Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

La vera e inquietante storia dietro Winnie the Pooh

Share it:
Immagine correlata

Tpi.it

Il film “Goodbye Christopher Robin” racconta gli effetti della guerra sulla psiche dello scrittore A.A. Milne e il suo rapporto complicato con il figlio, elementi alla base delle avventure dell'orso che ha incantato i bambini di tutto il mondo.

Esistono storie poco conosciute che si nascondono dietro libri diventati famosi in tutto il mondo. Basti pensare, ad esempio, alla vita di James Matthew Barry, dalla cui penna ha preso vita Peter Pan.

La biografia di Alan Alexander Milne, scrittore, poeta e creatore delle avventure del famosissimo orsacchiotto Winnie the Pooh, è una di queste. Ma non è una favola, e non è neanche a lieto fine. È una storia di guerra, di rapporti complicati tra padre e figlio, e di un successo che travolge e scombussola la vita di un’intera famiglia.


Alla vita di Milne è ispirato il film Goodbye Christopher Robin, uscito ad ottobre 2017 negli Stati Uniti (proiettato in Italia a partire dal 21 dicembre 2017 - NdC) con il titolo Addio Christopher Robin. Nel film, girato da Simon Curtis, regista di Marilyn, lo scrittore è interpretato da Domhnall Gleeson (l’attore che ha recitato come Bill Weasley nei film su Harry Potter), mentre la moglie Daphne è interpretata da Margot Robbie (The Wolf of Wall Street)...


Lo scrittore britannico Alan Alexander Milne, autore di Winnie the Pooh, con suo figlio Christopher Robin Milne, nel 1926. Credit: Howard Coster.

Sebbene nella pellicola alcuni aspetti reali della vita di Alan Alexander Milne siano forse accentuati, come sottolinea un’articolo uscito sul Time, la base del film rimangono le vere vicende accadute allo scrittore britannico, che ne hanno segnato la vita e l’opera.


L’esperienza della guerra


Alan Alexander Milne nacque a Londra nel 1882. Da bambino frequentò una scuola diretta dal padre, dove uno dei suoi insegnanti fu lo scrittore e sociologo britannico Herbert George Wells. In seguito studiò alla Westminster School e al Trinity College di Cambridge, dove si laureò in matematica.

Milne era appassionato di scrittura. Alcuni suoi testi furono infatti pubblicati sulla rivista umoristica britannica Punch, di cui divenne collaboratore e poi assistente di redazione.

Nel 1915, entrò nell’esercito e rimase profondamente segnato dall’esperienza sul campo di battaglia durante la prima guerra mondiale.

Il 7 luglio 1916 rimase ferito in battaglia, e venne rimandato nel Regno Unito. Dopo essersi rimesso in sesto, scrisse articoli di propaganda per il gruppo segreto dell’esercito britannico MI 7b tra il 1916 e il 1918. Venne congedato nel 1919.

Nella sua autobiografia It’s Too Late Now, Milne scrisse che pensare “all’incubo del degrado psichico e morale della guerra” lo rese “quasi fisicamente malato”.

Nel film, la sua condizione viene descritta come un Disturbo post traumatico da stress (PTSD). In realtà, non ci sono elementi certi per confermare che Milne abbia sofferto di questo specifico disturbo.

Quel che è certo è che lo scrittore prese posizione in modo molto forte contro la guerra in un saggio scritto alla fine della guerra e intitolato Peace with Honour e pubblicato nel 1934.

“L’ultima guerra ha coinvolto donne e bambini e trasformato la ricchezza accumulata in macello e rovina. La prossima guerra li coinvolgerà in un massacro e una rovina molto più grande. Questo sembra essere un buon motivo per rendere impossibile la prossima guerra”.

Milne è anche noto per aver detto che si congedò dall’esercito britannico senza aver mai sparato a un nemico.

Lo scrittore si trovò poi di fronte a un dilemma morale, come mostra una lettera esposta all’Imperial War Museum di Londra, allo scoppio della seconda guerra mondiale. “Ritengo che la guerra sia un male minore dell’hitlerismo, credo che l’hitlerismo debba essere ucciso prima che la guerra possa essere eliminata”, scrisse Milne.
Questo lo spinse a tornare nell’esercito durante la seconda guerra mondiale.

Christopher Robin e la fama dopo Winnie the Pooh

Dopo il congedo di Milne dall’esercito, lui e la moglie Dorothy “Daphne” de Sélincourt ebbero un figlio nel 1920.

Si tratta di Christopher Robin Milne, il bambino dalla cui fantasia nascerà il famoso orsacchiotto con la passione sfrenata per il miele.

Tutti i personaggi della storia corrispondevano ai pupazzi di pezza del bambino, incluso Winnie the Pooh, che era il suo orsacchiotto (oggi i pupazzi originali che hanno ispirato la storia possono essere visti alla New York Public Library).

Nel 1925 Milne comprò una casa di campagna, Cotchford Farm, che si trova a Hartfield, nell’East Sussex. Questi luoghi diventarono presto lo scenario in cui furono ambientate le avventure dei personaggi immaginati da Christopher Robin, che diede il nome al ragazzino protagonista di Winnie the Pooh.

Il primo racconto su Winnie the Pooh pubblicato da Milne fu la storia del volo dell’orsetto attaccato a un palloncino, pubblicato nell’edizione natalizia del giornale London Evening News.

La risposta del pubblico fu talmente positiva che Milne decise di raccogliere i suoi racconti migliori nella forma di un romanzo per bambini, Winnie the Pooh, pubblicato nel 1926, che ebbe un grandissimo successo di pubblico e di critica.

Successivamente replicò con la pubblicazione della raccolta Now We Are Six e The House at Pooh Corner.

La fortuna delle storie fu determinata anche dalle illustrazioni di Ernest H. Shepard, che per trarre ispirazione frequentò per qualche tempo la casa di Milne, avendo modo di osservare i pupazzi di Christopher Robin e il boschetto vicino alla casa (divenuto, nel romanzo, il Bosco dei Cento Acri).


Nel 1929, Milne vendette i diritti sui personaggi a Stephen Slesinger e nel 1961 i diritti furono acquistati dalla Walt Disney, che fece di Pooh il protagonista di una serie di cartoni animati, inizialmente adattando le storie originali di Milne e in seguito creandone di nuove.

Il successo della storia di Winnie the Pooh, non ebbe però effetti positivi su Christopher Robin, che fu sottoposto a grande visibilità e pubblicità. Fino alla sua morte, avvenuta nel 1996 all’età di 75 anni, il figlio di Milne ebbe infatti un rapporto di amore-odio con il suo alter-ego narrativo.

Quando ebbe otto o nove anni Christopher Robin iniziò ad essere bullizzato a scuola e cominciò a disprezzare sempre di più le storie di Winnie the Pooh, anche se il padre non sembrò inizialmente accorgersi di questo.

Da adulto Christopher Robin iniziò a provare del vero risentimento verso suo padre.

Nella sua autobiografia scrisse che il padre “mi aveva tolto il nome e mi aveva lasciato con la fama vuota di essere suo figlio”. Negli ultimi anni di vita di Milne, Christopher Robin lo vide raramente.

Le opere dimenticate di Milne

Anche se Milne diventò famoso in tutto il mondo per Winnie the Pooh, scrisse molte altre opere di teatro, raccolte di poesie articoli e romanzi. Compose anche un romanzo giallo intitolato The Red House Mystery.

Queste opere, tuttavia, non ebbero neanche lontanamente l’accoglienza che ricevette il suo racconto per bambini.

Milne non amava essere considerato un autore per bambini. Continuò a scrivere negli anni Trenta e Quaranta, ma non riuscì a replicare il suo precedente successo.

Nell’autunno del 1952, ebbe un ictus e fu sottoposto a un intervento che lo lasciò su una sedia a rotelle fino alla sua morte, avvenuta nel 1956.

“Suppongo che ciascuno di noi speri segretamente nell’immortalità”, scrisse nel 1926 prima che Winnie the Pooh avesse un successo mondiale. L’immortalità in effetti arrivò, ma non per le ragioni che lui sperava.

Qui sotto il trailer del film


Share it:

Alan Alexander Milne

curiosità

film

Video

Winnie The Pooh

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione