Attentato Barcellona, il “cattivo maestro” Abdelbaki Es Satty: chi è l’imam che ha creato la cellula jihadista di Ripoll

Attentato Barcellona, il “cattivo maestro” Abdelbaki Es Satty: chi è l’imam che ha creato la cellula jihadista di Ripoll
La storia del peggior attentato nella storia della Spagna dalla mattanza di Atocha inizia probabilmente nell’autunno 2014. È in quei mesi che Abdelbaki Es Satty lascia Tangeri, dove è tornato da qualche tempo, e arriva a Ripoll, paesino di diecimila abitanti ai piedi dei Pirenei. Il tempo di ambientarsi e la Comunidad islamica gli offre il posto da imam nella nuova moschea, con ogni probabilità all’oscuro di alcuni trascorsi piuttosto opachi nella sua vita che lo legano a personaggi coinvolti nella strage delle stazioni del 2004 e all’attentato di Nassiriya.
Nato a Tangeri, in carcere a Castellon
Ancora adesso, nelle strade vicine a Calle Sant Pere, dove Es Satty aveva affittato un piccolo appartamento per 150 euro al mese, perquisito venerdì mattina dagli uomini dell’antiterrorismo spagnolo, tutti giurano di non saperne nulla del passato – neanche troppo lontano – di quel predicatore che, sospettano gli inquirenti, ha avuto più di un ruolo semplicemente attivo nella preparazione degli attentati di Barcellona e Cambrils. Era la mente, forse. Quasi sicuramente è stato l’uomo che ha indottrinato e spinto verso la radicalizzazione Moussa OukabirMohamed Hychami e i loro amici del campo di calcetto. Era nato a Tangeri, Es Satty, e aveva predicato nella moschea di Tetouan, nota per le sue tendenze radicali. In Spagna ci era arrivato nel 2004, lasciando in Marocco la sua famiglia. Cinque anni fa, invece, inizia ad avere problemi con la giustizia. Viene arrestato a Valencia e trascorre alcuni mesi nel carcere di Castellon, nel quale entra il 5 gennaio 2012. È la prima svolta nella sua vita, che potrebbe essere finita a 45 anni sotto un cumulo di macerie nella villetta di Alcanar, al confine della Catalogna, nella base logistica della cellula jihadista che ha messo in piedi l’attentato di Barcellona.

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.