Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

Search This Blog

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

NewsLetter

Followers su Blogger

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !

FOTO DEL GIORNO

FOTO DEL GIORNO
LE MIGLIORI FOTO SELEZIONATE PER VOI !

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Caso Consip, il pm Woodcock indagato per falso

Share it:
Caso Consip, il pm Woodcock indagato per falso
Oltre all'indagine a suo carico per rivelazione di segreto, il pm Henry John Woodcock risulta indagato dalla Procura di Roma per falso, nell'ambito dell'inchiesta Consip. Come scrive Il Corriere della Sera, il magistrato napoletano, in concorso con l'ex capitano del Noe (Nucleo operativo ecologico) dei Carabinieri, Gianpaolo Scafarto, è accusato di aver prodotto un rapporto su una presunta ingerenza dei servizi segreti per sviare le indagini sulla Consip, poi rivelatosi falso. Il militare è autore di una comunicazione su un'auto dei servizi che avrebbe spiato i suoi uomini impegnati negli accertamenti a carico dell'imprenditore Alfredo Romeo, chiave di volta dell'inchiesta. Secondo l'accusa, Scafarto era a conoscenza dell'infondatezza di tale asserzione, ma avrebbe agito su indicazione di Woodcock. È lo stesso Scafarto a dichiararlo durante un interrogatorio.
"Questo è quanto emerge dalle dichiarazioni del capitano, che naturalmente sono da valutare in sede penale" ha detto il procuratore generale di Napoli, Luigi Riello alla prima commissione del Consiglio superiore della magistratura. Csm che ha poi aperto un fascicolo su Woodcok per valutarne "l'incompatibilità ambientale". Insomma i servizi non c'entravano e l'informativa era stata manipolata.
Ora, la palla passa al Procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, che dovrà verificare la fondatezza delle dichiarazioni di Scafarto. Sulla vicenda i pm romani vaglieranno anche le affermazioni del procuratore di Modena, Lucia Musti, alla stessa commissione del Csm, nel settembre 2016. Dichiarazioni che non giocano certo a favore dell'ufficiale dei carabinieri. Dopo che Scafarto le parlò di un'indagine molto delicata "da cui scoppierà un casino, arriviamo fino a Renzi", lei decise di non incontrarlo più. "Dissi ai miei colleghi: io di questo non voglio sapere niente, abbiamo fatto bene a liberarcene subito perché questi sono dei matti". E ancora: "Una persona così, che parla in questo modo, in qualche modo viola il segreto".
Share it:

Consip

cronaca

Henry John Woodcock

news

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione