Breaking News

6/breakingnews/random
Visualizzazione post con etichetta Teorie della cospirazione. Mostra tutti i post

BILDERBERG, SEMPLICE MEETING ESCLUSIVO O "AGENDA DEL NUOVO ORDINE MONDIALE" ?


Di Salvatore Santoru
La tematica del Bilderberg è una delle più discusse all'interno del web, specialmente nell'ambito di quei siti e blog che si occupano di controinformazione politica/geopolitica e di teorie della cospirazione.
Secondo i sostenitori del cospirazionismo, l'annuale incontro del Bilderberg sarebbe propedeutico per portare avanti l'agenda del cosiddetto "Nuovo Ordine Mondiale", un progetto di "governo unico sovranazionale" che determinati poteri forti e/o occulti starebbero portando avanti mentre secondo i più scettici quello del Bilderberg si tratterebbe di un semplice meeting privato e/o esclusivo tra alcune delle più note personalità politiche ed economiche.
Quale che sia la verità, non si può non segnalare che effettivamente quello del Bilderberg è un meeting privato e/o esclusivo tra alcune influenti personalità globali e allo stesso tempo esso sembra seguire determinate strategie politiche ispirate a quella che viene chiamata, a torto o a ragione, come la cosiddetta "ideologia mondialista".

Johnny Bravo e il (presunto) riferimento all'11 settembre nella puntata "Chain Gang Johnny"


Di Salvatore Santoru

Nel web si possono trovare molti video e articoli cospirazionisti che sostengono che gli attacchi dell'11 settembre sarebbero stati "previsti" in film,serie tv e in altri prodotti del mondo dell'intrattenimento.
Interessante e poco conosciuto è il caso di un'episodio del cartone animato Johnny Bravo, specificamente la puntata "Chain Gang Johnny" (Fuga dalla prigione Johnny)", come riporta il blog "Tutt'uno"(1).
In esso si vede un'edificio in fiamme che ricorda le Twin Towers accompagnato dalla scritta "Coming Soon", e c'è da notare che sempre come riportato da "Tutt'uno" la puntata risulta essere stata trasmessa il 27 aprile 2001, e più specificamente si tratta della 68esima della terza stagione del cartone(2).

 https://www.youtube.com/watch?v=O5IyLisDffk

Secondo i teorici della cospirazione tale episodio dimostrerebbe che gli attacchi dell'11 settembre erano già stati ampiamente "previsti" e/o secondo molto di essi anche "architettati", mentre secondo altri potrebbe trattarsi di una semplice coincidenza.

Detto questo, ognuno si faccia l'idea che vuole e c'è da dire che l'unica cosa certa e sicura della questione è indubbiamente che si tratta di un'interessante e curioso particolare.

NOTE:

Le 10 teorie del complotto UFO più sconvolgenti della storia

Di Annalisa Lo Monaco
Grazie alle infinite segnalazioni di incontri e avvistamenti, gli UFO sono ormai una delle icone della moderna cultura pop, grazie anche alla“teoria del complotto UFO”: molti appassionati ufologi sostengono che le prove riguardanti gli oggetti volanti non identificati e la presenza di alieni sulla terra siano state sistematicamente tenute segrete da vari governi in tutto il mondo, in particolare da quello degli Stati Uniti d’America. Questa teoria complottistica ha numerose varianti, dall’occultamento di astronavi cadute sulla terra, all’uccisione di equipaggi alieni, fino ad ipotizzare che vari governi sarebbero effettivamente in comunicazione o cooperazione con ipotetiche entità extraterrestri.

Un satellite è in orbita attorno alla Terra da 13.000 anni

10 teorie del complotto UFO 10Una teoria molto vecchia afferma che un satellite, chiamato Black Knight (Cavaliere Nero), vecchio di 13.000 anni, sia in orbita intorno al nostro pianeta. Nikola Tesla fu il primo uomo a scoprire la sua esistenza, dopo aver iniziato a ricevere segnali radio nel 1899, che secondo lui provenivano dallo spazio, segnali ricevuti anche da diversi radioamatori nel 20° secolo. Negli anni 1950 e ’60 alcuni giornali americani descrissero la scoperta di un oggetto misterioso nello spazio, mostrando presunte prove fotografiche, che contribuirono ad alimentare la fede nell’esistenza del Cavaliere Nero.
Se questo presunto satellite esiste davvero, perché è in orbita attorno alla Terra? Lo scrittore scozzese Duncan Lunan nel 1973 formulò una fantasiosa teoria: analizzando i segnali radio ricevuti da ricercatori norvegesi, arrivò alla conclusione che costituivano una mappa stellare, per raggiungere la lontana stella Epsilon Bootis. I dati sarebbero stati trasmessi da un oggetto vecchio 12600 anni, da qualche punto nello spazio, vicino alla Terra. In seguito però Duncan ritirò la teoria, perché basata su dati imperfetti, e comunque lui non aveva mai esplicitamente menzionato il Cavaliere Nero. Gli scettici hanno cercato di sfatare il mito del satellite alieno, ritenendolo nient’altro che spazzatura spaziale o detriti. Una foto del 1988 ha invece fatto sostenere, ad alcuni irriducibili sostenitori dell’ufologia, che si tratti delveicolo spaziale di Pakal, un antico e potente sovrano Maya.

Il Generale MacArthur, e la futura guerra con gli alieni

10 teorie del complotto UFO 2Veramente il generale Douglas MacArthur, l’uomo che ha guidato gli Stati Uniti contro i giapponesi, e poi i coreani e cinesi, ha previsto unafutura guerra contro gli alieni? In un presunto discorso del 1955, MacArthur avvertiva che tutti i paesi della Terra si sarebbero dovuti unire, perché una prossima guerra avrebbe coinvolto l’umanità contro alieniprovenienti da altri pianeti.
Questa dichiarazione del generale viene collegata al suo presunto coinvolgimento nella creazione dell’ambiguaInterplanetary Phenomenon Unit(Unità per i fenomeni Interplanetari), un ente governativo apparentemente incaricato di indagare sul misterioso incidente di Roswell, del 1947, che da sempre alimenta le teorie di presenze aliene sulla Terra. L’ente, che fu poi assorbito dall’American Air Force, arrivò (pare) alla conclusione che gli UFO costituiscono una minaccia per “la sicurezza nazionale e globale”, ed in seguito a questa affermazione, MacArthur fece il suo discorso sulla possibile guerra fra umani e invasori alieni.

Il governo degli Stati Uniti ha segretamente inviato astronauti su un altro pianeta

10 teorie del complotto UFO 3L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti J.F.Kennedy, e del suo successore Johnson, secondo alcuni ufologi, avrebbe inviato astronauti in un pianeta lontano, chiamato Serpo. Secondo questa teoria, l’ambizioso progetto iniziò dopo che il governo degli Stati Uniti presumibilmente salvò la vita di un alieno, il cui veicolo spaziale si era schiantato a Roswell. L’extraterrestre poi, riconoscente per la salvezza, istituì un programma di scambio tra il governo americano, e il suo lontano pianeta. Organizzò l’arrivo di due astronavi, che dovevano riportarlo a casa, insieme a una dozzina di astronauti appositamente addestrati, nel 1965. Dopo 37 anni luce, gli astronauti finalmente raggiunsero Serpo, restandovi per più di un decennio, per conoscere il pianeta e i suoi abitanti, una razza chiamata Ebens.
Gli Ebens erano circa 600.000, e vivevano in una comunità pacifica, senza un governo. Dopo 13 anni, il gruppo di astronauti finalmente tornò sulla Terra, priva di quattro dei suoi membri, perché due di loro erano morti, e altri due avevano scelto di rimanere a Serpo. Purtroppo, oggi non ci sono membri superstiti della squadra, tutti morti probabilmente per i livelli elevati di radiazioni, causate dai due soli di Serpo.

Gesù era un alieno

10 teorie del complotto UFO 4Molti esponenti della fantarcheologia sostengono che gli dei venerati anticamente erano in realtà degli alieni. Se questa teoria fosse vera, allora anche Gesù potrebbe essere stato un extraterrestre, origine che in seguito sarebbe stataoccultata dalla Chiesa. Secondo i suoi fautori, tutte le circostanze della vita di Gesù porterebbero a questa conclusione: la sua nascita da una vergine, per esempio, potrebbe essere spiegata con una inseminazione artificiale di Maria, da parte di alieni. Anche le imprese miracolose di Gesù, così come la sua capacità di comunicare con esseri ultraterreni, come gli angeli (che erano in realtà alieni), sarebbero spiegate dalla sua origine extraterrestre.
I sostenitori di questa teoria sottolineano che alcune dichiarazioni di Gesù, come quella in cui diceva che non era di questo mondo, siano un’allusione alle sue vere origini. Dopo la sua risurrezione, Gesù fu teletrasportato su unanavicella spaziale, ma successivamente la Chiesa cattolica soppresse tutti i dettagli dell’episodio, bollando come apocrifi i racconti che lo descrivevano.

Gli Stati Uniti hanno combattuto e perso contro un UFO nazista in Antartide

10 teorie del complotto UFO 5La spiegazione ufficiale della massiccia spedizione antartica, organizzata dagli Stati Uniti nel 1946, fu quella di esplorare la zona, e impedire un’eventuale espansione sovietica nel territorio. Ma questa operazione, chiamataHighjump, ispirò molte teorie del complotto UFO.
Secondo queste ultime, la missione era in realtà finalizzata a conquistare alcune basi sotterranee naziste, dove si sarebbe rifugiato ancheHitler. Alcune versioni sostengono che il Führer sarebbe riuscito a raggiungere questa fortezza ghiacciata con l’aiuto di avanzate tecnologie UFO. Gli Stati Uniti, a conoscenza di ciò, avrebbero montato unacampagna militare, sotto la copertura della spedizione di ricerca, uscendone poi sconfitti, e costretti a ritirarsi. In realtà, il nemico fu il maltempo, che costrinse gli americani ad abbandonare la missione. Tuttavia, i teorici della cospirazione, (in particolare neo-nazisti) hanno celebrato la “vittoria”, e continuano a sperare che una flotta di Ufo nazisti possa un giorno comparire in Antartide, per iniziare la terza guerra mondiale.

Gli Stati Uniti hanno una flotta spaziale segreta

10 teorie del complotto UFO 6Gary McKinnon è un hacker scozzese, che nel 2002 riuscì ad entrare nelle reti informatiche di Esercito, Aeronautica, Marina degli Stati Uniti, e nei sistemi della NASA, alla ricerca di prove sulla presenza di UFO, nascoste, secondo lui, nei computer militari. Gli Stati Uniti cercarono di estradarlo, senza successo.
Secondo i suoi sostenitori, la persecuzione “straordinaria” a cui fu sottoposto McKinnon, è dovuta alla sua stupefacente scoperta nei file dei militari degli Stati Uniti: un programma spaziale segreto chiamato Warden Solar.L’ipotesi è che gli Stati Uniti stiano usando la NASA come un fronte per mantenere una flotta di astronavi, che segretamente orbitano attorno alla tera. Questa flotta, guidata congiuntamente alle Nazioni Unite, dovrebbe avere l’equipaggio composto da persone di diverse nazionalità, e presumibilmente, avrebbe il compito diproteggere la Terrae il resto del sistema solare, da terroristi cattivi e da gruppi interstellari. Gli Stati Uniti avrebbero ottenuto la tecnologia necessaria probabilmente da un antichissimo gruppo di civiltà extraterrestri, chiamato Star Nations, che avrebbe anche il compito di guidare questa flotta segreta.

La cospirazione dell’invasione aliena alle Olimpiadi del 2012

10 teorie del complotto UFO 7Durante le Olimpiadi del 2012, svoltesi a Londra, alcune frange dei teorici del complotto UFO si stavano preparando per quella che credevano essere un imminente invasione aliena. In realtà, però, questa invasione, che doveva avvenire allo Stadio Olimpico, altro non sarebbe stato che un gigantesco inganno, perpetrato dal Nuovo Ordine Mondiale, una super-alleanza fra massoni, Illuminati, la dinastia reale inglese, famiglie come i Rothschild, e i Rockefeller, e ogni altro gruppo-ombra presente nel mondo. Doveva essere un colpo di stato globale, mascherato da invasione aliena: terrorizzate dagli extraterrestri, tutte le popolazioni mondiali si sarebbero arrese, e gli organizzatori avrebbero agevolmente raggiunto l’obiettivo di formare un governo mondiale, guidato nientemeno che dal principe William.
La prova di questa enorme cospirazione era l’aspetto delle due mascotte olimpiche, Wenlock e Mandeville, simili ad alieni. Inoltre, anche i nomi delle strade attorno ai siti olimpici, come la Gran Eastern Road e Temple Mills Lane, erano considerati una prova del complotto, per il loro suono vagamente biblico. Anche se le Olimpiadi si sono svolte senza troppi incidenti, i teorici della cospirazione hanno spiegato che l’unica ragione per cui non è avvenuto il colpo di stato globale, è perché le “forze del bene” hanno prevalso sui cattivi congiurati.

Un UFO rapì l’aereo scomparso della Malaysia Airlines nel 2014

10 teorie del complotto UFO 8
Come per altri casi di aerei misteriosamente spariti nel nulla, la sconcertante scomparsa del velivolo della Malaysia Airlines, avvenuta l’8 marzo 2014, ha generato una serie di teorie del complotto, che cercano di spiegare come un aereo enorme, guidato e monitorato con le più moderne tecnologie, possa essere inspiegabilmente svanito, senza lasciare traccia. Una delle teorie più bizzarre, è quella che sostiene che un UFO avrebbe rapito l’aereo in pieno volo.
Coloro che avanzano questa teoria, affermano che la loro tesi sarebbe sostenuta dal capo delle forze aeree malesi, Rodzali Daud, il quale avrebbe dichiarato che il loro radar aveva raccolto il segnale di un “oggetto volante non identificato” nei pressi della zona, prima che l’aereo scomparisse. Anche la mancanza di rottami dell’aereo sarebbe una prova del rapimento alieno. Ma quello che è più stupefacente, è il fatto che 1 americano su 10 crede a questa teoria, secondo un sondaggio condotto da CNN.

Il piano per ingannare il mondo con un ologramma

10 teorie del complotto UFO 9Nel 2009 una misteriosa luce azzurra formò una gigantesca spirale nei cieli notturni della Norvegia. Molte furono le spiegazioni: da un’aurora boreale inconsueta, ad un test missilistico russo andato storto; i teorici della cospirazione ritenevano invece che fosse l’ennesimotentativo fallito di eseguire il Project Blue Beam. Serge Monast, oggi defunto, fu il primo a teorizzare il Project Blue Beam: uno sforzo congiunto da parte dei militari degli Stati Uniti, le Nazioni Unite, l’agenzia DARPA, la NASA, e l’Università dell’Alaska, per sviluppare una tecnologia futuristica che avrebbe permesso loro di inaugurare un Nuovo Ordine Mondiale.
Il processo multi-step per conquistare il mondo prevedeva di spaventare tutte le popolazioni del pianeta, con un immenso display olograficodi un’invasione aliena, che allo stesso tempo avrebbe proiettato l’immagine di una divinitàche prometteva la salvezza. Dopo che tutti, presumibilmente, si sarebbero inchinati e arresi a questa figura divina, i cospiratori avrebbero potuto instaurare il Nuovo Ordine Mondiale.

La CIA ha ucciso JFK per impedirgli di conoscere la verità sugli UFO

10 teorie del complotto UFO 1Sono state avanzate molte inverosimili teorie intorno alla morte del presidente degli Stati Uniti J.F.Kennedy, ma una le batte tutte, quanto a follia: Kennedy, che si dice abbia avvistato egli stesso degli UFO nel 1963, dieci giorni prima del suo assassinio avrebbe richiesto alla CIAuna completa informativa sulle loro indagini sugli “oggetti volanti non identificati”, per condividere tutte le informazioni con la NASA. L’obiettivo finale doveva essere quello di dimostrare ai sovietici che lo spionaggio americano stava cessando, e forse anche di convincerli ad unirsi agli Usa in un programma di esplorazione spaziale congiunto.
La CIA avrebbe deciso in quel momento di uccidere il presidente. La teoria del complotto potrebbe essere liquidata come pura follia, se non fosse per l’esistenza di un documento, conosciuto come il “promemoria bruciato”. La rivelazione è stata fatta presumibilmente da qualcuno che si dichiara come un ex agente della CIA: una carta, parzialmente bruciata, contiene le presunte istruzioni della CIA per assassinare Kennedy, colpevole di ficcare il naso dove non avrebbe dovuto. Questo documento ha fatto supporre che i servizi segreti americani non volessero far conoscere la verità sugli UFO a JFK. Molto probabilmente invece, il promemoria bruciato è un falso.

Trentacinque anni fa la morte di John Lennon. Dalla teoria del complotto della Cia alla frustrazione di McCartney

Trentacinque anni senza John Lennon Dal complotto della Cia alla frustrazione di McCartney


In 35 anni un genio della musica quanti capolavori puo' realizzare? In molti se lo stanno chiedendo in questi giorni, a sette lustri dall'omicidio di John Lennon avvenuto davanti al Dakota Building di New York l'8 dicembre 1980. Quel giorno Mark David Chapman sparo' quattro colpi alla schiena dell'ex Beatle e, mentre questi giaceva morente tra le braccia della moglie Yoko Ono, l'assassino invece di scappare si mise a leggere 'Il giovane Holden'. Il custode del Dakota Building grido' a Chapman: "Lo sai che cosa hai fatto?". L'uomo rispose con lucida freddezza: "Si', ho appena sparato a John Lennon".
La dinamica dell'omicidio piu' celebre della storia della musica e' stata oggetto di libri e film. Quando Lennon usci' di casa, Chapman gli strinse la mano e si fece firmare un autografo sulla copertina di 'Double Fantasy', suo ultimo album. Questa scena fu immortalata dal fotografo Paul Goresh.
  L'assassino aspetto' poi la sua vittima per circa quattro ore.
  Alle 22.52, vedendo il musicista rientrare insieme alla moglie, gli sparo' contro cinque colpi di pistola di cui quattro andarono a segno e uno gli trapasso' l'aorta. Gli agenti accorsi sul luogo del delitto si accorsero subito che le ferite riportate da Lennon erano molto serie e decisero di non aspettare l'ambulanza ma di caricarlo sull'auto di servizio per condurlo al vicino ospedale Roosevelt Hospital dove John Lennon fu dichiarato morto alle 23.07. Chapman fu arrestato senza opporre resistenza.
La morte dell'ex Beatle a soli 40 anni e' motivo di grande rammarico perche' potenzialmente avrebbe potuto regalarci ancora moltissimi capolavori. Basti pensare che la rivista 'Rolling Stones' lo colloca al quinto posto nella lista dei 100 cantanti piu' importanti. Ben tre brani di Lennon solista - 'Imagine', Give Peace a Chance' e 'Instant Karma!' - sono inseriti nelle Rock and Roll of Fame. Chi invece si e' rammaricato della tragica scomparsa di Lennon per motivi diversi e insospettabili e' l'ex compagno dei Beatles, Sir Paul McCartney, che ha confessato nel luglio scorso come la sua prima e immediata reazione alla notizia dell'assassinio fu di "frustrazione" perche' la sua uccisione ne aveva fatto un martire "elevandolo al livello di James Dean e anche oltre". Il 73enne co-fondatore e autore di alcune delle piu' belle canzoni della storia della musica, in un'intervista alla rivista americana 'Esquire' ha rivelato: "Quando John fu colpito a morte, a parte il puro orrore, capii subito cio' che sarebbe rimasto: Ok, ora John e' un martire. Un Jfk (John Fitzgeral Kennedy, il presidente assassinato nel 1963, ndr). E ho iniziato a sentirmi frustrato perche' la gente avrebbe iniziato a dire, 'Beh, i Beatles erano lui' e io e George (Harrison) e Ringo (Starr) saremmo scomparsi".
Sull'omicidio di John Lennon, killer e dinamica dell'assassinio, non ci sono dubbi ne' 'lati oscuri'. Eppure sulla figura di Mark David Chapman si continua a scrivere tanto e, nella logica del complotto legata alla morte prematura e violenta di tutte le star dello spettacolo (da Marylin Monroe a Jimi Hendrix, da Elvis Presley a Jim Morrison), anche per l'assassino di Lennon ha successo una letteratura di controinformazione. E cosi' c'e' chi esprime la convinzione che Chapman in realta' fosse un assassino della Cia a cui era stato fatto il lavaggio del cervello e 'programmato' a uccidere Lennon da elementi del governo statunitense. La teoria e' dettagliata e affascinante: nel 1976 Chapman fu visto alle Haiwaii, in un centro per agenti segreti della Cia e delle forze speciali, dove disagi mentali e ospedalizzazione lo portarono a cambiare diversi lavori.
I cultori del complotto ipotizzano che durante questo periodo la Cia ipnotizzo' e drogo' Chapman nell'ambito del programma Mk-Ultra, secondo quanto rivelato al Senato nel 1975, con tanto di lavaggio del cervello per fargli uccidere Lennon, che l'Fbi effettivamente spiava insieme alla moglie Yoko Ono per le sue simpatie di sinistra e il suo impegno antimilitarista. Molto piu' semplicemente, al di la' delle fantasie del complotto, David Chapman uccise Lennon perche' era matto. "Mi sembro' l'unico modo per liberarmi dalla depressione cosmica che mi avvolgeva.
  Ero un nulla totale e il mio unico modo per diventare qualcuno era uccidere l'uomo piu' famoso del mondo, Lennon", spiego' in una celebre intervista. "A otto anni ammiravo gia' i Beatles, come tanti altri ragazzini. Ma non ho mai pensato che Lennon fosse mio padre. E si sbaglia anche chi sostiene che mi credevo 'il vero Lennon' o che lo amavo alla follia - spiego' ancora -.
  Mi sentivo tradito, ma a un livello puramente idealistico. La cosa che mi faceva imbestialire di piu' era che lui avesse sfondato, mentre io no. Eravamo come due treni che correvano l'uno contro l'altro sullo stesso binario. Il suo "tutto" e il mio "nulla" hanno finito per scontrarsi frontalmente. Nella cieca rabbia e depressione di allora, quella era l'unica via d'uscita. L'unico modo per vedere la luce alla fine del tunnel era ucciderlo".
Chapman fu accusato di omicidio di secondo grado (secondo la legge statunitense) e, dichiaratosi colpevole, fu condannato alla reclusione da un minimo di 20 anni al massimo dell'ergastolo (quindi meno della possibile pena massima applicabile, che consisteva in almeno 25 anni).
  Nel 2000, scontato il minimo della pena, si e' visto rifiutare la richiesta di scarcerazione sulla parola. Dopo 30 anni trascorsi nel carcere di Attica, nel 2012 Chapman e' stato trasferito in quello di Wende, sempre nello Stato di New York.
  Il 23 agosto 2014, per l'ottava volta, la commissione giudicante dello stato di New York ha negato a Chapman la liberta' condizionata.

L'attentato di Oklahoma City del 1995, la teoria del complotto e i dubbi sulla versione ufficiale



L'attentato di Oklahoma City è stato un attacco terroristico avvenuto il 19 aprile 1995 contro l'edificio Alfred P. Murrah, nel centro di Oklahoma City.
Nell'attentato morirono 168 persone (tra cui 19 bambini) e ne rimasero ferite 680. Fu il più sanguinoso attentato terroristico entro i confini degli Stati Uniti prima degli attentati dell'11 settembre 2001.
Per l'attentato è stato usato un camion al cui interno era stata costruita una bomba contenente più di 2.300 kg difertilizzante a base di nitrato di ammonio, miscelato con circa 540 kg di nitrometano liquido e 160 kg di Tovex.L'esplosione fu così forte che si sentì fino a 60 km di distanza. Oltre al bersaglio furono distrutti anche molti degli edifici circostanti.





Timothy McVeigh, veterano della guerra del Golfo, venne riconosciuto come colpevole dell'attentato: processato e condannato alla pena di morte, fu giustiziato l'11 giugno 2001 tramite iniezione letale.
Terry Nichols, complice di McVeigh, fu condannato all'ergastolo (che sta scontando nel carcere di massima sicurezza ADX Florence). I coniugi Michael e Lori Fortier, inizialmente coinvolti nella pianificazione ed organizzazione dell'attentato, collaborarono con le forze inquirenti e, in cambio di una lieve condanna, furono inseriti nel programma di protezione per testimoni.


......

« Qualcuno ha deciso troppo presto che McVeigh e Nichols erano quelli che si stavano cercando, e lo stesso tipo di risorse non è stato utilizzato per cercare di scoprire chi altri potesse essere coinvolto [...] In verità, il governo se ne è lavato le mani »
(Niki Deutchman, Presidentessa Camera di Consiglio[30])
Nonostante non sussistano forti e ragionevoli dubbi sul fatto che Timothy McVeigh sia stato il principale responsabile dell'attentato di Oklahoma City, nel corso degli anni diverse ipotesi complottiste misero in dubbio la verità processuale e la bontà delle indagini dell'FBIMcVeigh non parlò mai di altri complici, cosa che gli avrebbe permesso di ottenere l'ergastolo anziché la pena di morte e, sicuramente coinvolto nel progetto contro l'FBI, è realmente riscontrato che si trovasse per certo quel giorno sul luogo dell'attentato.
Secondo lo scrittore e saggista Gore Vidal che, nel suo libro La fine della libertà[31],traccia un profilo di McVeigh abbastanza approfondito grazie allo stretto rapporto epistolare che ebbe con lui durante il periodo detentivo precedente la condanna a morte, McVeigh era estremamente affascinato dalla morte per una causa: «Perché? McVeigh ci ha raccontato a lungo riguardo alle sue ragioni, ma i nostri governanti e i loro mezzi di comunicazione hanno invece preferito dipingerlo come un sadico mostro impazzito»[32]
Anche se risulta inverosimile che McVeigh sia stato inserito in un contesto molto più complesso e variegato e del quale nessuno è stato mai in grado di fornire riscontri credibili, le diverse teorie sul complotto riguardo agli eventi che circondano l'attentato sono state comunque riportate dai media e su vari saggi usciti nel corso del tempo. Alcune di teorie sostengono che, individui appartenenti al governo, tra cui il presidente Bill Clinton, erano a conoscenza dell'imminente attentato e, intenzionalmente, avrebbero omesso di agire in proposito.[25]
Altre teorie si concentrano invece su possibili cospiratori connessi con l'attentato o sulla possibilità che l'attentato sia stato pianificato dal governo per reprimere il movimento di milizia ariana e per fornire l'impulso per una nuova legislazione antiterrorismo, utilizzando McVeigh come capro espiatorio.[33]
Nel libro The Oklahoma City Bombing and the politics of Terror[34], lo scrittore David Hoffman riporta la lettera del generale in pensione Benton K. Partin, inviata il 17 maggio 1995 a tutti i membri di Camera e Senato statunitensi e in cui, dall’alto della sua esperienza, esclude ogni possibilità che un solo camion bomba possa aver apportato simili danni ad un edificio possente come l’ Alfred P. Murrah di Oklahoma.[35] Alla stessa maniera Samuel Cohen, padre della bomba a neutroni ed ex membro del Manhattan Project, asserì che fosse «assolutamente impossibile e contro ogni legge fisica che un camion pieno di fertilizzante e olio per motori […] non importa la quantità […] possa aver fatto crollare l’edificio».[36]
Il numero del 20 marzo 1996 del bollettino «Strategic Investment», in sintonia con i precedenti interventi, riporta quanto segue: «Un rapporto segreto preparato da due esperti del Pentagono che hanno lavorato indipendentemente l’uno dall’altro è giunto alla conclusione che la distruzione del Federal Building di Oklahoma City nell’aprile scorso fu causata da almeno 5 bombe diverse […] Fonti vicine agli autori dello studio sostengono che Timothy McVeigh presente effettivamente all’attentato ha svolto un’"attività periferica", come un "utile idiota"».[35]
Con riguardo all'identikit redatto dalla polizia che ritraeva il secondo dei possibili colpevoli, mai identificato dall’FBI, alcune indagini parallele riuscirono ad arrivare alla probabile cattura di alcuni sospetti somiglianti al disegno: Jack Mauck, vice sceriffo della contea di Shawnee, a sole 50 miglia da Junction City (Kansas), dove fu noleggiato il furgone Ford e dove Mcveigh trascorse una notte al Dreamland Motel insieme ad un altro uomo, rimasto sconosciuto, sostenne di aver individuato in un noto attivista antigovernativo il secondo uomo ricercato (John Doe n°2).[18]
Qualche giorno dopo l’attacco all’edificio di Oklahoma City, Russell Roe, assistente procuratore del tribunale della contea di Geary, riferì agli agenti dell’FBI di aver individuato il secondo volto dell’identikit diffuso dalla polizia in un uomo residente nella sua zona e noto per essere coinvolto in attività antigovernative. Roe rivelò agli agenti che non solo l'individuo somigliava al John Doe n°2 dei disegni, ma che lo stesso era stato visto esplodere bombe di fertilizzante nella sua fattoria poco prima dell'esplosione al Murrah. [18] Lo stesso individuo segnalato da Roe fu identificato anche da Suzanne James, dipendente della Drug Administration della stessa contea di Shawnee che, dopo aver chiamato per cinque volte l'FBI, si arrese al fatto che gli agenti non sembravano interessati alla sua testimonianza.[18]
Un’altra testimonianza ripresa dai complottisti fu quella di Charles Farley, dipendente di un’azienda sita presso il lago Geary (Kansas), che sostenne di essersi imbattuto il 17 o 18 aprile 1995 in un pick-up, un grosso camion da traslochi, una macchina marrone parcheggiata e un camion Ryder, tutti parcheggiati lungo l’autostrada e intorno a cui gravitavano molti uomini che parevano aver problemi con l'autocarro. Farley dichiarò di aver chiesto loro se avessero avuto bisogno di aiuto ma di esser stato respinto da un’occhiataccia di uno di quegli uomini. Il testimone sostenne d’aver riconosciuto lo stesso uomo in un’intervista tv sul fenomeno delle milizie. Interrogato durante il processo, la sua testimonianza non ebbe alcun effetto sull'accertamento dei fatti.[31].
Tutti questi elementi vennero vagliati dall'FBI, che dopo una sommaria indagine ritenne le piste fornite da questi testimoni del tutto insussistenti.


DUBBI SULLA VERSIONE UFFICIALE E TEORIA DEL COMPLOTTO

Siamo al 17 aprile, a due giorni dalla fatidica data dell’attentato (McVeigh aveva scelto il 19 perchè ricorreva l'anniversario di Waco Texas).

Secondo un meccanico dell'Elliott Body Shop di Junction City (una cittadina del Kansas) due persone si presentarono quel giorno per affittare il furgone della Ryder che sarebbe stato usato nell'attentato. Come avevano fatto gli investigatori a risalire al furgone noleggiato? Facile: leggendo il numero di serie del semiasse del furgone, trovato a circa cento metri dal luogo dell'esplosione. (Solo i Boeing vanno in giro senza pezzi numerati, rendendo così impossibile la loro identificazione nel caso di un incidente. Nei furgoni americani invece numerano persino i bulloni delle portiere).

I due clienti che avrebbero affittato il furgone sono stati definiti, in termini forensi, "John Doe 1" e "John Doe 2", ovvero "Tizio 1" e Tizio 2". L'identikit di John Doe 1 risultò combaciare così fedelmente con il volto di Timothy McVeigh, che sembrava quasi che qualcuno lo avesse ricalcato dalla sua fotografia. 


John Doe 2 invece non è mai stato trovato. E’ lui il grande mistero dell'attentato di Oklahoma City.

L'intero impianto di accusa infatti era imperniato sul classico "assassino unico", da trovare possibilmente entro 48 ore, e da condannare al più presto, dopo averlo sepolto sotto una marea di indizi, falsi o veri che fossero. E poichè sia Nichols che Fortier il giorno 17 risultarono essere a casa propria, l'accusa si trovò in una situazione di grave imbarazzo, per non dover ammettere la famosa "cospirazione". Talmente grave fu quell'imbarazzo, che il giudice decise semplicemente di escludere dalla lista dei testimoni il meccanico dell'Elliott Body Shop, che nel frattempo non ne voleva sapere di cambiare la versione dei fatti.

L'avvocato Stephen Jones ha stilato nel suo libro una lista con una trentina di testimoni che avevano visto McVeigh insieme a John Doe 2, ma tutti questi furono inspiegabilmente lasciati fuori dalla porta del tribunale. La Commissione Warren insegna.

Fu così che John Doe 2, inizialmente ricercato in tutta America come “uomo pericoloso”, con tanto di identikit nei telegiornali, è lentamente scomparso dalle cronache, fino ad arrivare a non essere mai esistito.

IL VIDEO DI MCDONALD’S

Veniamo al secondo elemento incriminante, usato dal procuratore per impiccare McVeigh alla sua colpa: a circa mezzo chilometro dall'Elliott Body Shop c'è un ristorante di McDonald's, le cui telecamere di sicurezza funzionano regolarmente (è solo negli aeroporti più sfigati, come ad esempio quello internazionale di Boston, che le telecamere di sicurezza funzionano un giorno sì e un mese no). Fu così che i solerti investigatori dell’FBI, dopo aver visionato ore e ore di filmati di sicurezza di tutti i locali pubblici delle vicinanze, scovarono in quelle del McDonald’s un segmento in cui si vede un giovanotto che va a fare la pipì, passando proprio sotto l'obiettivo della telecamera. Non c'è dubbio, è Timothy McVeigh, ed è palesemente solo.

A sinistra potete vedere le immagini, che portano la data del 17 aprile, ore 3.57 del pomeriggio. Siamo cioè ad una ventina di minuti prima dell'orario stampigliato per l'uscita del furgone Ryder dal parcheggio dell'Elliott Body Shop. Tutto combacia: è evidente che sia stato McVeigh ad affittarlo!

Nessuno naturalmente si è accorto che la telecamera traballa e cambia di inclinazione ad ogni fotogramma, come se invece di essere montata su un supporto fisso la ripresa fosse stata fatta a mano. Della serie “dài che adesso non c’è nessuno! Io mi piazzo là con la telecamera in alto, tu passami sotto facendo finta di niente, e appena finito schizziamo via”. 

Sì però stammi fermino con le mani, se vuoi farla sembrare vera!

Inoltre, nessun sistema di video-sicurezza ha mai conservato le immagini a tempo indeterminato. Oggi esistono le memorie digitali, e teoricamente si potrebbe anche farlo, ma nel 1995 si utilizzavano delle normali videocassette a “loop”, che giravano all’infinito, registrando solo l’ultima mezz’ora di quanto accaduto di fronte all’obiettivo. (Si presume infatti che se entro mezz’ora non hai sentito il bisogno di conservare la cassetta, vuol dire che non è successo nulla per cui valga la pena di farlo).

Invece i nostri segugi dell’FBI si sarebbero sorbiti centinaia e centinaia di ore di immagini registrate e conservate con cura da ciascuno dei pubblici locali della zona (come facevano a sapere in anticipo che McVeigh si era fermato a pisciare da McDonald’s, e non ad esempio a tagliarsi i capelli dal barbiere accanto?), rischiando di finire dieci volte in sanatorio prima di trovare qualcosa di utile.

Il video di McDonald’s presenta inoltre un secondo problema: in quel giorno, a quell'ora, in quel luogo sperduto del mondo, pioveva a dirotto, e gli impiegati dell'Elliott dichiararono senza ombra di dubbio che John Doe 1 e 2 fossero perfettamente asciutti, quando entrarono per prelevare il furgone prenotato. D'altronde, sembra logico che in un caso del genere si vada in due con una macchina, e poi si ritorni con due, specialmente se piove. Come ha fatto invece McVeigh, se era da solo, a coprire il mezzo chilometro che separa McDonald’s da Elliott’s senza bagnarsi nemmeno un pò? McVeigh infatti avrebbe raggiunto in taxi il McDonald’s – Valpreda ha fatto scuola, evidentemente – ma lo liberò, pagandolo, prima di entrare.

Cioè, praticamente: sei in taxi, ti scappa la pipì, stai ormai a mezzo chilometro dalla destinazione (ce l'avranno un cesso da Elliott, no?), piove che dio la manda, e tu chiedi di scendere al McDonald’s? E poi non trattieni il taxi ma lo liberi?

- Guardi che se vuole la aspetto…
- No, vada vada…
- Ma piove, lei non ha nemmeno un ombrello…
- Non si preoccupi, un’anima buona che mi dà un passaggio la trovo di sicuro.

Oppure corro veloce, e la pioggia non mi becca nemmeno.

Una volta impadronitosi del Ryder, che ha affittato sotto la falsa identità di Richard Klinger, McVeigh torna al suo motel e ordina la pizza pagando con una carta di credito a suo nome. Era infatti una persona molto attenta a non lasciare traccia del suo passaggio, ma soltanto di giorno. Alla sera gli calavano gli zuccheri, e commetteva delle stupidaggini incredibili.

Fra queste, ricordiamo anche che McVeigh aveva pensato bene di conservare in un cassetto di casa Fortier la ricevuta per l'acquisto del letame. Esattamente come Oswald, che nella sua infinita previdenza teneva nel cassetto della scrivania la ricevuta del Mannlicher-Carcano acquistato per posta un anno prima.

L’ATTENTATO

All’alba del 19 aprile Timothy McVeigh si mette alla guida del furgone carico di barili di letame, e si dirige verso Oklahoma City. Giunto in periferia si ferma da un benzinaio - che in seguito lo avrebbe riconosciuto nei telegiornali – e gli chiede indicazioni per il Murrah Building. McVeigh infatti era stato mille volte a studiare l’edificio, sia da solo che con Nichols, e ci era pure tornato due giorni prima, per parcheggiare la famosa auto senza targa che gli sarebbe servita per la fuga (ecco perchè aveva dovuto andare in taxi a ritirare il furgone), ma evidentemente a quell’ora del mattino gli zuccheri non gli erano ancora saliti, e voleva essere sicuro di non andare verso l’edificio sbagliato.

Alle 9 in punto McVeigh parcheggia il furgone carico di esplosivo di fronte al Murrah Building, innesca la miccia, e si allontana fischiettando verso l’auto che aveva parcheggiato nelle vicinanze due giorni prima. Saggiamente, per evitare che gliela portassero via, McVeigh aveva attaccato un foglio al posto della targa, con la scritta: “Questa auto non è abbandonata, ha solo la batteria a terra. Perfavore non rimuovetela, sarà portata via entro due giorni”. Naturalmente si aspettava di trovare, dopo due giorni, un bigliettino della polizia che diceva: “Prego, faccia pure con calma. Anzi, se vuole anche un caffè, prima di andare via, ce lo faccia sapere. Noi intanto le ganasce ce le attacchiamo ai coglioni”.

L’ARRESTO

McVeigh sale così sulla sua auto, e si dirige verso l’autostrada. Dopo circa un’ora di viaggio, mentre segue alla radio le notizie del crollo, viene fermato da un poliziotto che ha notato l’assenza della targa. Avvicinatosi all’auto, il poliziotto nota che McVeigh porta una pistola sotto la giacca. Gli chiede allora di vedere il porto d’armi, che però non risulta valido per l’Oklahoma. Il poliziotto è così costretto ad arrestare McVeigh, senza naturalmente sapere di avere fra le mani il criminale che ha appena distrutto il Murrah Building.

Anche Oswald dovette essere arrestato per un motivo diverso da quello per cui si voleva incriminarlo (mica la gente va in giro con scritto sulla fronte “ho ucciso il presidente Kennedy”). Nel suo caso fu l’omicidio del poliziotto Tippitt, che lo aveva fermato per controllare i suoi documenti. L’astuto Oswald infatti, che dopo l’attentato era riuscito a rientrare sano e salvo a casa, aveva deciso di uscire di nuovo per andare al cinema, portandosi dietro una pistola carica, in un momento in cui a Dallas fermavano persino i paracarri. Solo quando fu nelle mani della polizia qualcuno si accorse che lavorava al Book Depository, e dedusse che fosse implicato nell’omicidio del presidente.

E così fu per McVeigh. Solo quando si trovò nelle mani della polizia, un paio di giorni dopo, qualcuno si accorse che assomigliava da morire all’identikit dell’uomo che aveva affittato il furgone da Elliott il 17 aprile.

Quando il poliziotto ha culo, ha culo e basta. E quando il culo si ripete, si ripete e basta.

Anzi, in questo caso non bastava ancora: indovinate che cosa aveva McVeigh, in bella vista, sul sedile posteriore della macchina? Oh yes, la fotocopia della pagina di un famoso libro, il “Turner Diaries”, in cui si descrive per filo e per segno come preparare una bomba con il nitrato di ammonio. 

Ma non basta ancora: lo sapete cosa trovarono i poliziotti nelle fibre della T-Shirt indossata da McVeigh al momento dell’arresto? Oh yes, tracce di letame. (E’ infatti normale procedura far analizzare in laboratorio tutti gli indumenti indossati da coloro che vengono arrestati per non avere il porto d’armi. A quelli che guidano con la patente scaduta fanno anche l’esame del sangue e delle urine).

Nel nostro caso, poichè McVeigh aveva caricato i barili di letame sul furgone due giorni prima, le possibilità sono solo due: o aveva tenuto la stessa T-Shirt per tre giorni consecutivi, oppure il furgone era così stracolmo di letame, quando lo condusse al Murrah Building, che qualche schizzo gli è arrivato addosso lungo il percorso.

Una delle prime cose che Steven Jones volle sapere da McVeigh, infatti, fu proprio perchè mai avesse usato una macchina senza targa per scappare. A detta di Jones, McVeigh gli rispose che "voleva sfidare il destino". Forse, più del destino voleva sfidare l'intelligenza della Stradale dell'Oklahoma: quale poliziotto, per quanto ubriaco, guercio e rincoglionito, non fermerebbe uno che guida senza la targa, dopo che è appena stato fatto saltare uno dei più importanti edifici della città? 

E’ curioso infatti come nessuno sia mai riuscito ad intervistare questo poliziotto, per chiedergli conferma di tutti questi particolari. L’uomo da quel giorno è diventato introvabile.

DINAMICA DEL CROLLO

In una specie di deja-vu al contrario, emersero ad Oklahoma City gli stessi problemi che abbiamo visto per le Torri Gemelle: gli edifici di quel genere, con una sola esplosione, non vengono giù nemmeno se li paghi. Al massimo si creano dei grossi buchi, ma se non distruggi le colonne interne con molteplici esplosioni non c’è modo di farli crollare.

In ogni caso, siamo tutti talmente saturi per le discussioni sul World Trade Center, che tornare a parlare di crolli e demolizioni può causare dei severi mal di pancia a molte persone. 

Diciamo solo che nei primi minuti dopo l’attentato circolarono voci di altre bombe trovate inesplose, puntualmente riportate dai TG in diretta nazionale, ma poi misteriosamente scomparse dalla “memoria collettiva”.

L’idea inoltre che una bomba piazzata all’esterno di un edificio riesca a creare un danno così profondo verso il suo interno cozza contro il più comune buon senso. Sempre il buon senso suggerisce che il semiasse posteriore di un furgone , sul cui pianale esplodono due tonnellate di fertilizzante, vada a piantarsi nel terreno sottostante, al fondo del cratere che viene a crearsi nell'asfalto, invece di volare via come un fazzolettino a cento metri di distanza. (Se tutto quello che sta "sopra" spinge con violenza estrema verso il basso, al punto da scavare un cratere nell'asfalto, dovrebbe portare con sè anche tutto quello che incontra lungo il percorso, no?)

Notiamo infine, in proposito, che il Murrah Building fu demolito con una fretta inspiegabile, a nemmeno un mese dall'attentato. Jones dovette addirittura ottenere una ingiunzione per rimandare di dieci giorni la demolizione, perchè non era ancora riuscito a visitare il luogo del crollo. 

E quando finalmente l’FBI glielo concesse, gli fece trovare il cratere coperto da enormi teli di plastica. Jones chiese di rimuoverli, per misurare almeno ad occhio le dimensioni del buco, ma gli fu risposto che non si poteva fare “per motivi di sicurezza nazionale”. 

Insomma, quando hai sfiga hai sfiga e basta.

UNA GAMBA DI TROPPO

C’è anche un macabro dettaglio, che è andato ad aggiungersi alla montagna di incongruenze della versione ufficiale: dopo che il conteggio delle vittime si era assestato su 168, venne trovata la gamba di un uomo, che indossava uno stivale militare, il cui DNA però non combaciava con nessuna delle vittime che avevano perso una gamba nell’attentato.

Si pensò quindi ad un secondo attentatore, che sarebbe rimasto ucciso nell’esplosione, confermando in quel modo le voci di chi aveva visto due uomini, e non uno, nel furgone parcheggiato davanti al Murray Building. Il primo, McVeigh, fu visto scendere e allontanarsi, mentre il secondo scese, ma in seguito rientrò nel furgone, probabilmente per accendere la miccia. 

Dopo lo sconcerto per questa notizia, le autorità fecero sapere che la gamba in realtà era di una donna, ed apparteneva ad una soldatessa morta nel crollo dell’edificio.

Fu così necessario riesumare il corpo della soldatessa, che evidentemente era stata sepolta con una gamba non sua. A quel punto ci si accorse invece che era stata sepolta con l’arto giusto, mentre la gamba con lo stivale non era la sua. 

Insomma, dopo questo macabro balletto siamo rimasti con un conteggio ufficiale di 168 vittime, più una gamba che non appartiene a nessuno. (Conoscendo il modus operandi di questa gente, sembra evidente che la gamba appartenesse a John Doe 2, il quale probabilmente è stato fottuto alla grande dai suoi compari, che hanno fatto esplodere il furgone quando lui si trovava ancora al suo interno. Quale modo migliore per liberarsi del patsy, diventato inutile e pericoloso, senza nemmeno dover ricorrere ad un Jack Ruby che lo uccide?).

FONTE E ARTICOLO COMPLETO:MASSIMO MAZZUCCO-"Oklahoma City, prove generali per l'11 settembre", http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3522 .

.....

(FOTO:http://edition.cnn.com)

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *