Le impronte fossili che potrebbero cambiare la storia dell'evoluzione umana

impronte
ANDRZEJ BOCZAROWSKI

Di Andrea Rubin

Lo studio sulle impronte fossili scoperte sull'isola di Creta, pubblicato su Proceedings of the Geologists' Association, potrebbe portare a una revisione delle teorie che identificano nella Rift Valley (Africa orientale) la culla dell’umanità.

Le impronte sono state ritrovate da un team di ricercatori europei a Trachilos, sull'isola di Creta.  Si tratta di una serie di 29 orme attribuibili a qualcuno che camminava in posizione eretta. Le impronte hanno una dimensione compresa tra i 94 e i 223 millimetri (10-20 cm) e hanno una forma molto simile a quella degli antenati della nostra specie. La sorpresa è arrivata con la datazione.

LA DATAZIONE. «Ciò che rende controversa l'interpretazione sono l'età stimata e il luogo di ritrovamento», afferma Per Ahlberg, paleontologo dell'Università di Uppsala (Svezia), che in una frase esprime i dubbi della comunità scientifica.

Le impronte sono state datate studiando la presenza nel terreno di particolari microrganismi marini (i foraminiferi, una classe di protozoi) fossilizzati e la struttura dei sedimenti rocciosi. I minerali che compongono i gusci dei protozoi consentono loro di fossilizzare facilmente nelle rocce sedimentarie di origine marina: ecco perché i fossili di foraminiferi sono considerati un buon indicatore dell'età dei ritrovamenti.
Questa tecnica ha portato a una prima datazione tra 8,5 e 3,5 milioni di anni fa. È stato però considerato anche un altro evento: sul finire del Miocene, circa 5,6 milioni di anni fa, il Mediterraneo si prosciugò (regressione marina). Un evento che ha lasciato chiare tracce nei sedimenti, e in ultima analisi di stimare in 5,7 milioni di anni l'età delle impronte.

CHI ALTRI? Se a lasciare quelle impronte non fosse stata una specie appartenente alla nostra linea evolutiva, chi potrebbe essere stato? I ricercatori si interrogano sulle possibili interpretazioni dei risultati raccolti. Il piede umano presenta caratteristiche pressoché uniche: l'alluce è poco mobile, la superficie plantare è piatta e le prime due dita sono più lunghe delle altre.


Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.