Page Nav

Grid

GRID_STYLE

Breaking News

latest

L'attuale immigrazione di massa è una crisi pianificata da tempo per innescare una guerra tra poveri in Europa

Di David Icke In questi giorni  la stampa mondiale è stata dominata dalla foto del piccolo siriano morto , trovato sulla spiaggia. L’i...



Di David Icke
In questi giorni la stampa mondiale è stata dominata dalla foto del piccolo siriano morto, trovato sulla spiaggia. L’immagine comprensibilmente ha creato delle reazioni emotive. Incredibile quante cose si possono dire e sentire e vedere in una singola foto. Ma coloro che a causa della foto hanno tolto la loro attenzione da questo tema, dovrebbero ricordare, che la morte di piccoli, di bambini e di civili, sono la norma nel Medio Oriente.





Sono  morti in numero incredibile, dall’invasione dell’Iraq, dalla guerra “per interposta persona” in Siria,  dalla Libia, coi bombardamenti dei civili… “per proteggerli dalla violenza” e dalla creazione, a mano dell’Occidente,  di questa masnada di pazzi dell' ISIS, che hanno  creato immensa devastazione nei paesi da cui ora le persone cercano la fuga verso l’Europa.
L’immagine di quel piccolo bimbo non deve farci perdere la concezione della sistematica immensa devastazione di persone in tutta la regione. Sapete una cosa? Sono esausto e ho il vomito per tutte le stronzate che sento.  Sapete, in questo Paese (UK) abbiamo un Primo Ministro, David Cameron, che questa settimana ha detto che la risposta a questo enorme flusso di persone, che provengono dal Medio Oriente, verso l’Europa … è portare pace e stabilità in Siria.
E’ difficile comprendere la dimensione di menzognera ipocrisia, necessaria a quell’uomo per mettere insieme quelle parole. Ma quando sei un mentitore professionista, secondo definizione del tuo lavoro, allora si capisce che per lui fare questo, è piu’ facile che per la maggioranza delle persone. 
...
Cio’ che è accaduto, non solo relativamente a Cameron e Obama, è che  sistematicamente e freddamente e con deliberato calcolo, hanno armato e finanziato e addestrato ribelli,  per rimuovere prima Gheddafi in Libia, mettendo a ferro e fuoco il paese con violenza, insurrezioni e poi hanno fatto lo stesso , nel loro obbiettivo tutt’ora in corso di rimuovere Assad in Siria.
E ora abbiamo l’America e la Turchia che combattono contro la Siria.
E qui abbiamo qui un uomo che parla di  pace e stabilità da portare in Siria…Lui che ha già strappato un consenso per il bombardamento britannico in Siria e ne avrà un altro non appena gli sarà  possibile. e ha anche detto che se nelle elezioni sarà vincitore il suo antagonista laburista non vorrà piu’ farlo… lo dovrà fare in ogni caso.
Le parole sono stronzate, sono la storia di copertina. Le azioni invece sono l’agenda (il programma dietro le quinte).


the-david-icke-videocast-the-mig

Sto  aspettando da tempo che si verifichi questa crisi, perchè è tutta parte dell’agenda. Sono 25 anni che comunico e seguo le notizie. Vi darò due ragioni per tutto questo.
La prima: cio’ che vuole questa mano nascosta, è caos e sconvolgimento, perchè il caos e lo sconvolgimento sono lo stato piu’ facile al mondo per manipolare. Nel caos non avete solo l’opportunità di offrire la soluzione al problema, ovvero proseguire la  agenda per il caos che è una scusa funzionale, ma soprattutto avete enormi quantità di persone, impaurite e distrutte dal caos,  che chiedono che offriate la soluzione al caos. Quindi se questa sarà uno stato di polizia, una centralizzazione del potere, piu’ sorveglianza, riduzione delle libertà… “beh non è bello, ma dobbiamo pur venire fuori da questo caos”. Ovvero i  molti daranno assenso-consenso.
Questa ondata di immigranti dal Medio Oriente e dall’Africa è programmata per creare caos, ma quel che vediamo ora è niente, se permettiamo alla loro agenda di manifestarsi completamente, perchè  quel che vogliono è una ENORME ondata di immigranti verso l’Europa. Questo per creare caos economico e conflitti tra immigranti e popolazioni europee. E come sempre avete una sezione di vittime di questa mano nascosta che confligge con l’altra sezione di vittime… 
...
Come detto ci sono molte ragioni ma queste sono le maggiori..
Come dico da anni bisogna smettere di comprendere gli avvenimenti del mondo come fossero singoli accadimenti. Non sono isolati tra loro. Essere miopi nell’osservare gli eventi, non vi farà vedere il meccanismo che li ha toccati  tutti. Quindi per comprendere la crisi della immigrazione, dobbiamo connettere alcuni puntini, perchè questo è parte d un lungo processo per creare caos e giustificare un grandissimo cambiamento globale.
Nel 2000, un gruppo che si chiamava The Project for a New American Century (Il Progetto per un Nuovo Secolo Americano) creato da Bush che sosteneva i Repubblicani ( ma non facciamoci confondere dai partiti che sono solo nomi diversi per a stessa faccia) produsse un documento che indicava una lista di paesi  in cui doveva accadere un “regime change” (cambio di regime) in uno scenario  di guerre multiple.
In questo gruppo c’era la Siria, l’Iraq, la Libia etc etc…tutti quelli che da allora sono stati coinvolti
Di quel gruppo facevano parte CheneyRumsfeld,  Wolfowtz , tutti personaggi che poi giunsero al potere pochi mesi dopo la pubblicazione del documento
Il documento diceva anche per per raggiungere quel fine (le guerre multiple) avevano bisogno di quello che chiamarono una Nuova Pearl Harbour , ovvero un attacco all’America per giustificare etc etc… Ora nello stesso anno in cui costoro giunsero al potere con Bush, abbiamo avuto l’11 Settembre.
A seguito dell’11 Settembre cosi ebbero la loro scusa per invadere l’Afganistan e poi l’Iraq e cominciare la “guerra al terrorismo”, nonchè la faccenda Al Qaida e Bin Laden etc etc. : tutto cio’ fu in realtà una creazione del governo e dei militari americani. Dunque il risultato fu che questi paesi (presenti nel documento) vennero presi di mira uno dopo ‘altro.  
C’è poi  anche l’intervista televisiva del Gen. Clark , che appena dopo l’11 Settembre disse che uno dei massimi capi del Pentagono, gli disse che sarebbero andati ad invadere l’Iraq. “ Ma perchè?? C’è un collegamento con  l’11 Settembre? No, ma andremo ad invaderli …” Il Generale disse anche che settimane dopo tornò al Pentagono e riparlò con lo stesso funzionario di alto rango, il quale gli disse che  sarebbero stati invasi una serie di Paesi… e cio’ veniva preso direttamene dal documento del Progetto del Nuovo Secolo Americano. Libia , Iraq, Siria…
Quindi con diverse scuse presero (e prendono)  di mira tutti quei Paesi …
Naturalmente…se bombardi direttamente o indirettamente attraverso i ribelli che hai finanziato, dietro il cartello di una “Primavera Araba”, per esempio, una rivoluzione... la conseguenza è che ci saranno enormi numeri di rifugiati e di persone che hanno perso la loro casa.  E dove pensi che cercheranno di andare? In Africa, forse, fatta a pezzi dalla stessa mano nascosta?
No no, cercheranno di arriveranno in Europa cercando sicurezza ed opportunità economica.  “Se non collegate i puntini”, per vedere come gli eventi sono concatenati tra loro con un senso, non avrete mai un quadro di cio’ che sta veramente accadendo.
Straordinario per me dal punto di vista del giornalismo, ma per nulla straordinario considerando come funzionano i media, non aver mai sentito una domanda a Cameron in merito al suo sostegno ed ora al suo maggior desiderio  di bombardare la Siria. E il suo patrocinio ai bombardamenti in Medio Oriente?
L’idea è che con questo grande flusso migratorio arriveranno conflitti e disordini e allora eccoci al prossimo “bonus” per la "mano nascosta"…quello di giustificare uno stato di polizia sempre piu’ truce, per gestire disordini e violenze.
Tutto molto molto prevedibile… come i consensi dell’uomo della strada:  “questi immigrati sono dell’ISIS, dobbiamo essere protetti e difesi”…

FONTE E ARTICOLO COMPLETO:http://www.davidicke.com/headlines/the-david-icke-videocast-the-migrant-crisis-all-planned-a-long-time-ago/

Traduzione, trascrizione e  sintesi di Cristina Bassi, per www.thelivingspirits.net

http://www.thelivingspirits.net/david-icke-in-ita/david-icke-l-immigrazione-e-una-crisi-pianificata-da-tempo.html

Nessun commento

Partecipa alla discussione

ARCHIVIO