Breaking News

3/breakingnews/random
Visualizzazione post con etichetta hip hop. Mostra tutti i post

“Damn maD”, l'interessante album crossover di Mc Sof e Dr. Ketamer


Di Salvatore Santoru

Recentemente è uscito un nuovo album del rapper Fabio Caliendo, in arte "Mc Sof".
L'album in questione, "Damn maD", è stato prodotto in collaborazione con il Dj "Dr. Ketamer"(1).

Entrando nei dettagli, "Damn maD" inizia con una title title track particolarmente energica e aggressiva.
Musicalmente il pezzo risente di influenze hip hop/crossover e, specificatamente, rock e punk'roll ma anche hardcore e metal.

Il brano è contraddistinto da un rapping veloce e ben ritmato, unito dall'utilizzo di cori durante il ritornello.

Il secondo brano è "LeveL", un brano caratterizzato da una ritmica martellante e "industriale" che risente di influenze hard rock e blues.
L'album continua con "Wolf's floW", un pezzo aggressivo e che risente di decise influenze hardcore hip hop.

Il quarto brano è "Age megA", un pezzo dove rap/rapcore con influssi industrial e metal.
"Damn maD" continua con "Sward rowS", una canzone più tranquilla contraddistinta da influenze del rap old school e da sonorità che richiamano influssi jazz e blues rock.

Segue "Deep speeD", un brano contraddistinto da decise influenze elettroniche.
L'album continua con "No part 2 trap oN", un brano influenzato da sonorità old school e funk.
In seguito si ha "Work roW", brano di impronta old school e hardcore hip hop. 

L'album finisce con "Raw waR", brano contraddistinto da un intro di matrice epica e 'apocalittica' e che in seguito si trasforma in un rapcore che risente di influenze horrorcore e metal.

Indubbiamente, un interessante album di rap/rapcore sperimentale particolarmente consigliato agli amanti di gruppi come i primi Cypress Hill, i DSA Commando, i Truceklan ma anche i Rage Against The Machine e rapper ben noti come Kaos One e anche Salmo dei primi album.

NOTA :

(1) https://www.informazioneconsapevole.com/2020/08/mc-sof-e-uscito-damn-mad-in.html

Mc Sof – è uscito “Damn maD” in collaborazione con Dr. Ketamer


Fabio Caliendo, alias "Mc Sof", è un ragazzo partenopeo nato nel Settembre del 79 che sin dall'adolescenza era solito praticare lo skateboard ed i graffiti, discipline appartenenti sia alla cultura punk che a quella hip hop.

Col passare del tempo si è appassionato di più a quest'ultima al punto tale da coinvolgerlo oltre che nei graffiti anche nel rap e con altri amici dj e writer formò una crew nel 97: la "W B"(Waller Bomber). Costoro cominciarono a partecipare a tutte le jam partenopee portando i loro messaggi e relative evoluzioni, acquistando visibilità grazie ai graffiti e alla vincita di varie battle di rap, che a quei tempi erano organizzate da Speaker Cenzou e Tony Joz dei “13 bastardi”.

Stretta amicizia con quest'ultimi ha cominciato a frequentare e a volte anche a partecipare ai loro concerti: ciò gli ha dato l'opportunità di girare e suonare anche con artisti della scena Hip Hop del nord Italia come Dj Gruff, Dj Skizo e tutta l'Alien Army.
Col crescere della cultura HIP HOP ha collaborato con varie crew, partenopee e non, per la produzione di mixtape , ma sempre in ambito "Underground", fino a quando nel 2015 ha prodotto un album chiamato "OmississimO", con le strumentali prodotte interamente da Oyoshe aka Oyo beat's, che è attualmente ascoltabile su Spotify, a differenza di un altro album del 2014 chiamato "Repererrorrereper" prodotto con la collaborazione di O' reppat e le strumentali di Wedo beat's, disco del quale ne sono state stampate solo 100 copie in autoproduzione. Di quest’ultimo è disponibile un saggio su youtube ( O reppat & Mc Sof "RojoR").

Mc Sof attualmente si è trasferito ad Amsterdam, dove con il suo beatmaker (Dj) Dr Ketamer della KML e la collaborazione di O' reppat, hanno pubblicato un EP che, per omaggiare la città di Amsterdam e il suo famosissimo museo "Madam Toussoe" e tutte le relative " madame" , ha come nome " Pè Madam EP ", che come le precedenti produzioni porta l'innovazione di un titolo palindromo.

Presentazione di “Damn maD”:

“Damn maD” è un album di denuncia sociale. “Il titolo oltre ad essere un palindromo, come tutti i testi delle mie canzoni, è anche una frase che può essere interpretata in entrambi i sensi, sottolineando il dualismo e l’ambivalenza che caratterizzano tutte le cose”, secondo le parole dell’artista.

A differenza di “OmississimO”, un album prodotto da Oyoshe a Napoli, dove i titoli sono dei palindromi in napoletano, data la partecipazione di artisti internazionali e la permanenza dell’artista a Amsterdam, dove l’inglese è molto usato, sono presenti titoli in inglese, pur sempre palindromi.
“Damn maD” è anche il titolo del primo brano, che vede la partecipazione di una leggenda del rap underground come Lord digga A.K.A. the highestman. Egli non è l’unico: in altri brani abbiamo altre collaborazioni di mostri sacri dell‘underground newyorkese, come Rusty Juxx nel brano “Work roW”, Thermanology nel brano “Wolf flow” e Big Twin nel brano “No part 2 trap on”.

Oltre alle collaborazioni internazionali tutti i brani hanno una forte carica energetica caratterizzata dalle influenze rock ’n roll: basta ascoltare “Deep speed”, ”Age megA” o “Sword rawS”, per non parlare di “Raw waR” che, fra produzione musicale e testo, ha bellissime sonorità è tocca argomenti sempre attuali, da ascoltare!
Mc Sof dice anche che: “l’album era partito da un idea “classic hip hop “ poi Dr Ketamer mi propose l’inserimento di una vena rock ’n roll che si è riflessa nella maggior parte delle opere, che associata ai miei versi rap, ha creato un genere abbastanza tosto che io definirei rap ‘n roll”.

“Damn mad”

Genere: electro, hip hop, rock
Label: KML

Track list:

1. Damn mad feat. Lord Digga
2. Level
3. Wolf’s flow
4. Age mega
5. Sword rows
6. Deep speed
7. No part 2 trap on feat. Big twin, O’rep
8. Work row feat. Rustee Juxx
9. Raw war

Link per lo streaming dell’album:


web links:






Piotta, con "L'Ottavo Re" rivive la golden age del rap italiano dei '90


Piotta, con “L’Ottavo Re” rivive la golden age del rap italiano dei ‘90

L’Ottavo Re (from 90’s archives) è il titolo del nuovo album di Piotta, da venerdì 24 luglio negli store digitali e in vinile tiratura limitate pubblicato da La Grande Onda e Aldebaran Records.
Il richiamo della golden age del rap italiano si concentra in questo album/compilation, che raccoglie e documenta le origini dalla carriera artistica di Piotta, ma anche del retroterra musicale e culturale romano che proprio in quegli anni affonda le sue radici.
Un piccolo compendio indispensabile per spiegare la genesi di una scuola che poi negli anni ha generato band e album che hanno fatto la storia come Colle der Fomento e Cor Veleno, solo per citarne alcuni.

Le tracce e gli skit selezionati sono esperimenti aurorali, spesso grezzi e dove emergono inevitabilmente i riferimenti alle band statunitensi (in quel periodo l’Hip-Hop italiano praticamente non esisteva), schizzi di rime, urla e campionamenti crudi gettati senza pensarci troppo sulle bobine dei multitraccia.
Tutti i brani sono pubblicati oggi per la prima volta su supporto fisico ufficiale, quando finora erano sempre solo circolati su mixtape in cassetta che venivano duplicati centinaia di volte e passati di mano in mano alle jam.
Ice One è il grande direttore d’orchestra di tutta l’operazione, il trait d'union che unisce PiottaColle der FomentoMC GiaimeKobb DLascarsTuri CompariFlaminio MaphiaBenettiGufo (Supremo73) e tutti i personaggi che hanno dato vita a questo straordinario percorso musicale.
Quella scena fatta di freestylegraffiti e tanta voglia di emanciparsi, di trovare un’identità che potesse svincolare il rap italiano dai modelli d’oltreoceano. Una scoperta e una necessità per un gruppo di liceali con le orecchie dritte verso le nuove tendenze, ma con il cuore sempre legato alla tradizione italiana.

L’humus musicale dove Piotta ha maturato le sue esperienze, prima del grande successo di massa. Un legame che tuttavia ha sempre portato avanti con impegno e dedizione fino alle sue più recenti pubblicazioni, ma, anche con il lavoro di talent scout e produttore portato avanti con la sua etichetta.

Grazie a La Grande Onda e Aldebaran è possibile oggi ascoltare tutto questo in vinile 180grrimasterizzato appositamente da Deva nel nuovo Amnesiac Studio e con tutta la grafica è curata da Massimiliano Piluzzi AKA Deep Masito.

MULTILINK



Luca Bramanti
Ufficio Stampa Nextpress

Skype ID: luca.bramanti

Alba, il nuovo singolo di Veracrvz x 33Ars


Il nuovo rap di Veracrvz x 33Ars comincia all’alba

Alba” è il titolo del nuovo singolo e video di Veracrvz e 33Ars, da mercoledì 22 luglio in tutti gli store digitali. Il duo romano composto dagli MC Veracrvz e 33Ars, dove quest’ultimo si occupa anche di tutte le produzioni del progetto, torna con un nuovo capitolo discografico proseguendo il percorso intrapreso con i primi brani già nel 2019.
L’idea alla base del progetto è estremamente autentica: vogliono parlare ai ragazzi della loro generazione, raccontando storie di vita vissuta che siano in grado di creare un rapporto “intimo” con l’ascoltatore.

“Alba” è un microcosmo urbano dove vivono le rime del rap più street, i suoni melodici del pop acustico fino alle ritmiche disco/EDM che assimilano il mondo gli ascoltatori più giovani. Un’atmosfera romantica e sognatrice attraversa strofe e ritornelli che raccontano piccole grandi storie di tutti i giorni. La scelta della formazione è quella di attingere dalla realtà, di riprendere ciò che vivono in prima persona senza l’utilizzo di filtri, per creare un’identità unica che sia in grado di coinvolgere l’ascoltatoreL’anima rap più autentica è contaminata con le sonorità contemporanee, così da trovare un compromesso tra l’old school Hip-Hop e gli eccessi della trap. Veracrvz e 33Ars non amano le etichette, amano sperimentare e sono alla costante ricerca di nuovi scenari musicali da dove attingere idee e stili, melodie e armonie da contaminare per costruire la loro identità più originale.

L’idea alla base del videoclip realizzato da Leonardo Meuti, è stata quella di riuscire a creare una storia che fosse in grado di trasmettere il romanticismo e la dolcezza del pezzo, senza compromettere l’anima EDM della produzione. La sceneggiatura vuole quindi raccontare nella maniera più vicina possibile la realtà dell’avere 20 anni, qualcosa in cui qualunque ragazzo o ragazza di quell’età possa rispecchiarsi. Per renderlo il più fedele possibile alla realtà i due attori si sono visti per la prima volta solo una volta davanti alla telecamera. Il videoclip di “Alba” è solo il primo capitolo di una storia che proseguirà nei prossimi singoli del duo.

VIDEOCLIP UFFICIALE

Veracrvz
33Ars


Luca Bramanti
Ufficio Stampa Nextpress

Skype ID: luca.bramanti

Manfredi, “Ballare con Te” è il nuovo singolo estivo


MANFREDI- BALLARE CON TE

E' IL NUOVO SINGOLO ESTIVO

L’estate nel tempo è cambiata molto, ma i ricordi dell’estate all'italiana riescono ancora a darci delle emozioni indescrivibili.
Perché non approfittare proprio di questa splendida stagione per trovare il coraggio di cambiare strada, senza farsi  intimidire dai limiti dell'età che nel 2020 sono nulli?
Il nuovo singolo di Manfredi, Ballare con Te incita a dare spazio ai propri sogni per prendere in mano la vita, realizzando quello che nella nostra testa era rimasto in sospeso.

Manfredi nasce a Milano nel 1995 e si appassiona al mondo musicale sin da piccolo.
Resta nel silenzio del creare la propria musica per se stesso, in modo da scoprire pensieri nascosti.
Autore e musicista cresce con influenze di musica Jazz, appassionato di scrittura creativa, trova nel pop e nell'hip hop la possibilità di esprimersi raccontando il suo punto di vista sulla società.
Produttore nella vita, collabora con i più importanti influencer e talenti del web nella creazione di nuovi progetti.


https://www.facebook.com/Manfredipop/
 
https://www.instagram.com/manfredi_simonetti

www.facebook.com/sorrymom.it

www.sorrymom.it



Link YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=4PxA_I-Wq3M&list=RD4PxA_I-Wq3M&start_radio=1

Dydo ti regala una stella: "Scegli me" è una rap ballad che racconta un amore spaziale


Scegli Me” è il titolo del nuovo singolo e video del rapper Dydo, disponibile da martedì 14 luglio in tutte le piattaforme digitali. Il concept del brano dedicato all’amore, racconta di una passione così intensa da non sembrare nemmeno terrestre, e proprio negli astri e nelle stelle ruota anche il lancio del nuovo lavoro.

Il rapper varesino, già membro della storica formazione Huga Flame, non è nuovo a iniziative eclettiche legate alla promozione delle sue canzoni. Per questa nuova rap ballad, infatti, ha scelto di girare il suo videoclip all’interno del parco astronomico La Torre del Sole di Bergamo, così che da sottolineare il titolo/slogan “Scegli Me” che si riassume nel verso che ricorre nel testo “Siamo nati per splendere”. Non solo, in concomitanza con il lancio del singolo Dydo lancia l'iniziativa “Dai un nome alla tua stella” dove, collegandosi al sito www.dydo.it, sarà possibile prenotare una stella, dedicarla alla persona che si ama e vederla brillare nel cielo virtuale con tanto di foto/certificato, che sarà possibile utilizzare come sfondo del cellulare e delle story di Instagram.

Le rime e gli accenti del rap si diffondono tra i telescopivolte celesti e il mega planetario dove sono rappresentate le principali costellazioni. La protagonista del videoclip realizzato da Marco Ravelli e Giorgio Pesenti, attraversa gli interni dell’osservatorio tenendo sempre in mano una sfera luminosa che rappresenta proprio la stella e l’amore raccontati nel testo.

 Tra beat electro-pop e un tocco di auto-tune la storia si conclude con un simbolico Big Bang dove da questa singola stella si generano altre stellepianeti e costellazioni. La produzione musicale e gli arrangiamenti sono di Alfredo Grassi.




Luca Bramanti
ufficio stampa


MINELLONO, "LOL" è il singolo di debutto


MINELLONO- LOL
 E' IL PRIMO INEDITO

"LOL" è il primo inedito di Minellono
Dal tema leggero, "LOL" parla principalmente di una festa e di una di quelle cotte estive che si prendono spesso in vacanza, di come si vorrebbe passare tutto il tempo con leggerezza, senza pensare a nient'altro.
È un pezzo che non ha bisogno di essere capito o decifrato, il messaggio è semplicemente “pensa alle cose belle e sorridi”.
Il videoclip che lo accompagna è stato girato in casa durante l’emergenza COVID-19 e vuole far capire che anche da soli o con una ristretta compagnia, ci si può divertire lo stesso, fare festa a modo proprio.
Con le immagini si lascia intendere la malinconia rispetto ai parties di cui parla nella canzone e che Minellono cerca nel suo immaginario di ricostruire, in modo che le persone guardandolo possano pensare anche loro ai momenti di goliardia.
La traccia, nata per caso a casa dell'amico Mr. Even, era già stata progettata, ma ad ultimarla è stata la decisione di creare un drop giusto che facesse ballare.   

Michael Minellono nasce a Pavia il 24 agosto del 1994.
Figlio d'arte di Cristiano Minellono autore di moltissime canzoni della musica Italiana, si appassiona fin da subito alla musica, ma più precisamente al genere Rap intorno ai 14 anni.
Dopo una lunga esperienza nell'underground e come organizzatore di concerti, inizia a far uscire i primi pezzi insieme agli amici Dawggy e Sfrejo. 
Nel 2018 esce il primo video su Youtube in cui remixando "Lambroghini Mercy" di Kanye West, dà vita a "Fiat Panda Mercy" e sempre nel 2018 esce "Lionz".
Nel 2020 la vera svolta arriva con la firma con Sorry Mom! e la pubblicazione del primo inedito "LOL".


The Old Skull cercano un cantante, al via il contest "One Minute Alone"


I The Old Skull cercano un cantante, al via il contest “One Minute Alone” per scoprire una nuova voce

La formazione rapcore romana è alla ricerca di una voce solista. La band che finora si è avvalsa della collaborazione occasionale di MC provenienti da tutta la scena Hip-Hop nazionale, ha aperto i provini per cercare un nuovo componente da coinvolgere abitualmente.

La figura ricercata deve saper cantare e comporre in italiano e muoversi agilmente tra le rime del rap e le parti più pesanti e graffianti tipiche del metal/crossover. Per partecipare alle selezioni basta scaricare la base inedita realizzata dalla band a questo indirizzo: www.theoldskull.it, registrare la propria linea vocale (audio o video) e inviarla alla mail: theoldskull83@gmail.com. Il termine per inviare il materiale è venerdì 17 Luglio mentre il risultato verrà annunciato una settimana dopo.

Il vincitore parteciperà alla realizzazione di un inedito, che verrà inserito all’interno del prossimo album dei The Old Skull, e il cantante sarà quindi coinvolto in prima persona tra registrazioni in studio, prove e attività live, magari diventando un giorno il frontman della band. La band composta da Luca Martino (batteria), Francesco Persia (chitarra), Emanuele Calvelli (basso), Alex Merola (chitarra) e DJ Snifta, reduce dalla pubblicazione dell’album Fantasmi, Ruggine e Rumore”, ha recentemente omaggiato la storica formazione Beastie Boys. Con la pubblicazione della cover “Say It” dall’album “Hot Sauce Committee Part Two”, hanno dichiarato: “I Beastie Boys sono il simbolo della contaminazione nella musica, questo è un piccolissimo omaggio ad una band immensa che a distanza di anni non smette mai di emozionarci ed ispirarci”.

VIDEOTRAILER CONTEST “One Minute Alone”


Luca Bramanti
ufficio stampa

Penny, il rap fusion di "Tutto di personale"


Penny, il mio rap fusion è “Tutto di personale”

“Tutto di personale” è il titolo della nuova video live session di Penny, da mercoledì 3 giugno su YouTube. Matteo Rosa, questo il nome del musicista romano che ha recentemente cambiato il proprio moniker da Penny Wise a Penny, proprio nell’ottica di un’evoluzione artistica dal mondo del rap verso territori più maturi e contaminati.
La session è stata completamente suonata e registrata dal vivo con la band composta da Giulia Marinelli (cori), Luca Lorenzini (piano), Marco Pagano Patrizi (chitarra), Luca Zadra (batteria) e Andrea Ciccorelli (basso).

Evolvendosi dai beat tipici del mondo Hip-Hop, Penny si muove ora verso scenari che lambiscono jazzchillhop e R&B strizzando l’occhio al rap di Chicago, che vede tra i suoi maggiori rappresentanti artisti come Chance the Rapper e Mick Jenkins.
Con questo capitolo, che sarà poi la titletrack del disco in uscita per Do Your Thang Records, Penny dichiara apertamente i suoi intenti: metterci del proprio, farlo per passione e non seguendo la logica del business.

 “Tutto di personale” è il suo manifesto artistico, dove prende le distanze dal denaro che muove gli intenti dei grandi dell’industria. Non c’è quindi “niente di personale” nell’essere controcorrente e indipendente, ma al contrario, “tutto di personale” nel voler portare avanti la propria idea di musica e di arte.
Il brano è stato scritto da Penny, composto da Rubber Soul (Riccardo Balestra) e riarrangiato da Luca Zadra che, oltre alla batteria, ha curato l’intera produzione del disco.

VIDEOCLIP UFFICIALE



Luca Bramanti
Ufficio Stampa Nextpress

"Chiarimenti", ecco il nuovo singolo di Metal Carter con Davide Toffolo


I “Chiarimenti” di Metal Carter con Davide Toffolo, il nuovo singolo punta dritto verso “Fresh Kill”

“Chiarimenti” è il titolo del nuovo singolo e video dell’eclettico rappresentante della scena Hip-Hop nazionale Metal Carter, che per l’occasione ha coinvolto una figura di riferimento dell’alternative italiano quale Davide Toffolo, frontman della formazione Tre Allegri Ragazzi Morti.

Il sodalizio, come racconta Carter, nasce da una spontanea amicizia e stima reciproca: Davide si è sempre dichiarato suo fan, mentre Carter ammira la sua visione della musica a 360 gradi e la sua carriera di fumettista. Sulla produzione di Akira Beats scorrono rime dove violenza fa rima con coerenza, vicende che raccontano episodi di vita reale in prima persona, dove il tipico scenario death rap che ha sempre contraddistinto la carriera del Sergente di Metallo emerge prepotentemente. Se per primo in Italia ha sviscerato i meandri più oscuri del death rap, in questo nuovo corso si evolve addentrandosi anche su territori gangsta rap più street. 

Beat ed elettronica si mescolano con un pianoforte che riecheggia tutta la carica solenne ed emotiva del pezzo, contrappuntata dal ritornello quasi mistico di Toffolo. Un nuovo capitolo del prossimo album, che acquisirà ulteriore significato quando sarà svelata l’intera tracklist, dove ogni capitolo di “Fresh Kill” è pensato e concatenato in una sequenza di significati e ospiti.

Il singolo è accompagnato dall’omonimo videoclip realizzato da Federico Bensi e verte su una scenografia squisitamente urban. Il playback di Carter e Toffolo è ambientato in un tipico quartiere periferico della Capitale ed è incentrato sulla presenza di decine di ragazzi che rappresentano un’ampia gamma di gruppi sociali, dai dark ai b-boy, dai metallari alle persone qualsiasi.
Con la pubblicazione di “Chiarimenti”, finalmente il Death Lord annuncia la pubblicazione del nuovo album “Fresh Kill” subito dopo l’estate per Time to Kill Records, diventando il primo rapper italiano a firmare per un’etichetta metal.
Il singolo è disponibile su tutte le piattaforme digitali a partire da martedì 26 maggio 2020.

VIDEO



Luca Bramanti
Ufficio Stampa Nextpress

Piotta, nel nuovo singolo “Vengo dal Colosseo 20.20 edition” cantano anche le statue dell’antica Roma


A vent’anni dalla pubblicazione, Piotta prende di nuovo in prestito un classico della tradizione orale della Capitale (quel famoso e popolare "Vengo da Primavalle"), come già fatto nella sua vecchia hit “Il mambo del Giubileo”, e ne crea una nuova instant song dal titolo “Vengo dal Colosseo 20.20 edition” disponibile da venerdì 22 maggio su tutte le piattaforme digitali.

Se nel 2000 si parlava della calda estate del Giubileo, ora racconta -sempre con la tipica ironia sorniona romana- un periodo così particolare, tra la quarantena l'atteso ritorno a quella normalità fatta di concerti e di voglia d'estate.
Il tappeto sonoro è firmato dal multioro Swan (già con Ghali, Emis Killa, Clementino, Rochelle e molti altri), che coniuga in un’atmosfera molto UK urban e jungle. Il singolo fa parte dell'omonimo EP e contiene anche un secondo remix dal sapore più latin e nu-cumbia, prodotto dal chitarrista Giuliano Cantini, ma, anche la versione strumentale e a cappella.

Contestualmente, per la regia di Glauco Citati, esce il video del brano pensato con il coinvolgimento in chiave "Toga party" delle amicizie di UDKD (Un discretissimo karaoke domenicale, format ideato dalla performer Lilith Primavera che compare anche nel video) e di #casaZanello, programma nato nei giorni di quarantena, e che ha visto Tommaso Piotta intrattenere i suoi follower su Instagram con tutta la propria vastissima collezione di vinili. Un’idea concepita in leggerezza sarcasmo, con la semplicità dei pochi mezzi disponibili durante il lockdown, ma, con la voglia di pensare al futuro con ottimismo. Nel videoclip, il visual artist Angelo Di Nicola attraverso una tecnica di animazione digitale 3D, riesce a far cantare a tempo di musica le più celebri statue della Capitale: dalla Bocca della Verità a Ottaviano Augusto, dal Giordano Bruno di Campo dei Fiori al San Paolo Apostolo di Piazza San Pietro finanche Giulio Cesare.

Quella Roma che l'artista racconta da vent’anni, sempre in sella suo vespino: "Durante questa quarantena sono riuscito a far cantare persino le statue -così afferma sorridendo Tommaso Zanello alias Piotta-, ad un certo punto sono saltati tutti i programmi, da un mega evento al Teatro Sistina con l'Orchestra Sinfonica di Roma su cui lavoravo da mesi, fino al singolo estivo previsto ma rimasto ancora da mixare. Ne è nata questa idea, in una notte di quarantena in cui non riuscivo a prender sonno. Cotta e mangiata come si dice, una vera instant song!"

VIDEOCLIP


Luca Bramanti
ufficio stampa


NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *