Breaking News

3/breakingnews/random
Visualizzazione post con etichetta riforma pensioni. Mostra tutti i post

Pensioni, Fornero attacca il governo: "Operazione vigliacca"

Di Franco Grilli
Elsa Fornero torna a tuonare contro il governo e soprattutto contro la riforma delle pensioni che potrebbe introdurre nel nostro sistema la quota 100.
Ai microfoni di InBlu Radio, l'ex ministro attacca, senza usare giri di parole, l'esecutivo gialloverde: "La scommessa di mandare in pensione i lavoratori più ’anzianì per far entrare i giovani non ha funzionato in passato, non funziona negli altri Paesi e non si capisce perchè oggi dovrebbe funzionare". Poi, dopo aver smontato la riforma voluta dal governo, arriva l'affondo: "La personalizzazione delle campagne elettorali contro la mia persona - ha risposto l’ex ministro - è un’operazione cinica e vigliacca della politica. Io non parlo mai delle mie personali sofferenze però questo metodo è da politica vigliacca pronta a tutto per occupare il potere. Il governo precedente aveva avviato l’Ape social e volontaria. Erano due innovazioni che cercavano di introdurre un pò di flessibilità nel pensionamento badando soprattutto a chi lavora in condizioni di maggior disagio mettendo i costi di questo anticipo a carico della collettività, come è giusto, e dicendo ad altre persone ’se proprio vuoi andare in pensione e non sei in condizione di necessità l’anticipo te lo paghì. Questa era un’innovazione intelligente. Questo governo invece non fa una riforma ma una controriforma. Si poteva continuare con la precedente riforma ma ci sarebbe voluta una cosa che manca alla politica: l’onestà dell’intelligenza".
Un attacco durissimo quello della Fornero che di fatto tenta di screditare il nuovo sistema previdenziale voluto dalla Lega esaltando addirittura quello introdotto da Renzi. "Mi sembra che il governo - ha aggiunto la Fornero - manchi il punto centrale. Le riforme si possono correggere. Se la politica avesse spiegato la riforma l’avrebbe potuto aggiustare con calma. Quando si parla in maniera pacata, chiara e non tecnica le persone capiscono. Magari non sono contente ma capiscono. Se invece si alimenta la loro rabbia è un grosso guaio".

Bankitalia blinda la legge Fornero: "Non va smontata". Salvini e Di Maio: "Non ci fermate"

Risultati immagini per wood
Di Andrea Indini
Prima l'altolà è arrivato dal Fondo monetario internazionale (Fmi), poi è stata la volta della Banca d'Italia che ha rincarato la dose.
Al centro del dibattito la riforma delle pensioni inserita nella manovra economica dal governo gialloverde. Il governo non vuole sentir ragioni e subito ha risposto che dal pacchetto di misure, mai e poi mai, verrà tolto il provvedimento che di fatto permette di mandare in pensione la legge fatta dall'ex ministro al Welfare Elsa Fornero"Nessuno ci potrà fermare - tuona il vice premier Matteo Salvini - l'economia crescerà anche grazie alla modifica della legge Fornero, un'opera di giustizia sociale che creerà tanti nuovi posti di lavoro".
Già nei giorni scorsi, a margine del quarto Forum internazionale di Conftrasporto-Confcommercio, a Cernobbio, l'economista Lucrezia Reichlin aveva levato il peana a difesa della riforma del governo Monti nel 2011. "Senza - aveva detto - probabilmente l'Italia sarebbe dovuta andare in un programma come ci sono andati la Grecia, il Portogallo e l'Irlanda. Questo sarebbe stato lo scenario alternativo". uno scenario drammatico che, però, trova conferme nella rivelazione fatta ieri sera da Mario Monti ai microfoni di In mezz'ora(guarda il video). In quei giorni, proprio mentre il governo obbligava il Paese a pesanti misure di austerity imposte da Bruxelles, il premier parlava al telefono con George Soros sull'eventualità di far intervenire la Troika in Italia. Da allora sono passati sette anni, ma il sistema economico e finanziario si ritrova in una situazione piuttosto simile. Lo spread in salita e piazza Affari in affanno. Ora, però, il governo si è riproposto di smontare, poco alla volta, quella riforma delle pensioni che è costata parecchie lacrime a parecchi lavoratori.
La riforma gialloverde del sistema previdenziale non piace, però, al Fondo monetario internazionale e alla Banca d'Italia. "In Italia - si legge nel report dell'istituto guidato da Christine Lagarde (leggi qui) - le passate riforme pensionistiche e del mercato del lavoro dovrebbero essere preservate e ulteriori misure andrebbero perseguite, come una decentralizzazione della contrattazione salariale per allineare i salari con la produttività del lavoro a livello aziendale". Anche per il vice direttore generale di via Nazionale, Luigi Federico Signorini, è "fondamentale non tornare indietro" sia sulla sostenibilità sia sull'equità intergenerazionale del sistema pensionistico italiano, "soprattutto quando i rischi per la sostenibilità dei conti pubblici aumentano anche a causa del peggioramento delle proiezioni demografiche".
Le critiche si infrangono contro un muro indistruttibile. Il governo, infatti, non vuole sentir ragioni di farsi dettar l'agenda. "Se Bankitalia vuole un governo che non tocca la Fornero, la prossima si volta si presenti alle elezioni con questo programma", sbotta Luigi Di Maioricordando che la Fornero non è mai stata votata dagli italiani e che la sua riforma "è stata un esproprio di diritti e democrazia" che ora l'esecutivo vuole "rimborsare". Anche Salvini, intervenendo al G6 (guarda il video), usa toni piuttosto duri: "Più mi dicono che non si può toccare la legge Fornero, più sono convinto sia un mio dovere". E stralcia i pronostici della Banca d'Italia. "Non cresceremo dello zero virgola: questa è una manovra che inietta energie, soldi e posti di lavoro nel Paese. Non ci sono piani B, C e D".

Vogliono ammazzarci tutti?

L'olocausto graduale progettato dal Fondo Monetario Internazionale
Di Rodolfo Ricci
L’11 Aprile ultimo scorso, un dispaccio dell’FMI ha chiarito, oltre alla certificazione della recessione e a vari ammonimenti sull’instabilità globale, che la vera spada di Damocle che pende sulla testa del mondo è costituita dall’eccessiva longevità degli anziani nell’Occidente sviluppato.
In pratica, l’età media della popolazione, europea in particolare, sta mettendo a serio rischio la sostenibilità del welfare (quindi dei conti pubblici, quindi della finanza mondiale) e dunque bisogna correre ai ripari: non, come il buon senso ci indurrebbe a pensare, reperendo nuove risorse per il rafforzamento dei modelli di welfare, ma, al contrario, legiferando misure che riducano le prestazioni sociali; in tal modo, l’allungamento della vita nell’occidente, sarebbe contrastato con l’allontanamento progressivo dell’età pensionabile, con la diminuzione degli importi pensionistici, insomma con tutta una serie di norme che, strada facendo, consentano di riportare la vita media sotto standard accettabili: assolutamente non oltre gli 80 anni, così pare di capire.

Ho ascoltato la notizia per radio, mentre tornavo dal lavoro, all’interno di una trasmissione radiofonica della sera, “Tornando a casa”, diretta da una cortese conduttrice, Enrica Bonaccorti, ben nota al pubblico italiano, la quale, complice il suo avvicinarsi alla terza età, non ha resistito e ha sbottato: “Ma che vogliono? ammazzarci tutti?

In effetti le argomentazioni fornite dall’ FMI, a prescindere dallo scontato suggerimento “tecnico” di demandare la protezione sociale sempre più ai “mercati” e sempre meno al pubblico (parte sostanziale del suo ricettario già fallito miseramente dall’Argentina agli USA e che ha lasciato sul lastrico decine di milioni di pensionati), stimola ben altre riflessioni: gli anziani, come i bambini, gli handycappati, i malati cronici, insomma tutti coloro che sono fuori o ai margini dell’attività lavorativa, costituiscono un vero e proprio peso, la cui sostenibilità, all’interno dei parametri del pensiero unico, è in contraddizione, anzi in opposizione, con gli elementi di competitività e profitto sistemico.

La popolazione non attiva, fatta eccezione per i bambini che costituiscono la futura forza produttiva e per quella che serve alla riproduzione della stessa forza lavorativa (massaie, madri, casalinghe, badanti varie) costituisce un oggettivo elemento di abbassamento dell’efficienza e della competitività. Quindi deve essere ridotta o, se ci fosse la possibilità, gradualmente abolita.

Una sorta di olocausto graduale e universale, insomma riformistico, che evitando possibilmente elementi di reazione popolare, sempre da scongiurare, consenta tuttavia di addivenire all’obiettivo nei tempi medi previsti dalla progettazione sistemica: diciamo entro i prossimi 20-30 anni. Infatti la situazione parossistica citata dall’autorevole organismo internazionale dovrebbe verificarsi intorno al 2050.

Di fronte a questo rischio immane, si può provvedere via legislativa, con una serie di provvedimenti approntati ad hoc dai parlamenti nazionali e di cui, la riforma pensionistica italiana recentemente varata, pare costituire per l’FMI un esempio da perseguire con convinzione, a livello mondiale.

In pratica il suggerimento (già operativo nel nostro paese) è il seguente: durante l’età lavorativa, la singola persona è invitata ad aderire il più possibile ad assicurazioni previdenziali private (la cui redditività si è dimostrata estremamente rischiosa) parallelamente ai versamenti verso il sistema pubblico (che stranamente, non possono e non debbono assolutamente essere eliminati). Ciò consentirà infatti che fiumi di denaro vadano a rimpolpare i deficit “derivati” di banche, assicurazioni, ecc, e così a rimettere in equilibrio la finanza privata, mentre, allo stesso tempo, per la parte di contribuzione pubblica versata, buona parte di quei soldi andranno a sanare, all’occorrenza, l’equilibrio di bilancio dei diversi paesi, garantendo il pagamento degli interessi. A chi? Sempre, rigorosamente, ai mercati, e alle stesse banche e assicurazioni presso cui, grazie ai trattati europei e alla natura dell’Euro (moneta non sovrana), siamo costretti a chiedere prestiti.

Per essere più sicuri che la ricetta funzioni, tuttavia, è opportuno che l’età media della popolazione decresca; ne saranno così alleviati sia i bilanci pubblici, sia quelli dei secondi pilastri contributivi, ovvero sempre e solo dei grandi rentiers della finanza.

Questa architettura degna di un nuovo Hitler più cauto e riformista, va di pari passo con il resto dell’armamentario fatto di pareggio di bilancio in Costituzione, di riforma del mercato del lavoro, ecc. che ingabbierà in una botte di ferro le elites post-capitaliste e neofeudali, mentre 500 milioni di europei di diverse generazioni e nazionalità, chi più chi meno, si troveranno sostanzialmente immersi in una nuova vita, di merda.

Ora, l’uscita dell’FMI, che avevamo già sentito un decennio fa dire le stesse cose in Argentina (fu varata una legge, secondo la quale lo Stato avrebbe pagato le pensioni solo nella misura in cui disponeva di sufficiente denaro, cioè di pesos dollarizzati, vale a dire di una moneta simile all’Euro), rende evidente che il quadretto che hanno in mente lor signori, è propriamente quello di una nuova dittatura tecnocratico-finanziaria continentale (supportata a mo’ di vassallaggio dall’impresa produttiva a cui in cambio si elargisce più precarietà e capacità di licenziare i lavoratori), in cui gli Stati non hanno più il compito di far cresce ed armonizzare il benessere collettivo, ma al contrario di rendere praticabili e sostenibili i loro programmi di lunga durata.

In questo senso, il re non è solo nudo, ma è ridotto all’osso. Come quando si alzano per legge i tassi percentuali di veleni nell’acqua per considerarla potabile anziché provvedere a purificare le fonti, così, si tenta di modificare la biologia e la vita quotidiana di miliardi di persone, pur di mantenere sostenibile e immodificabile il sistema di sfruttamento globale.

Tutto questo conferma anche che siamo ormai entrati in un mondo oggettivamente post democratico e forse, come io penso, anche post capitalistico.

Nel corso della storia tentativi di questa natura si sono ripetuti in forme diverse in diverse occasioni; ma forse è la prima volta che l’esperimento viene ora tentato su scala globale, dopo quello continentale, ancorché in una situazione di relativa arretratezza, attuato in America Latina tra gli anni ’70 e gli anni ‘90.

Il caso italiano, in questo senso, vale ben più della Grecia. L’Italia è un grande paese, la sua risorsa umana è tra le più pregiate, culturalmente e in termini di competenze, al mondo. Purtroppo lo è anche il saper vivere, magari arrangiandosi, magari con la dieta mediterranea, così che l’età media è sconvenientemente lunga.

Se dunque riescono a inglobare l’Italia nel reticolo del loro olocausto programmato, non vi è più alcun limite al loro dominio.

In Argentina, fatta per metà di popolazione di origine italiana, li mandarono via a calci nel sedere definitivamente. Il rigoroso presidente De La Rua, succeduto all’orgiastico e fraudolento Menem, lo andarono a prelevare in elicottero sul tetto de La Casa Rosada per salvarlo dall’insurrezione popolare.

In Italia vedremo se i recenti fasti possano essere replicati. Per il bene dell’umanità, non solo degli italiani.

Fonte:  Sinistrainrete

 Da  Campo Antimperialista

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *