Popolari, la soffiata di De Benedetti: "Renzi mi ha detto che dl passa"




Di Chiara Sarra
"Renzi mi ha detto che il decreto sulle Popolari passa". A parlare, quattro giorni del 20 gennaio, quando il dl è stato varato il 20 gennaio 2015, è Carlo De Benedetti.
Come racconta oggi il Corriere, l'Ingegnere era al telefono con il consulente che gli curava gli investimenti in Borsa, ma la telefonata è stata registrata e inserita negli atti che i pm di Roma hanno trasmesso alla commissione parlamentare sulle banche.
Che De Benedetti avesse delle informazioni in merito era già noto, al punto che tre anni fa fu avviata un'indagine per insider trading dopo una segnalazine della Consob che aveva notato plusvalenze e movimentazioni anomale sui titoli. L'Ingegnere aveva infatti investito attraverso Romed spa ben 5 milioni di euro, guadagnandone 600mila. Nel 2016 sia l'ex presidente del gruppo l'Espresso, sia Matteo Renzi vennero ascoltati dai pm, che hanno chiesto l'archiviazione perché - a loro dire - i due non sarebbero entrati nei dettagli del decreto sul tavolo di Palazzo Chigi. L'ex premier avrebbe infatti assicurato di aver fatto solo "cenni del tutto generici" al provvedimento.
Ma ora il Corriere pubblica la telefonata che conferma i sospetti: "Faranno un provvedimento", dice De Benedetti al suo consulente, "Il governo farà un provvedimento sulle Popolari per tagliare la storia del voto capitario nei prossimi mesi... una o due settimane. Quindi volevo capire una cosa: salgono le Popolari?". "Se passa un decreto fatto bene salgono", conferma l'altro. "Passa, ho parlato con Renzi ieri, passa", assicura quindi l'Ingegnere. Che poi chiede al professionista di studiare "un basket sulle Popolari", ma "togliando la Popolare di Vicenza".
La richiesta di archiviazione da parte della procura aveva reso segreto il fasciolo. Il procuratore Giuseppe Pignatone e il sostituto Stefano Pesci sostenevano infatti che nella telefonata "De Benedetti si limita ad affermare di aver appreso di un 'intervento': espressione polivalente che nulla apporta in più rispetto a quanto ben noto a Bolengo. Ma anche che l’intervento sarebbe stato realizzato in tempi brevi, ma non necessariamente brevissimi e comunque non determinanti".
Solo la trasmissione degli atti alla commissione Banche - su richiesta del senatore di Idea, Andrea Augello - ha permesso di far emergere la telefonata.

2 commenti:

  1. Lor signori trovano degni interpreti, anche tra magistrati,a parole inequivocabili.

    RispondiElimina
  2. Lor signori trovano degni interpreti, anche tra magistrati,a parole inequivocabili.

    RispondiElimina

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.