Il Parlamento Ue approva la riforma del copyright

Risultati immagini per riforma del copyright
Di Chiara Sarra
Alla fine il Parlamento Ue ha approvato la contestatissima riforma del copyright che apre a nuove regole sul diritto d'autore.
La proposta sul Copyright è stata adottata con 438 voti a favore, 226 contrari e 39 astensioni. Gli eurodeputati hanno approvato alcune modifiche proposte dal relatore Axel Voss agli articoli 11 e 13 della proposta di direttiva sul copyright, che erano stati contestati in una campagna a favore della libertà di internet. Il via libera della plenaria apre ora la strada ai negoziati con il Consiglio.
Due le modifiche principali introdotte. Resta la cosiddetta "tassa sui link", un obolo che gli editori potranno richiedere a piattaforme online e aggregatori perché condividano un articolo. La differenza con la prima versione della direttiva sta nell'esenzione della tassa per "uso privato e non commerciale da parte di utenti individuali".
Resta anche la norma che rende responsabili le piattaforme digitali delle violazioni di copyright, obbligandole a concludere accordi con i detentori dei diritti specifici e introducendo una sorta di censura preventiva tramite filtri e altri sistemi automatici di controllo. In questo caso, però, la regola viene imposta solo ai "fornitori di servizi che condividono contenuto online" (cioè piattaforme come Google News, YouTube, ecc.), invece che a tutti gli operatori della "società dell'informazione".

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.