Il tesoro segreto del Kashmir: miniere di rubini nel suo sottosuolo

OLYCOM_20171206022720_25172911
Di Chiara Clausi
Rubini, oro, argento, rame. Il popolo del Kashmir pakistano è seduto su un immenso tesoro: milioni di pietre preziose, che valgono fino a mezzo miliardo di dollari, giacciono nel suo sottosuolo. Ma gli strumenti arcaici e la mancanza di investimenti in infrastrutture e tecniche stanno ostacolando gli sforzi per trasformare l’area in un attore significativo nel settore delle gemme.

Gli esperti ritengono che questo business potrebbe trasformare l’economia in una regione in cui vivono 4 milioni di persone in gran parte in povertà. Oggi le pietre preziose rappresentano meno dell’1% delle entrate del Kashmir.
La regione di antichissima storia è stato un importante centro per la religione induista, islamica e per il buddhismo. E’ situata fra India e Pakistan e da sempre è tra i conflitti tra le due potenze che si contendono il suo territorio. Anche la Cina lo rivendica, in particolare quello che già controlla: la regioni dell’Aksai Chin e del Shaksgam.
Ora i rubini potrebbero modificare il suo percorso. Ma sul suo territorio c’è solo una miniera di pietre preziose attiva e un altro sito che potrebbe aprire dopo le verifiche in corso. Le riserve sono stimate in oltre 40 milioni di grammi.
Muhammad Azeem trascorre quattro mesi all’anno a lavorare nella miniera di Chitta Katha sulle pendici dell’Himalaya, che richiede un viaggio di undici ore e poi due ore di cammino per raggiungere Muzaffarabad, la capitale del Kashmir pakistano.
“Uso il martello pneumatico nella miniera prima che gli esplosivi siano posizionati…È un lavoro molto duro”, ha detto a Afp il minatore, che utilizza un perforatore vecchio stile nelle gallerie poco ventilate. “È un lavoro massacrante con ricompense occasionali. Ma si hanno anche grandi soddisfazioni: gli operai lo scorso anno hanno scoperto un rubino delle dimensioni di un uovo”.
Le autorità federali che amministrano questo territorio conteso non hanno i fondi per acquistare nuovi macchinari o per costruire più miniere, ha spiegato Shahid Ayub, direttore generale della Azad Kashmir Mine and Industry Development Company, una società pubblica responsabile per lo sviluppo dell’industria locale.
“L’estrazione mineraria viene eseguita manualmente o con piccole esplosioni e noi perdiamo dal 40 al 50 percento del valore delle pietre”, riconosce. “A causa della mancanza di investimenti, non stiamo sfruttando al massimo le nostre risorse.”
“I rubini pakistani del Kashmir e altre risorse minerarie – come il rame, l’oro e l’argento – per contribuire maggiormente all’economia pachistana, dovrebbero attrarre più investimenti e si dovrebbe sviluppare un quadro legale per sostenere il settore”, conferma il rivenditore di pietre preziose Huma Rizvi ad Afp. Ma le imprese private sono scoraggiate dal terreno molto accidentato e dalla vicinanza al confine con l’India, dove sono frequenti battaglie transfrontaliere.
Un altro problema è la mancanza di regolamentazione, spiega Rizvi. ”Non sei mai sicuro di pagare la persona giusta. Ogni area ha regole diverse”. “Ma abbiamo rubini che sono almeno buoni quanto quelli birmani, ma le loro tecniche di estrazione sono più sofisticate”, dice Rizvi.

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.