Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Solstizio d'estate 2018: curiosità e miti da sfatare sul giorno più lungo dell'anno

Share it:
Risultati immagini per SOLSTIZIO ESTATE


Ore 12,07 del 21 giugno: è questo l'esatto momento del solstizio d'estate per l'anno 2018 (per l'emisfero boreale). Scopriamo insieme alcune curiosità su questo particolare momento astronomico: certezze scientifiche e miti da sfatare.

È IL GIORNO IN CUI FA NOTTE PIÙ TARDI: FALSO. È invece il giorno dell'anno in cui, nell'emisfero boreale, c'è il maggior numero di ore di luce (oltre 15 in Italia).




 Un intervallo di tempo - il crepuscolo, ovvero quello in cui la luce del Sole risulta  visibile in atmosfera - che nei mesi scorsi è andato via via aumentando e che da oggi inizierà ad accorciarsi fino a culminare nel solstizio invernale, il dì più corto dell'anno. Dunque, non è  necessariamente il giorno col tramonto più tardivo dell'anno: dipende dalla latitudine a cui ci trova.

SOLSTIZIO "SIGNIFICA" CHE IL SOLE È FERMO: VERO. Più precisamente la parola deriva dal latino sol, Sole, e -sistere, fermarsi - e sta a indicare  il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo cammino apparente lungo l'eclittica, il punto di declinazione massima (minima, nel caso del solstizio d'inverno). Il Sole culmina allo zenit, nel punto più alto rispetto all'orizzonte del suo percorso annuale. In tutti i luoghi che si trovano a 23°27' di latitudine nord, i raggi del Sole a mezzogiorno cadono a perpendicolo. Il fenomeno è dovuto all'inclinazione dell'asse terrestre, la stessa ragione per cui abbiamo le stagioni.

OGGI LA NOSTRA ATTENZIONE È MASSIMA: VERO. Una ricerca dell’Università di Liegi, in Belgio, ha scoperto che le aree cerebrali responsabili dell’attenzione sono più attive nei mesi caldi, raggiungendo il massimo con il solstizio d’estate. Lo studio è avvenuto ha coinvolto 26 volontari, sottoposti a risonanza magnetica funzionale in diversi periodi dell’anno. Il loro cervello è stato osservato durante lo svolgimento di compiti che hanno messo alla prova le loro abilità cognitive: da un lato, la loro capacità di attenzione (per esempio premere un pulsante il più velocemente possibile all’apparire di uno stimolo su uno schermo); dall’altro, l’efficienza della loro memoria di lavoro, che trattiene per poco ed elabora le informazioni utili nel breve periodo (per esempio ricordare sequenze di numeri, lettere o parole). Alla fine l'estate è risultata la stagione in cui l'attenzione è più attiva.

STONEHENGE È LEGATA AL SOLSTIZIO: VERO. In questa data in effetti un raggio di Sole attraversa una struttura composta da due pietre verticali sormontate da un'architrave centrale (trilite) e cade sull'altare centrale del sito archeologico: questo "segno" celeste permetteva agli antichi di individuare il passaggio delle stagioni.

Share it:

curiosità

misteri

news

scienza

Solstizio d'estate

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione