto
Una cosa è certa: gli Illuminati trovarono nel brillante Knigge, soprannominato “l’eremita di Bockenheim” (dove aveva impiantato per qualche anno un laboratorio alchimistico), il loro secondo fondatore che fece affluire centinaia di nuovi iscritti, spesso principi, avvocati, giudici, militari, facoltosi membri delle amministrazioni, professori, persino alti ecclesiastici. Le colonie si moltiplicarono, le casse dell’associazione si rimpinguarono. Furono fondate Accademie Minervali anche fuori dalla Baviera e dall’area tedesca, in Svizzera, Francia, Italia. Attorno al 1786 i membri totali erano circa 2500. Ma Weishaupt e Knigge non avevano ancora fatto i conti con alcune associazioni rivali – soprattutto la ricca Rosa-Croce d’Oro, che contava molti potenti, – insospettite per le strane attività delle Società di Lettura che facevano da copertura alle Accademie Minervali. In questi ambienti, l’Ordine cominciò ad essere molto chiaccherato soprattutto dopo il 1783. Molti illuminati scoprirono gli scopi sovversivi di Weishaupt soltanto al raggiungimento dei gradi più alti. Insomma, attorno all’Ordine s’addensò un clima di sospetto sempre più pesante, finché, dalle sue fila, spuntò un traditore, Joseph Utzschneider, che rivelò tutto ciò che sapeva alla principessa Anna di Baviera. Il caso divenne un affare di Stato, alimentato dalla stampa, dove gli oppositori degli Illuminati cominciarono a lanciare accuse terribili. La polizia politica della Baviera e degli Stati confinanti cominciò a raccogliere prove e confessioni. Nel 1786, il duca Carlo Filippo Teodoro, fece pubblicare in volume tutta la documentazione rinvenuta per mostrare al mondo la pericolosità della setta, sollevando contro di essa una riprovazione universale. Per di più, per un fato bizzarro, l’illuminato Jacob Lang morì colpito da un fulmine a Ratisbona, e nelle sue vesti furono trovati documenti che portarono ad ulteriori scoperte aggravando ulteriormente la situazione. Nel giro di pochi mesi, nel 1786, l’Illuminatenorden si sfaldò; alcuni dei suoi capi fuggirono, altri furono catturati. Weishaupt – ormai individuato come il capo – si rifugiò a Gotha, accolto dal principe, suo adepto. Alcuni patirono qualche mese di prigione e qualche anno d’esilio, ma poi tornarono in possesso della libertà e dei propri beni. Soltanto Knigge, Weishaupt e pochi altri ebbero a soffrire. Il barone fu espropriato ma, da gentiluomo intraprendente qual era, riuscì a cavarsela: scrisse ancora libri di successo e morì nel 1796. Un altro illuminato, Cristoforo Bode, tenne vivo fino al 1793 lo spirito dell’Ordine nella loggia Ernest zur Kompass di Weimar, dove in seguito fu trovato un giacimento di documenti sfuggito alla polizia.
rosacroce.jpg
Weishaupt l’innovatore
Singolare, invece, il comportamento dell’esule Weishaupt: descritto in molti libri come un rivoluzionario pericolosissimo, divenne in realtà un devoto impiegato del duca di Sassonia-Gotha, al servizio del quale lavorò, nell’ombra, per oltre quarant’anni. Fu schiacciato dalla vergogna quando furono pubblicate le sue lettere dove rivelava che la società degli Illuminati non era antichissima e che lui ne era il fondatore. Scrisse ancora, ma poco, e sempre per chiedere perdono. Ricominciò a frequentare la locale chiesa. Ebbe cinque figli, tre dei quali fecero carriera nell’amministrazione della Baviera. Per decenni fu assalito dal terrore di essere ucciso da sicari. Guardava con sospetto gli ammiratori che andavano a fargli visita. S’astenne, persino, dal commentare le rivoluzioni che, a partire dal 1789, fecero trionfare le idee in cui aveva creduto. Gli ultimi decenni di Weishaupt sono talmente avari di notizie, che si è pensato a lungo fosse morto nel 1811, finché s’è scoperto che percepì sino al 1838 una pensione pagata dal duca di Baviera. La sua sepoltura è ignota. Se non fu un pensatore originale, Weishaupt fu comunque un innovatore dell’architettura delle società segrete. La sua attività restò platonica, culturale: non progettò azioni di tipo rivoluzionario, anche se incoraggiava la menzogna e il tradimento perché – diceva – “il fine santifica i mezzi”. Comunque, l’autoritario professore di Ingolstadt, che litigava con tutti coloro che non gli erano sottoposti (compreso Knigge) diverrà ispiratore di molti rivoluzionari futuri, da Mazzini a Liebknecht. La scoperta della setta degli Illuminati suscitò un vero terrore, che non fu sedato dalla repressione. Anzi, il panico si diffuse ancor più, raggiungendo l’intera Europa e persino gli Stati Uniti. La Rivoluzione francese sembrò provare che essi avevano seminato bene; nelle successive convulsioni rivoluzionarie, molti si convinsero che l’Ordine non era stato distrutto, ma che continuava ad agire nell’ombra ancora più segreto e ancora più potente. S’iniziò anche a sostenere che la vera dottrina degli Illuminati fosse rimasta nascosta e qualcuno asserì di conoscerla (non diversamente da quanto era successo ai Templari).
BOX: I simboli
La simbologia degli Illuminati si ricava dai rituali e dalle descrizioni degli arredi di loggia a noi pervenuti, e comprendeva l’immagine della dea Minerva con la civetta, simboli della sapienza e della sua capacità di vedere nell’oscurità. Minerva, del resto dava il nome alle Accademie Minervali, e ai gradi Minervale e Minervale Illuminato nelle due versioni della gerarchia, quella di Weishaupt (1776-1781) e quella di Knigge (1782-1786 vedi schema). Nell’arredo di loggia destinato ai gradi alti della gerarchia è descritta anche una piramide, e l’espressione “edificare la piramide” – variante del massonico “edificare il Tempio” – appare qua e là nella letteratura del gruppo, tuttavia in nessun luogo appare il celeberrimo simbolo dell’occhio sovrastante la piramide contenuto anche nel Gran Sigillo americano. Anche il numero 13, spesso associato alla simbolica del gruppo, non appare nei documenti degli Illuminati di Baviera che avevano 12 e non 13 gradi e non prevedevano, oltre ai 12, un grado di “superiore sconosciuto”. Il 13 e l’occhio con la piramide sono stati successivamente associati anche ad un leggendario gruppo elitario: gli “Illuminati” (confusi o sovrapposti agli Illuminati di Baviera).
Il terrore che dilagò nei principati tedeschi e nell’Impero degli Asburgo non si placò con lo scioglimento dell’Ordine degli Illuminati. Il gruppo di Weishaupt continuava a far paura. Ma perché? Dopotutto, non aveva organizzato veri complotti politici, e la sua attività s’era limitata al campo culturale. È vero che praticava la segretezza, ma ciò non costituiva una novità perché i gruppi segreti erano già numerosi in Europa, come non era una novità il suo radicalismo, espresso però più a parole che nei fatti. Dunque cosa differenziava il gruppo di Weishaupt da tutti gli altri? Due elementi hanno sicuramente influito: la strategia d’infiltrazione e lo scoppio della Rivoluzione francese. L’arrogante aggressione, praticata da Weishaupt, verso lo stesso mondo delle società segrete suscitò scandalo e stupore unito ad un vero e proprio terrore irrazionale. I membri delle società massoniche o rosacroce cominciarono a guardare con sospetto i propri compagni, temendo che facessero il doppio gioco. Neipamphlet pubblicati dopo il 1785 si leggeva che gli Illuminati erano inestirpabili poiché avevano infiltrato la maggior parte delle società segrete. Nella sua ansia di fare rivelazioni sempre più clamorose, Cagliostro affermò che centinaia di logge (oltre 250) dell’Oriente francese erano ormai controllate da migliaia di Illuminati. Non era vero, ma bastò ad appiccare l’incendio. Non a caso, tra i primi che si mossero contro gli Illuminati, al di fuori della Baviera, ci furono molti massoni, fra i quali Johann Christian Wöllner (1744-1797), ministro di Prussia. Ma fu soprattutto la Rivoluzione francese, deflagrata immediatamente dopo la fine dell’Ordine, a dare l’illusione che Weishaupt e i suoi associati avessero continuato ad agire nell’ombra. La Rivoluzione fu un evento epocale, la fine di un mondo. Alcuni polemisti, come il francese Augustin Barruel e gli americani John Robinson e Jedediah Morse – autori di celebri “allarmi” sugli Illuminati – scrissero, mentre gli avvenimenti incalzavano, che la Rivoluzione era opera degli Illuminati. Barruel con le sue celebri Mémoires pour servir à l’histoire du Jacobinism (1797, 4 voll.) e Robinson, con il più modesto Proofs of conspirancy (1798), ebbero un enorme successo all’epoca. L’opera di Barruel fu tradotta in una decina di lingue, persino in polacco. I sospetti che gettò sui legami fra Illuminati, Rivoluzione e massoneria (francese) si radicarono. L’opera, – che contiene un’analisi insuperata della psicologia di Weishaupt – tuttavia, non porta “prove” ma una serie di sospetti e indizi che non riescono a saldarsi in una teoria solida. È vero che un protagonista della Rivoluzione, il conte Gabriel R. Mirabeau (1749-1791), era affiliato all’Ordine, anche se in un rango basso (Minervale), ma è davvero troppo poco per spiegare la genesi di una Rivoluzione dove, tra l’altro, gli Illuminati non sono affatto necessari. In un certo senso, la Francia pullulava di Weishaupt poiché era la patria del vero ispiratore dell’Ordine, Jean-Jacques Rousseau. Molti intellettuali rivoluzionari avevano una mentalità simile a quella del professore bavarese, altri, come Danton o Robespierre, erano decisamente più radicali. Per non parlare di personaggi come De Sade. Weishaupt era stato soltanto il portabandiera d’idee che stavano fermentando ovunque.
augustin-barruel.jpg
Augustin Barruel che accusò gli Illuminati di essere alla base della Rivoluzione Francese

Nei paesi tedeschi
Ma cosa era rimasto dell’Ordine, se tutti gli iniziati furono denunciati o si autodenunciarono? La traccia di una qualche sopravvivenza di cellule di Illuminati, in Baviera, dopo il 1793 (morte di Bode) si basa sulle rivelazioni di una spia di nome Armbruster (non si conosce il nome di battesimo), che lavorava per il cancelliere austriaco Metternich. In un rapporto del 1828, Armbruster affermava che la setta non era stata distrutta facendo anche il nome dei suoi tre capi occulti: l’alto prelato Johann-Casimir Häffelin (1737-1827), il conte Rudolf von Stengel (1772-1828) e Benjamin Thomson conte di Rumford (1753-1814). Si trattava di tre influenti personaggi della Baviera che godevano della personale fiducia del re. Secondo Metternich, i tre avevano agito indisturbati per molti anni riuscendo a riorganizzare la rete settaria con la complicità di Weishaupt. Una volta scoperta la loro attività sovversiva, sarebbero stati rimossi dai loro incarichi e pensionati per nascondere lo scandalo. È però difficile capire come questi personaggi potessero agire “da illuminati”, poiché vissero da sudditi fedeli, politicamente conservatori; il Rumford fu addirittura ricordato con una statua a Monaco, voluta dal re. Si trattò soltanto di calunnie? Bisogna ricordare che i rapporti fra l’Austria (di cui Metternich era cancelliere) e il Regno di Baviera (ex ducato) erano stati tesi per decenni, e non è escluso che Metternich abbia voluto mettere in cattiva luce la classe dirigente bavarese. È impossibile oggi dare risposte decisive sulle rivelazioni di Armbruster, a meno che non vengano alla luce documenti finora sconosciuti. Nel corso dei cento anni successivi, in Germania si conteranno alcune iniziative ispirate agli Illuminati: l’“Unione Germanica” di Karl F. Bahrdt (1741-1793), organizzata come una rete d’associazioni che dovevano spargere ideali radicali; il “Circolo di lettura” di Christian G. Neefe (1748-1798), un ex illuminato; la “Società per i Diritti dell’Uomo” di Georg Buckner e Ludwig Weidig (1834-1835) che organizzarono una fallita insurrezione nel 1835. Molti anni dopo, nel 1918, qualche richiamo a Weishaupt si ritrova anche nella Spartakusbund, la “Lega di Spartaco” che però apparteneva alla tradizione marxista. Nei primi decenni dell’Ottocento molte società giovanili universitarie – le Männerbunde – s’ispirarono a Weishaupt che divenne una specie di idolo giovanile, l’eroe maledetto, modello del cospiratore geniale. Molte società goliardiche adottarono i sistemi di segretezza degli Illuminati, assumendo un carattere “pseudo-illuminatico”, cioè simile a quello degli Illuminati. Tra le maggiori vi erano la Tugen-Bund (la Lega della Virtù) e gli Schwartzen Brüder (i Fratelli Neri) con centinaia d’adepti. Organizzavano cerimonie impressionanti, con giuramenti e duelli, canti e torce, tra bracieri, salsicce e birra; e sognavano il futuro glorioso della Germania. Con il procedere del XIX secolo s’orientarono verso posizioni politiche che potremmo definire “di destra”, confluendo poi nei movimenti ariosofici che daranno alimento alla cultura neo-pagana.
Metternich.jpg
il cancelliere austriaco Metternich
Benjamin Thompson.jpg
Benjamin Thomson, conte di Rumford, uno dei tre capi occulti degli illuminati secondo la spia bavarese Armbruster
Genet Edmund.jpg
Charles Genet Edmund, ingiustamente sospettato negli anni ’70 del XIII secolo di diffonfere l’Illuminatismo negli USA

Il terrore si estende agli Stati Uniti
A partire dal 1790, il terrore degli Illuminati si estese anche negli Stati Uniti, in particolare a Boston e nel New England. Allarmati pastori protestanti tuonavano dai loro pulpiti contro l’infezione arrivata dalla corrotta Europa per traviare le menti dei giovani americani, accusando i politici democratici di far da quinta colonna. In particolare, un plenipotenziario francese, Edmund Charles Genet (1763-1834), stabilitosi negli USA nel 1792, fu sospettato di diffondere l’illuminatismo attraverso la fondazione dei constitutional club filogiacobini. L’accusa era ingiusta, ma rende l’idea del clima che si era creato. Anche Thomas Jefferson (1743-1821) entrò nella lista dei filo-illuminati perché in una lettera esprimeva ammirazione e simpatia istintiva per un uomo che si era opposto al mondo clericale della Baviera. Jefferson fu uno dei padri fondatori della repubblica americana e si può allora comprendere perché, più tardi, lui e i simboli del Gran Sigillo (da lui voluto) sarebbero stati collegati all’Ordine di Weishaupt. Il terrore sarebbe durato, a diverse ondate, per decenni, coinvolgendo la stessa massoneria e trovando un’espressione istituzionale, fra il 1828 e il 1843, nel Partito Antimassonico (Anti-Masonic Party). Da allora, una parte dell’opinione pubblica americana rimase convinta che gli Illuminati fossero sbarcati negli U.S.A.

Le società segrete italiane

Più serio il caso italiano. Qui gli Illuminati lasciarono un’eredità indubbia. Ispirarono alcune società segrete che prepararono la strada alla Rivoluzione italiana. Milano, Bologna, Roma, Napoli furono sede di associazoni segrete basate sul modello degli Illuminati (struttura piramidale e rivelazione graduale). A Napoli esisteva una loggia fondata dal marchese Costanzo di Costanzo (1738-?), lo “scopritore” di Knigge. Questa loggia fu attiva sino al 1786 o 1787, poi si sciolse, ma alcuni dei suoi membri più radicali si dedicarono ad attività sovversive; fondarono gruppi occulti che trent’anni più tardi parteciperanno ai primi moti risorgimentali. Secondo gli storici, anche varie società segrete e sovversive italiane, come la Società dei Raggi, l’Alta Vendita, la Carboneria, la Società degli Adelfi, gli Apofasimeni, hanno subito influssi dagli Illuminati o per l’azione diretta di suoi ex membri o indirettamente, attraverso le opere di Weishaupt. I personaggi chiave di questa attività furono Filippo Buonarroti, il “grande vecchio” dei rivoluzionari italiani, e un nobile romano morto nel 1846 di cui non è mai stato scoperto il nome, soprannominato Nubius. Il carbonaro Giuseppe Mazzini adottò ilnom de guerre del luogotenente di Weishaupt, Xavier Zwack: Filippo Strozzi. Alla metà del secolo XIX, la situazione politica e ideologica era profondamente cambiata in tutta Europa. Difficile pensare che gli Illuminati abbiano potuto sopravvivere come organizzazione. Le loro idee e i loro metodi entrarono nel mercato delle idee. Intanto, socialismo, anarchismo e comunismo avevano soppiantato il radicalismo settecentesco di Weishaupt.

Il mistero del volo di Rudolf Hess e l'Inghilterra esoterica

Di Seyan
Il 10 maggio 1941, Rudolf Hess, l’uomo che aveva condiviso la prigione con Adolf Hitler, il seguace devoto che, insieme a Karl Haushofer e Bernhard Stempfle aveva aiutato il futuro Füher a stendere il Mein Kampf, un manifesto politico esoterico ed essoterico, infarcito soprattutto di folle aggressività espansionista, fece una cosa apparentemente sconvolgente: prese il volo con un Messerschmitt Bf 110 e raggiunse la Scozia.
Uno dei biografi di Hitler afferma che la notizia fece sul dittatore nazista “l’effetto di una bomba che avesse colpito il Berghof”.
All’apparente sconcerto di Hitler corrispose la sorpresa di Churchill che non si aspettava certo il suo arrivo.
A Norimberga l’accusa affermò che Hess aveva tentato una pace separata con l’Inghilterra per permettere alla Germania Hitleriana di attaccare la Russia stalinista, senza doversi coprire le spalle. Ovviamente, Hess venne descritto come individuo fortemente squilibrato e dalla mente labile.
Il 17 agosto del 1987, a 93 anni, si impiccò all’inferriata della finestra con un filo elettrico, unico recluso rimasto all’interno del carcere di Spandau.
L’evento è incredibile. Cinquantaquattro (54) carcerieri che controllano un solo individuo di 93 anni e questi riesce a suicidarsi!
Come si sia suicidato è indicato dal dottor Wolgang Spann, incaricato dalla famiglia di Hess di eseguire una seconda (e più veritiera) autopsia, il quale scrisse che “il segno lasciato sul collo dalla corda è totalmente orizzontale, mentre nel caso di un suicidio per impiccagione con la corda attaccata alla griglia di una finestra, il segno dovrebbe essere di forma triangolare, e correre dal basso verso l’alto”.
E’ necessario porsi, pertanto, alcune domande sul perché un uomo, dichiarato dagli alleati stessi labile di mente, a 93 anni fosse ancora prigioniero ad un’età in cui chiunque altro sarebbe stato graziato e perchè si decise di suicidarlo.
“II 17 di questo mese di agosto (1987) Rudolf Hess è morto, strangolandosi (ma come avrà fatto, da solo, così decrepito, novantatré anni, sorvegliato sempre, difficile crederlo). Dal 1941 dopo l’atterraggio in Scozia, vissuto sempre da prigioniero di Stato; Hess l’astrologo, Hess l’iniziato nero. Nel suo segreto spunta lo zoccolo satanico di Aleister Crowley, la Grande Bestia dell’Ordo Templi Orientis, che con la sua setta di occultisti e sessuomani voleva dare una mano a Hess per la pace separata anglo-tedesca desiderata da Hitler» (a pazienza dell’arrostito, Guido Ceronetti, Adelphi, pag. 350.
Solo nel 2017 i Britannici apriranno gli archivi che riguardano Hess, ma nel frattempo, seguendo semplici ragionamenti, scopriremo il perchè.
Rudolf Hess si paracadutò nei pressi del castello di Dungavel in Scozia, residenza del Commodoro dell’Aria, il Duca di Hamilton, Douglas Douglas-Hamilton, responsabile della Difesa Aerea della Scozia, lasciando il Bf 110 a schiantarsi al suolo. Venne catturato da un contadino e, presentatosi come Alfred Horn, chiese di poter incontrare il Duca.
Hess aveva conosciuto Douglas-Hamilton alle Olimpiadi di Berlino del 1936 e vi fu, evidentemente comunanza di interessi, visto che a questi Hess si rivolse per avere un colloqio con Winston Churchill ed i Reali inglesi.
Douglas-Hamilton era membro della massonica Speculative Society di Edinburgo.
LA SPECULATIVE SOCIETY
Fondata nel 1764, annovera tra i membri fondatori Sir Walter Scott e Robert Louis Stevenson. Reazionaria, l’accesso è precluso alle donne. coopta i suoi membri tra i più illustri frequentatori delle facoltà di Legge dell’Università di Edimburgo.
Uno degli associati più illustri, a parte il Principe Filippo di Galles, membro onorario, è William Douglas Cullen, Barone di Whitekirk, Lord Justice General e Lord President of the Court of Session della Scozia. Presiedeva la Pubblica Accusa nel massacro alla Scuola Elementare di Dunblane, il 13 marzo 1996 dove un folle, pedofilo e disoccupato, Thomas Hamilton uccise 16 bambini ed un insegnante.
Ciò che tuttora sembra misterioso è che Cullen avesse imposto, immediatamente esaudito dall’Esecutivo Scozzese, un segreto di stato di cento anni a coprire l’intera vicenda.
Ciò sembrerebbe dovuto ad una presunta lettera, concernente il folle massacratore, inviata da Lord George Robertson, Barone di Port Ellen al Segretario di Stato per la Scozia, a Forsyth (vedasi link) e la presunta affiliazione di Thomas Hamilton ai più alti gradi della Massoneria Scozzese.
Lord Robertson, Segretario Generale della Nato fino al 2004 ed ovviamente affiliato alla Speculative Society, membro del Gruppo Bilderberg, ha sempre respinto tali accuse. Resta il mistero della secretazione di tali atti e prove precessuali.
Nel 2005 Cullen si è ritirato e la poltrona di capo della Giustizia in Scozia è stata attribuita a Arthur Campbell Hamilton, attuale Lord Hamilton, erede indiretto di Douglas-Hamilton, essendo quest’ultimo morto senza lasciare figli diretti.
HESS
“A Norimberga egli (Hess) confidè al Dottor Douglas M. Kelley, psichiatra americano delle prigioni, che verso la fine del 1940 uno dei suoi astrologhi aveva letto nelle stelle che agli era predestinato a realizzare la pace. Riferì anche come il suo antico mentore, il Geoplolitiker di Monaco professor Haushofer, lo avesse visto, in sogno, andare per le sale coperte di arazzi dei castelli inglesi, apportatore della pace tra le due grandi nazioni nordiche.” (William L. Shirer, “Storia del Terzo Reich”, Einaudi ed.)
In quel mondo di adoratori della Teosofia, Antroposofia, Ariosofia, Astrologia, Geopolitica, Pangermanesimo quale quello dell’elite nazista, dove Adolf Hitler si era ed era stato convinto di essere l’Uomo della Provvidenza, guidato dalle “Voci interiori” dei “Superiori Sconosciuti” che rendevano il Führerprinzip faro infallibile,
Rudolf Hess -fanatico credente nella scienza astrologica- non poteva non credere di essere stato nominato dal Fato Germanico Araldo della Pace tra le Due Nazioni Ariane.
Vi fu un altro motivo per cui Hess scelse la Scozia ed è sempre di origine esoterica. In Scozia è nata la prima loggia massonica e la Massoneria di Rito Scozzese domina il mondo anglosassone.
Franklin Delano Roosevelt il Presidente Americano vincitore della II Guerra Mondiale, era Maestro del 33° grado del RItto Scozzese ed infarcì di simboli massonici il simbolo americano: la banconota da 1 dollaro.
Secondo David Icke, ne “Il Segreto più Nascosto”, la Scozia è il luogo ove ci sono il maggior numero di ingressi dall’interno della Terra all’esterno da dove emergono i rettiliani.
Vi è un altra aggiunta di natura esoterica. Sembra che Marthe Künzel, cofondatrice dell’O.T.O. germanico, fedele di Aleister Crowley fosse amica di Hess e che tramite lui avesse fatto conoscere ad Hitler il Liber Legis, il Libro di Thelema, scritto da Crowley e dettatogli dal nuovo Signore della Terra, Horus. “Vi è un’Operazione Magica della massima importanza: l’Inizio di un Nuovo Eone. Quando diviene necessario proferire una Parola, l’intero Pianeta deve essere bagnato di sangue. Prima che l’uomo sia pronto ad accettare la legge di THELEMA, deve essere combatutta la Grande Guerra. Questo Sacrificio cruento è il punto critico della Cerimonia Mondiale della Proclamazione di Horus, il Figlio Incoronato e Vincitore, a Signore dell’Eone”.
Malgrado Crowley ritenesse che la II Guerra Mondiale fosse il Sacrificio Cruento che introduceva l’Era di Horus, al termine dell’Eone di Cristo e che Hitler fosse suo “Fratello Nero”, non vi è alcuna prova che i due si fossero incontrati o che Hitler avesse effettivamente studiato il Liber Legis, anche se le sue Visioni sul Nuovo Ordine Mondiale sembrerebbero confermarlo.
L’OFFERTA DI PACE DI HESS VIENE RIFIUTATA
Il disappunto di Hess fu enorme quando si rese conto che l’unico funzionario con cui venne messo in contatto fu Ivone Kirkpatrick, del Foreign Office.
D’altro canto, le richieste poste per la pace erano ridicole ed eccessive, “(Hess) dichiarò che (…) le sue proposte dovevano essere prese in considerazione solo presupponendo che venissero negoziate con la Germania da un governo inglese diverso dall’attuale.”
Ma Hitler e Hess avevano fatto conto su due fatti: Winston Churchill era notoriamente un eminente framassone e legato a varie sette esoteriche. Inoltre contavano sullo scambio (apparentemente) allettante da gettare sul piatto: ad Hitler l’Europa, all’Inghilterra l’Impero. Un offerta succosa, Ma Churchill rifiutò.
L’IMPERO E’ PERSO
L’ex sottosegretario conservatore alla Difesa, Clarck così stigmatizzò il comportamenteo di Churchill in questo caso: “Nella primavera del 1941 la Gran Bretagna aveva recuperato la sua forza militare e non aveva ancora dato agli americani tutte le sue riserve auree. All’epoca, Hitler voleva coprirsi il fianco per attaccare l’Urss. A questo fine, il suo vice, Rudolf Hess, volò in Gran Bretagna con una proposta di pace. Churchill non volle parlare con lui. Questo fu il vero spartiacque: se la Gran Bretagna avesse firmato la pace, la flotta e gli Spitfires avrebbero potuto essere spostati a Singapore. Di conseguenza i giapponesi non avrebbero attaccato el’Impero in Estremo Oriente sarebbe durato. Churchill non attribuiva all’Impero la stessa importanza che dava alla sconfitta di Hitler. La guerra è andata avanti troppo e, quando abbiamo vinto, la Gran Bretagna era distrutta. Niente restava dei possedimenti oltremare: l’Impero era colpito a morte”.
Perché Winston Churchill non considerò neanche per un attimo le proposte di Hitler, pur sapendo che ciò sarebbe costato all’Inghilterra l’Impero e la leadership mondiale, che sarebbe passata agli Stati Uniti? La risposta di Giorgio Galli, autore di “Hitler e il Nazismo Magico” è, in proposito, decisiva. “Churchill aveva imparato che Hitler era un controiniziato. Churchill, quindi, essendo al corrente del retroterra esoterico-diabolico della controiniziazione di Hitler, temeva che dietro i fini negoziabili – mano libera in Europa e all’Est alla Germania e garanzia della continuità dell’Impero inglese –, che erano per lui probabilmente accettabili, ci fossero fini non negoziabili: l’impero del male”.
Vi erano altri fattori che portavano Churchill a diffidare di Hitler ed Hess.

Il mistero degli zombie ad Haiti e il Voodoo

Di  Monica Valcarenghi
Haiti è paese ricco di beni e bellezze naturali, ma è anche terra tormentata da eterni conflitti di potere e da una economia disastrata e sfondo di quella che fu la terribile vicenda della tratta degli schiavi.




Gli schiavi vennero importati dagli Spagnoli su questa incantevole isola caraibica, a partire dal XVI sec., per sostituire gli ormai esausti e comunque quasi estinti Aruachi, la popolazione indigena in origine forte e sana, ma poi distrutta dal lavoro forzato, dalle malattie importate dai conquistatori e dalla disperazione. La provenienza era soprattutto dall'Africa Occidentale, dal Golfo di Guinea, ma anche dall'Africa centrale.
X
La figura dello zombi rappresenta forse l'elemento della cultura tradizionale haitiana più universalmente noto e peggio conosciuto. L'immaginario collettivo della cultura contemporanea ha inglobato tale realtà accentuandone i caratteri macabri ed esotici, senza alcun riguardo per il complesso tessuto metafisico e culturale da cui tale elemento attinge la sua legittimità.
È con l'arrivo di questa nuova gente e dal contatto tra la loro religione, quella indigena e quella cattolica che, ad Haiti, si può cominciare a parlare di Vodu.
Il Vodu dunque è una delle così dette religioni sincretiche afro-americane che la letteratura non ha mancato di travisare e di trasmettere al resto del mondo come orrenda superstizione, come ripugnante insieme di rituali di magia nera praticati da una massa di "negri" esaltati e posseduti dal demonio.


Magia Vaudou


Tra le immagini più care alla letteratura e a noi più note, si trova senza dubbio quella degli zombi, esseri mostruosi, cadaveri risuscitati, corpi in putrefazione usciti dalle proprie bare e dai cimiteri per terrorizzare la gente.
Gli zombi ad Haiti sono in effetti una realtà, non sono una semplice fantasia di qualche contadino sprovveduto o di qualche cronista spaventato.
È quindi necessario incominciare ad affrontare il fenomeno zombi inquadrandolo nella propria cultura e liberandolo da ogni alone di superstizione.
Per i voduisti l'uomo ha due anime, il ti bon ange, il piccolo angelo buono, e il gros bon ange, il grande angelo buono. Quest'ultimo rappresenta la forza vitale, entra nel corpo di un individuo al momento del concepimento e lo abbandona al sopraggiungere della morte. Il piccolo angelo buono invece è il responsabile della personalità, del carattere e della volontà.
Gli zombi, ad Haiti, possono dunque essere di due tipi, uno è lo zombi astral o zombi ti bon ange, cioè uno spirito, una parte appunto dell'anima vo du (il ti bon ange) che è stata venduta o catturata dal bokor, lo stregone. L'altro è lo zombi Jardin o zombi corps cadavre, il famoso morto-vivente, l'immancabile protagonista dei film dell'horror, ciò che rimane di un individuo a cui è stato tolto il ti bon ange.
Lo zombi spirito, una volta catturato è conservato in un vaso e, al momento opportuno, trasformato dallo stregone, in un insetto, animale o uomo per fargli compiere la sua malvagia volontà.
Ciò che è bene evidenziare è che gli Haitiani non hanno paura degli zombi, in realtà esseri senza volontà, docili e dalla espressione ebete, ma piuttosto di essere trasformati in questi: lo zombi è infatti uno schiavo che esegue gli ordini ingrati del padrone senza avere la capacità di ribellarsi, il suo piccolo angelo buono non gli verrà mai più restituito, il suo cervello rimarrà danneggiato per sempre.
Una schiavitù di questo tipo, permanente, senza dubbio fa orrore a un popolo che ha per secoli conosciuto il significato della perdita della libertà.
Gli Haitiani perciò non temono tanto gli zombi di per sé, quanto la zombificazione, ovvero l'essere ridotti in uno stato di schiavitù dal quale non si può essere liberati e dal quale non si può fuggire.
Il terrore della zombificazione è tale che quando un individuo muore , i familiari, per assicurarsi che sia veramente morto e quindi di poco valore per lo stregone, mettono in atto alcuni espedienti. Al cadavere può essere tagliata la testa o gli arti, una spada può essere infilata nel cuore o una pallottola sparata in una tempia.
Oppure, poiché un corpo può essere risuscitato solo se risponde alle domande del "bokor", le sue labbra possono essere cucite e dei semi di sesamo o un ago senza cruna possono essere messi nella bara per distrarre il morto, per tenerlo occupato e impedirgli quindi di rispondere.
Un morto può essere resuscitato o per vendetta, o come sacrificio per ricompensare uno spirito dei beni ricevuti o, infine, perché qualcuno ha bisogno di un corpo da impiegare come bestia da soma.
In realtà non si resuscita nessun morto e i potenziali zombi non sono veri cadaveri, bensì morti apparenti.
Alle vittime è somministrato in vari modi, più spesso topicamente, un "veleno", una polvere "magica" dalla complessa preparazione e dagli svariati e disgustosi ingredienti, che induce uno stato di morte apparente.
Responsabile di questo stato, oltre l'importantissimo lavoro dello stregone, senza dubbio efficace da un punto di vista magico-culturale, è una potentissima sostanza, la tetrodotoxina, contenuta in un ingrediente base di questa polvere, il puffer-fish, il pesce palla. Questa sostanza rallenta a tal punto le funzioni vitali, da ingannare e far dichiarare morto un individuo anche da parte di efficenti e preparate équipes mediche.
Ma la vera domanda, a prescindere dalla efficacia magico- culturale o chimica di questo veleno, è un'altra: in base a quale criterio è scelta la vittima da zombificare? La vittima è scelta a caso, è un innocente?
La zombificazione, in realtà è un processo sociale, non è una attività criminale e casuale. La vittima non è un indifeso innocente e il bokor agisce con il consenso della intera comunità. La zombificazione è una sanzione sociale, una pratica per rinforzare l'ordine, non per distruggerlo.
È a questo punto necessario introdurre il discorso sulle Società Segrete e sulla loro funzione di controllo sociale.
Gli Haitiani hanno paura di uscire di notte, il loro timore è quello di imbattersi in particolari individui, i membri delle Sette Rosse detti anche Zobop, Bizango, Senza Pelo, Vlanbindingue.
Gli appartenenti a queste società, solitamente persone insospettabili, spesso docili e pacifiche, si crede si riuniscano in segreto per dedicarsi alla stregoneria, per fare il male per il gusto di farlo, per cibarsi di carne umana e per seminare il terrore.
Le loro azioni malvage, i loro crimini sono compiuti durante riunioni notturne durante le quali i membri indossano lunghe vesti bianche e rosse e portano sul capo corone di ceri accesi. L'adesione a questi sodalizi è selettiva, per unirsi a loro bisogna conoscere la parola d'ordine e una serie di gestualità esclusive. In genere si incontrano nei cimiteri dove invocano il loro dio, Baron Samedi, quindi si mettono in agguato per le strade aspettando la vittima che viene catturata con corde fatte di budella secche.
In effetti, ad Haiti, queste Società Segrete, liberate dalle fantasie, non sono nulla di orrendo e di gratuitamente crudele. Hanno un ruolo politico e sociale, la loro funzione è benevola, aiutano i bisognosi e le loro famiglie e, quando puniscono, puniscono chi è colpevole di aver trasgredito il codice comportamentale della Società. Tra i comportamenti punibili ci sono l'eccessivo arricchimento alle spese della famiglia o di dipendenti, il diffamare la Società Bizango, il danneggiare materialmente o moralmente qualcuno, il rubare la donna di un altro.
Dunque le Società Segrete sono la sicurezza, ma anche la paura: chi trasgredisce le regole è prima giudicato e poi punito tramite appunto la zombificazione.
Lo zombi, in definitiva, non è una vittima indifesa, ma un individuo colpevole di non aver rispettato le norme che garantiscono ordine e giustizia e che perciò è stato punito.
È evidente che queste Società Segrete sono le eredi dirette di quelle dell'Africa Occidentale, terra da cui provenivano la maggioranza degli schiavi Haitiani.
Questi sodalizi hanno scopi religiosi-cerimoniali, ma anche economici, politici, sociali e sono noti per certi loro aspetti che abbiamo visto essere presenti anche tra i Bizango: cerimonie di iniziazione; un corpo segreto di conoscenze che separano i membri dai non membri come ad esempio parole d'ordine e gesti simbolici; rituali ciclici che rinforzano la solidarietà collettiva; sanzioni per punire chi trasgredisce il codice della Società; periodiche pubbliche manifestazioni che dimostrano l'autorità e l'indipendenza del gruppo; sospettati riti antropofagi e così via.
Costituiscono una società entro la società e i loro scopi possono essere pro o anti-sociali. Il loro potere può essere più grande di quello dei capi politici riconosciuti in via ufficiale e può essere sfruttato anche a fini antagonistici per soverchiare quello delle legittime autorità, quando queste ultime non siano a loro volta influenti o comunque alleate o implicate nel sodalizio stesso.
Un esempio sono il Poro della Sierra Leone e della Liberia che oltre a fini etico-rituali ed economici, aveva il controllo della guerra e della pace, una funzione giudiziaria e esercitava una notevole influenza sui capi secolari e sulla loro attività legislativa.
Anche tra gli Yoruba, ad esempio, le Società Segrete sono frequenti, spesso sono connesse con il culto dei morti e con i riti funerari e hanno importanza politico-sociale, infatti, oltre agli scopi primariamente ritualistici, intervengono anche negli affari sociali della comunità.
Felicia Felix Mentor
La zombie Felicia Felix Mentor.
Tra questi gruppi è da ricordare la Società Ogboni che mostra evidenti somiglianze sia con il Poro che con i Bizango: i membri si crede posseggano un segreto dal quale traggono il loro potere; ogni membro ha il dovere di assistere l'altro; i membri si riconoscono con segni convenzionali e parole d'ordine; nelle loro riunioni si trattano questioni che interessano l'intera comunità e di conseguenza le loro decisioni sono importanti e nulla di importante può essere fatto senza il loro consenso; la morte è la punizione del tradimento del segreto; il loro scopo è preservare la loro religione o il potere civile e comunque sembrano essere connessi con ogni questione di pubblico interesse e inoltre hanno una funzione giudiziaria e di esecutori di criminali.
La corporazione degli Ogboni ha dunque un carattere religioso, politico e sociale.
A conferma della funzione di controllo sociale e non di mera crudeltà delle Società Segrete, è infine utile riportare la testimonianza diretta di Lukamba, lui stesso un membro degli Anyota, della famosa Società Segreta degli uomini Leopardo dell'Africa Centrale: "... Anyota...Mi si disse che era una cosa terribile, ma buona. Era buona perché senza gli Anyota la tribù non poteva sopravvivere ed era terribile perché qualche volta si doveva uccidere... Qualche volta ci sono grandi dispute fra la nostra gente, dispute che non terminano nel modo in cui dovrebbero. Quando ciò accade la nostra gente si divide in due fazioni, una che parteggia per una parte e l'altra per l'altra, e allora siamo deboli ed i nostri nemici ne approfittano. Una disputa del genere è così brutta che nessun uomo la può risolvere, così noi Anyota visitiamo i nostri antenati. Come uomini non possiamo parlare con loro, né loro con noi. Così diventiamo tutt'uno con il leopardo, il padrone della morte... Diventando tutt'uno con il leopardo anche noi diventiamo padroni della morte, e poi possiamo parlare con gli antenati. È allora che ci parlano e ci dicono che cosa fare per sistemare le cose con la nostra gente. Ci infondono il potere e la saggezza del leopardo, ci danno la sua rapidità, il suo silenzio, la sua forza, e ci danno il suo desiderio di carne... dopo aver ucciso, mangiamo una parte del corpo (della vittima) , ancora come il leopardo, lasciando che il resto sia trovato, così che si sappia che gli antenati sono irritati ed hanno comandato agli Anyota di uccidere... noi sappiamo, come lo sa l'intero villaggio, che gli antenati sono irati e hanno comandato agli Anyota di uccidere, e sappiamo che le uccisioni continueranno fino a che la lotta fra di noi non terminerà." (Turnbull, pp. 215-216)
È evidente in questi esempi che, all'interno di questo tipo di Società, l'utilizzazione dell'assassinio e in genere della violenza ha una funzione di controllo sociale e le vittime nella maggior parte dei casi rappresentano i trasgressori dell'ordine vigente o, come nel caso degli Uomini Leopardo, il tramite per ristabilirlo.
Il fenomeno zombi è dunque da liberare da ogni interpretazione eurocentrica e folkloristica e da inquadrare invece nel paradigma culturale-religioso haitiano. Gli zombi sono individui che non hanno rispettato il codice comportamentale delle Società Segrete. Le quali, esplicitamente o implicitamente riconosciute dalla collettività, sono organismi di matrice religiosa ma di decisiva importanza per la vita politica e sociale del paese.

Bibliografia

  • Bianchi U., Società Segrete. In Gaion R. e Zardi L. (a cura di), Popoli Diversi. Saie, Torino 1979, pp.192-201.
  • Bourguignon E., The Persistence of Folk Belief: Some Notes on Cannibalism and Zombis in Haiti, in "Journal of American Folklore".
  • American Folklore Society, vol. 72, Philadelphia 1959.
  • Davis W., Passage of darkness, The University of North Carolina Press, London 1988.
  • Davis W., The Serpent and the Rainbow, Collins, London 1986.
  • Dewisme C.H., Les zombis, Grasset, Paris 1957.
  • Eades J.S., The Yoruba Today, Cambridge University Press, 1980.
  • Ellis A.B., The Yoruba Speaking Peoples of the Slave Coast of West Africa, Anthropological Publication, The Netherlands 1966.
  • Grottanelli V.L. (a cura di), Ethnologica, Labor, Milano 1965, passim.
  • Hurston Z.N., Tell my Horse, J.B. Lippincott Company. Philadelphia, New York, London, Toronto 1990.
  • Huxley F., The Invisibles, Rupert Hart Davis, 1966.
  • Metraux A., Croyances et Pratiques Magiques dans la Vallèe de Marbial, Haiti. "Journal de la Société des Americanistes", Nouvelle Serie, T. XLII, 1953, pp.135-198.
  • Metraux A., Haiti, la Terre, les Hommes et les Dieux. Beconnière, Neuchatel 1957.
  • Metraux A., Il Vodu Haitiano. Einaudi, Torino 1971.
  • Metraux A., Le Vaudou Haitien, Sociétés de Sorciers et Zombis. "Les Lettres Nouvelles", 6e année, n° 64, Paris, Octobre 1958.
  • Paden J.N., Soja E.W., The African Experience. Northwestern University Press, Evanston 1970.
  • Pradel J., Casgha J.Y., Haiti la République des Morts Vivants. Rocher, Monaco.
  • Salvoldi V., Il Banchetto Sacro. Editrice Missionaria Italiana, 1981.
  • Turnbull C.M., L'Africano Solitario. Dedalo, Bari 1969.