Page Nav

HIDE

Gradient Skin

Gradient_Skin

Breaking News

latest

Glifosato, negli Usa l’esposizione all’erbicida è aumentata del 500% negli ultimi 23 anni

Di Marta Musso Negli Stati Uniti l’esposizione al  glifosato , l’ erbicida  al centro di molti dibattiti per la sua presunta  cancerog...

glifosato

Di Marta Musso

Negli Stati Uniti l’esposizione al glifosato, l’erbicida al centro di molti dibattiti per la sua presunta cancerogenicità, è aumentata notevolmente negli ultimi 23 anni, ovvero dal momento in cui sono state introdotte le colture geneticamente modificate. A riferirlo sulle pagine di Jama è stato il team di ricercatori della University of California San Diego School of Medicine, secondo cui “i dati mettono a confronto i livelli di glifosato e del suo metabolita, l’acido aminometilfosfonico, nel corpo umano durante un periodo di 23 anni a partire dal 1993, cioè poco prima dell’introduzione delle colture geneticamente modificate negli Stati Uniti”, spiega l’autore Paul J. Mills, dimostrando come i livelli di esposizione all’erbicida siano aumentati di circa il 500%.

Il dibattito sull’uso di sostanze chimiche in agricoltura va avanti ormai da anni e in particolar modo si discute sull’utilizzo del glifosato, l’ingrediente base dell’erbicida non selettivo del marchio Roundup.

L’uso di questa sostanza chimica è aumentato di circa 15 volte dal 1994, da quando sono state introdotte colture geneticamente modificate: in particolar modo viene utilizzato sulle coltivazioni di soia e mais geneticamente modificati, ma anche su una notevole quantità di grano e avena coltivata negli Stati Uniti. “La nostra esposizione a questo prodotto chimico è aumentata significativamente nel corso degli anni, ma la maggior parte delle persone non è consapevole del fatto che lo può assorbire attraverso l’alimentazione”, precisa l’autore.


Nessun commento

Partecipa alla discussione