Polemiche a Padova per una classe di soli stranieri.

Risultati immagini per migranti a scuola
Di Federica Olivo
L'unica prima classe della scuola primaria Antonio Rosmini di Padova è composta da soli bambini stranieri. Per la città veneta è la prima volta: era successo alla scuola dell'infanzia, ma mai nelle scuole di grado superiore.
La creazione di una classe multietnica - in cui le uniche italiane sono le insegnanti - non è piaciuta, però, a molti. Critici innanzitutto i genitori dei bambini stranieri residenti in città: il Mattino di Padova riporta la testimonianza di un padre egiziano: "Così non va bene. Che tipo d'integrazione, sia linguistica che culturale, ci può essere quando non c'è nessun bambino figlio d'italiani?". Altri genitori sostengono, invece, che questa situazione si è creata perché c'è stato chi, nel corso del tempo, ha smesso di iscrivere i propri figli alla scuola Rosmini perché troppo "popolata" da bambini stranieri.
Data l'elevata presenza bimbi stranieri, la giunta ha iniziato a rapportarsi con i dirigenti scolastici, proprio per evitare le "classi ghetto". Nel capoluogo di provincia veneto - come riporta Il sole 24 Ore citando i dati del Miur - su un totale di 7.065 iscritti alla scuola primaria, gli allievi stranieri sono il 28,2%. Un dato importante, se confrontato con quello nazionale: dalla consultazione dei dati del ministero dell'Istruzione emerge, infatti, che la percentuale di bambini stranieri nelle scuole primarie italiane è del 10,82%. Su un totale 2.728029 studenti, sono infatti 295.191 gli allievi con cittadinanza non italiana. Se si guarda al dato globale - considerando quindi le scuole di ogni ordine e grado, la percentuale di studenti stranieri scende al 9,2%.

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.