Breaking News

6/breakingnews/random
Visualizzazione post con etichetta temperature. Mostra tutti i post

Previsioni Meteo Ferragosto: settimana all’insegna del caldo, ma senza eccessi

Risultati immagini per ferragosto


Di Ugo Notaro


Previsioni Meteo Ferragosto: bel tempo sull'Italia senza fenomeni e con caldo gradevole

Previsioni Meteo Ferragosto – Chi ha scelto le ferie a cavallo del Ferragosto, non  ha per niente sbagliato, anzi ha fatto decisamente bene.
Quella che ci attende infatti sarà una settimana all’insegna del caldo ma non vedrà in alcun modo le punte da 40° e più del mese di luglio passato e ciò permetterà di godere dei vantaggi della stagione estiva nel senso più gradevole del termine.
La settimana infatti inizierà con condizioni gradevolissime e massime ovunque introno ai 30° stante, ai 1500 metri, il dominio di isoterme da 15°. A seguire martedì 15, Ferragosto appunto, ancora bel tempo ma con un rialzo termico che però porterà le massime intorno ai 33°-35° un po’ ovunque, senza avere quindi i picchi roventi di recente conosciuti. Continuerà la settimana con giornate scandite dal caldo e dalle isoterme da +20° ai 1500 metri, in pressoché totale assenza di fenomeni fino a venerdì allorquando correnti atlantiche proveniente da Nord-Ovest potrebbero portare le prime piogge a partire dal Settentrione. Le stesse appaiono più probabili tra sabato 19 e domenica 20.


Fonte e articoo completo: http://www.meteoweb.eu/foto/previsioni-meteo-ferragosto-settimana-allinsegna-del-caldo-ma-senza-eccessi-mappe/id/949668/#cIsrZduqXGx07UzC.99

Previsioni Meteo, clamoroso dietrofront dei modelli per Luglio: “esplode” l’estate, super caldo sull’Italia

Di Peppe Caridi
Previsioni Meteo Luglio – Situazione capovolta. Rispetto alla tendenza delineata dai principali centri di calcolo meteo nei giorni scorsi, le previsioni di oggi fanno registrare un clamoroso dietrofront per l’inizio del mese di luglio: niente maltempo, niente fresco, niente perturbazioni sull’Italia ma soltanto un’escalation del caldo che farà “esplodere” l’estate, entrando nel vivo della stagione non solo sul calendario ma anche dal punto di vista delle condizioni atmosferiche. 

Già oggi, 1° luglio, le temperature sono in aumento in gran parte del Paese: la città più calda al momento è Cosenza con +35°C, seguita da Jesi a +34°C, Roma, Lecce e Chieti a +32°C, Firenze e Mantova a +31°C. Nel pomeriggio farà ancora più caldo, ma soprattutto nel weekend avremo temperature in forte aumento, in tutto il Paese da Nord a Sud.

Previsioni Meteo sabato 2 e domenica 3 luglio: qualche temporale sulle Alpi, caldo in tutt’Italia

caldo temperature massime sabato 2 luglioSarà un fine settimana molto caldo in tutt’Italia: le temperature arriveranno a sfiorare i +40°C al Sud, soprattutto nelle zone interne della Sicilia, ma più in generale avremo picchi superiori ai +35°C in molte Regioni, dalla pianura Padana al meridione. Al Nord, invece, non mancheranno nuovi episodi di instabilità con forti temporali pomeridiani sull’arco Alpino, da dove i fenomeni sconfineranno nei settori settentrionali della pianura Padana. La Regione più fresca d’Italia rimarrà la Liguria, dove i venti soffieranno dal mare e manterranno l’aria più fresca e umida, con temperature fino a 10°C più basse rispetto alle altre Regioni.

FONTE E ARTICOLO COMPLETO:http://www.meteoweb.eu/2016/07/previsioni-meteo-luglio-2016-2/710574/

Previsioni Meteo, al via una settimana instabile: sole, nuvole e temporali


Di Filomena Fotia
Si apre oggi una settimana particolarmente dinamica dal punto di vista meteorologico a causa dell’assenza di un’area di alta pressione che ha un’azione stabilizzante.

Sull’Italia – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo – insisterà ancora per alcuni giorni una massa d’aria con caratteristiche favorevoli al persistere dell’instabilità. Molte zone del Paese a fasi alterne vivranno dunque un elevato rischio di rovesci e temporali, con una temporanea tregua al Centronord tra venerdì e sabato“.
tramonto sole nuvoleOggi al Centrosud tempo prevalentemente soleggiato con cielo sereno o poco nuvoloso; nel pomeriggio accentuazione dell’instabilità con rischio di rovesci e temporali lungo la dorsale appenninica, nelle zone interne del Centro con locali sconfinamenti verso il Golfo di Taranto. Su coste tirreniche e Isole tempo soleggiato. Al Nord condizioni di instabilità, con nuvolosità variabile alternata a schiarite e probabilità di rovesci o temporali più elevata su zone alpine e prealpine con sconfinamenti verso la pianura lombarda, l’ Emilia, la pianura veneta e quella friulana. In serata possibile coinvolgimento della pianura piemontese, con il rischio di rovesci e temporali. Temperature in lieve aumento nelle Isole con valori in generale nella norma. Venti deboli salvo rinforzi nelle aree temporalesche. Martedì inizio di giornata discreto: in mattinata prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso, salvo una maggiore nuvolosità presente nelle zone alpine e prealpine, lungo l’Appennino settentrionale e all’estremo Nordovest. Da metà giornata accentuazione dell’instabilità con elevato rischio di rovesci o temporali su zone alpine e prealpine, lungo tutta la dorsale appenninica, nelle zone interne del Centro e della Sardegna con possibili sconfinamenti verso le pianure del Nordovest, verso le coste della Liguria e occasionalmente anche verso le coste del medio e basso versante tirrenico. Tempo più soleggiato sulla Val Padana centro-orientale e sulla costa adriatica. 

Previsioni Meteo: fino a giovedì alternanza tra sole, nuvole e improvvisi rovesci

Di Filomena Fotia
Fino a giovedì la situazione sarà ancora caratterizzata da instabilità, con alternanza tra schiarite, nubi e improvvisi rovesci o temporali. 

Sull’Italia, infatti, insiste un campo di pressione livellato dove la circolazione dei venti è molto debole: lo affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo spiegando che su molte regioni nei prossimi giorni ristagnerà quindi una massa d’aria abbastanza umida e moderatamente calda, entro cui potranno formarsi con una certa frequenza nubi temporalesche, accompagnate da rovesci. Tra venerdì e sabato, invece, è previsto un temporaneo rinforzo dell’alta pressione, mentre in seguito sarà possibile una nuova fase di tempo variabile, specie al Centronord.
ombrelloLunedì al mattino tempo prevalentemente soleggiato al Sud e sulle isole; cielo irregolarmente nuvoloso al Nord e sulla Toscana settentrionale. In giornata nubi in aumento anche sulle regioni peninsulari, a partire dai rilievi. Probabili rovesci e temporali sparsi, specie dal pomeriggio, al Nord e sulle zone interne del Centrosud. Temperature in aumento. Venti deboli. La nostra previsione per lunedì ha un Indice di Affidabilità medio-basso a causa delle condizioni di instabilità associate a rovesci e temporali. Martedì tempo nel complesso soleggiato, specie al mattino, sulle isole e lungo le fasce costiere. Nel pomeriggio aumenta la probabilità di rovesci e temporali lungo tutto l’Appennino, nelle zone interne del versante tirrenico, sulle Alpi e sul settore di Nordovest. Temperature ancora in leggero rialzo al Centronord, ovunque nella norma. Venti deboli. Martedì avremo ancora una giornata tra sole e nuvole, con possibilità di rovesci o temporali, specialmente nel pomeriggio, più probabili su aree alpine, prealpine, Nordovest, zone interne e montuose del Centrosud. Temperature stazionarie o in leggero aumento, venti deboli. Tra mercoledì e giovedì l’Italia potrebbe essere attraversata nuovamente da un veloce nucleo di aria instabile, che porterà ancora qualche rovescio mercoledì al Nord, giovedì anche sul resto del Paese. Venerdì residua instabilità al Sud: vi sarà invece una temporanea rimonta dell’anticiclone al Centronord. In seguito, dall’Atlantico, potrebbero giungere nuove perturbazioni, attive soprattutto nelle regioni del Centronord.

FONTE:http://www.meteoweb.eu/2016/06/previsioni-meteo-giovedi-alternanza-sole-nuvole-improvvisi-rovesci/698653/

Pioggia record a Parigi, non succedeva dal 1873

Di Filomena Fotia
I media locali non fanno che parlare di “pioggia storica“: a Parigi un mese di maggio così piovoso non veniva registrato dal 1873, da quando hanno avuto inizio le rilevazioni. 

Le precipitazioni si susseguono ininterrottamente da 48 ore, giorno e notte, anche se la situazione sembra migliorare lentamente. AFontainebleau, a sud di Parigi, in 48 ore è caduto l’equivalente di 46 giorni di pioggia. I dipartimenti in “allerta meteo arancione” per “forti piogge” e “inondazioni” sono passati da 26 a 19, principalmente nel centro del Paese (Ile-de-France, Haute-Normandie, Yonne, Nièvre).
Nella notte i tremila vigili del fuoco mobilitati sul territorio nazionale hanno risposto a ben 4.500 richieste di soccorso: segnalate strade allagate e disagi al traffico dei treni nel Nord; linea 1 della metro interrotta a Lille; 195 gli interventi nel dipartimento del Pas-de-Calais; 50 evacuazioni a Meurthe-et-Moselle.

Inizia l’eccezionale ondata di caldo: primi +38°C in Sardegna, nel Maghreb si vola a +42°C [LIVE]


Di Peppe Caridi

Inizia l'ondata di super caldo sull'Italia: punte di +38°C in Sardegna, tra venerdì e sabato attesi i primi +40°C della stagione sulle isole maggiori

E’ iniziata oggi l’eccezionale ondata di caldo che sta determinando la prima vampata estiva sull’Italia: nelMaghreb fa caldissimo con temperature che hanno già raggiunto i +42°C in molte località di Algeria eTunisia, i Paesi già invasi dalle masse d’aria calda provenienti dal cuore del deserto del Sahara.




Ma anche in Italia inizia a fare molto caldo, soprattutto in Sardegna dove si registrano le temperature più elevate. Proprio la Sardegna è la Regione più direttamente esposta a questa prima fase dell’ondata di caldo, tra oggi e domani quando verranno toccati i primi +40°C della stagione nelle zone interne dell’isola. Intanto in questo momento abbiamo +38°C a Carbonia, +36°C a Fenosu, +34°C a Oristano, Arborea e Ossi, +33°C a Barrali, +32°C a Sinnai, Asuni, Arbus e Bonorva, +31°C a Sassari e Guspini, +30°C a Alghero, Iglesias, Ozieri, Gavoi e Ovodda.
In quota sull’Italia l’atmosfera è zeppa di umidità, tanto che dalle immagini satellitari sono visibili le scie di condensazione con molti cirri, nubi alte e stratificate che rendono coreografici i cieli, senza provocare precipitazioni e neanche senza oscurare il sole. Le temperature sono in netto aumento anche nel resto del Paese, con picchi di oltre +30°C in Sicilia, Calabria e Trentino Alto Adige. Queste le massime (ancora parziali) di oggi: +33°C a Caltagirone, +32°C a Rende e Caltanissetta, +31°C a Comiso e Paternò, +30°C a Merano, Trapani, Gela, Agrigento, Sciacca e Mazara del Vallo, +29°C a Taranto, Foggia, Siracusa, Mantova, Benevento, Marsala e Sulmona, +28°C a Bolzano, Trento, Frosinone, Pordenone, Novara, Modica e Avellino, +27°C a Roma, Milano, Catania, Vicenza, Guidonia, Forlì, Rovereto, Ferrara, Piacenza e L’Aquila,+26°C a Torino, Bologna, Verona, Firenze, Brescia, Bari, Parma, Padova, Sondrio e Lecce. Tutte temperature che nei prossimi giorni aumenteranno ulteriormente da Nord a Sud: molte località vedranno stravolti i loro precedenti record storici di caldo mensile, e sarà il terzo mese consecutivo dopo che è già accaduto sia a marzo che ad aprile.


FOTO:http://www.correttainformazione.it

Previsioni Meteo: lungo periodo fresco e instabile nel cuore di maggio, torna la neve

meteo cambia tutto da martedi in arrivo freddo e neve
Di Peppe Caridi
Situazione Meteo particolarmente movimentata in questi giorni sull’Italia: dopo la grande ondata di caldo di ieri e i forti temporali delle prossime ore, adesso inizia una lunga fase fresca e instabile che durerà una decina di giorni, almeno fino al 20-21 maggio ma probabilmente anche oltre.

 Le temperature diminuiranno ulteriormente nei prossimi giorni rispetto a quanto non siano già calate in queste ore, con nevicate sulle Alpi e temperature ben inferiori rispetto alle medie del periodo. Soprattutto la prossima settimana farà molto freddo, in modo particolare tra lunedì 16 e giovedì 19 maggio, con temperature fino a 8-10°C inferiori rispetto alla norma. Ma già dal weekend avremo piogge, temporali e freddo: le condizioni meteo avverse condizioneranno in modo particolarmente pesante anche il regolare svolgimento del Giro d’Italia.
Intanto nelle prossime ore continuerà il maltempo, soprattutto al Nord, in Sardegna e nelle Regioni centrali tirreniche. Proprio le Regioni tirreniche saranno le più colpite dalle piogge tra stasera, domani e sabato con autentici nubifragi soprattutto tra Toscana, Umbria e Lazio.
Questa situazione sarà determinata dalla persistenza di forti venti di libeccio che soffieranno a partire da stasera su tutto il territorio italiano per diversi giorni, toccando picchi particolarmente forti lungo la dorsale Appenninica.
Queste correnti occidentali determineranno ampie schiarite al Sud e nelle Regioni Adriatiche dove il “garbino”, il vento di caduta appenninico, farà aumentare le temperature su valori miti, nonostante il contesto di fresco generalizzato non solo all’Italia, ma anche a gran parte del territorio europeo.
A prescindere dalle correnti, la situazione meteo-climatica rimarrà fresca e instabile a lungo, con forti piogge, temporali e persino il ritorno della neve sui rilievi tra Alpi e Appennini centro/settentrionali, localmente fino a quote molto basse per il periodo, a tratti addirittura sotto i mille metri di altitudine sulle Alpi.

Previsioni Meteo: vampata di super-caldo nelle prossime ore ma dal 12 al 20 maggio tornano freddo e maltempo

Di Peppe Caridi
L’Italia sta vivendo un momento nevralgico della stagione primaverile, e nei prossimi giorni vivremo ancora condizioni meteorologiche di spiccata variabilità con grandi sbalzi termici e una continua alternanza tra situazioni climatiche che a tratti sembreranno essere un antipasto d’estate, e poi dopo poche ore un prolungamento dell’inverno. 

Anche oggi ci sono grandi contrasti nel Paese: alcune località stanno vivendo una mite giornata di sole e caldo con +27°C a Empoli, Benevento e Alghero, +26°C a Cosenza e Caserta,+25°C a Firenze, Sassari e Trapani, +24°C a Roma, Lecce, Latina, Frosinone, Avellino, Guidonia, Oristano e Lamezia Terme, ma anche fresco e maltempo al Nord/Ovest con +11°C a Biella, +13°C a Varese, Aosta, Como e Domodossola, +14°C a Torino, Cuneo e Verbania, +15°C ad Alessandria, +16°C a Novara. Nella zona piove con picchi di 20mm sulle prealpi piemontesi e lombarde.
In questo contesto, si inizia a rinforzare il vento di scirocco soprattutto intorno alla Sardegna, dove stasera diventerà impetuoso soprattutto nei settori occidentali dell’isola, dove sarà possibile registrare raffiche vicine ai 100km/h. Proprio lo scirocco diventerà sempre più forte in concomitanza con l’aumento delle temperature che sarà sempre più sensibile, a partire da stasera, in tutto il Paese e in modo particolare al Centro/Sud. Farà caldo dapprima in Sardegna, poi in tutte le Regioni centro/meridionali e soprattutto in Sicilia. Il picco del caldo sarà mercoledì 11 maggio, ma già domani,martedì 10, il clima diventerà rovente.

L’intensa vampata di calore in arrivo: temperature roventi da domani per 48 ore

La temperatura aumenterà in modo sensibile in tutto il Paese già da domani, con picchi di oltre +27/+28°Cin gran parte del territorio nazionale, dalle isole maggiori (settori settentrionali e occidentali della Sardegna, settori meridionali e occidentali della Sicilia) alle Regioni centro/meridionali e alla pianura Padana, eccezion fatta per il nord/ovest dove persisteranno fresco e maltempo (vedi mappa accanto, con la previsione delle temperature per le ore centrali ella giornata di domani). E sarà soltanto l’inizio dell’intensa vampata di super-caldo in arrivo nelle prossime ore, che sarà accompagnata da forti venti di scirocco.
Infatti da martedì sera inizierà una vera e propria tempesta di vento da sud/est che investirà la Sicilia, specie tirrenica, facendo impennare le temperature su valori roventi, tipicamente estivi, già negli orari notturni. Tra Palermo e Lamezia Terme, nella fascia tirrenica di Calabria centro/meridionale e Sicilia, sarà una notte di grande caldo a causa del forte vento di scirocco che innescherà l’effetto favonio, con venti di caduta dai rilievi appenninici verso le coste dove l’aria diventerà molto secca e al tempo stesso decisamente calda, con temperature superiori ai+20°C anche nelle ore notturne.
Così la giornata di mercoledì 11 maggio inizierà con una notte di fuoco: le temperature minime di varie località siciliane e calabresi rimarranno al di sopra dei +20°C soprattutto nei versanti tirrenici, ma farà molto caldo con temperature minime superiori ai+16/+17°C anche in molte altre località soprattutto in Campania, nel Lazio, in Toscana, persino nell’alto Adriatico sulle coste di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Romagna e Marche, e anche sul Molise, nelle zone centro/settentrionali della Puglia, nel nord della Basilicata e nei settori più occidentali della Sardegna.
Nel corso della giornata, le temperature aumenteranno fino a +35°C in Sicilia e fino a oltre+30°C in molte località del Centro/Sud tra Lazio, Puglia, Molise, Campania, Basilicata e Calabria. Sarà una giornata dal clima tipicamente estivo e con forti venti di scirocco, ma anche con un’atmosfera resa surreale dalla presenza di grandi quantità di sabbia del Sahara in gran parte del territorio italiano.

Da giovedì 12 cambia tutto: torna il freddo con forte maltempo

Sarà un’ondata di caldo molto intensa, ma anche breve: da giovedì 12 maggio, infatti, cambierà tutto. Le temperature crolleranno così rapidamente come erano aumentate nelle 48 ore precedenti. I forti venti di scirocco verranno sostituiti da tese e fresche correnti occidentali e nord/occidentali. E il maltempo avanzerà da ovest su tutto il Paese, anche con fenomeni estremi nelle Regioni del Centro/Nord. Al Sud, invece, piogge sparse e localmente intense, distribuite a macchia di leopardo.
Le temperature si manterranno a lungo inferiori rispetto alle medie del periodo, tra la seconda parte di questa settimana e tutta la prossima. Il maltempo sarà moderato ma prolungato ed esteso a tutto il territorio nazionale. Registreremo così un’altra anomalia termica negativa abbastanza duratura, dopo quella che abbiamo già avuto tra fine aprile e inizio maggio. Sembra interrompersi, quindi, il trend climatico del caldo no stop che ha caratterizzato senza sosta gli ultimi mesi e le ultime stagioni. Che sia preludio di un’estate birichina?

Previsioni Meteo, super caldo in arrivo al Sud: mercoledì 11 maggio picchi di +35°C in Sicilia!



Di Peppe Caridi
Torna il super caldo nei prossimi giorni al Sud Italia: la prossima settimana, infatti, le temperature aumenteranno sensibilmente a causa dell’ennesima vampata calda proveniente dal deserto del Sahara.

 Le temperature inizieranno ad aumentare a partire da domenica 8 maggio e, in modo più netto, da lunedì 9, ma i giorni più caldi saranno mercoledì 11 e giovedì 12 (in mattinata), quando la colonnina di mercurio raggiungerà temperature tipicamente estive soprattutto in Sicilia dove varie località raggiungeranno addirittura i +35°C.
Ma farà caldo in tutto il Centro/Sud Italia, con temperature di oltre +30°C anche in Calabria, Puglia e probabilmente Campania e Basilicata. Clima molto mite anche al Centro, con condizioni atmosferiche estive: non solo caldo esagerato per il periodo, ma anche bel tempo e tanta sabbia del Sahara a rendere desertico lo scenario ambientale. Al Nord il clima sarà più umido, a tratti piovoso, ma comunque mite con temperature superiori rispetto alle medie del periodo.
La situazione cambierà drasticamente tra giovedì 12venerdì 13 maggio, a causa del transito di una profonda perturbazione proveniente da nord/ovest che riporterà il maltempo in gran parte del Paese con temperature in netto calo ovunque, soprattutto al Centro/Sud. Stavolta niente freddo intenso, ma un rapido ritorno alla normalità che con ogni probabilità sarà accompagnato da fenomeni intensi a causa dei contrasti termici. Ma sui dettagli di questo peggioramento è bene rimandarci ai prossimi aggiornamenti, quando l’evoluzione potrà essere di più facile lettura.

Caldo record in Russia: il 9 maggio a Mosca previsti 24-25°C



Di Filomena Fotia
http://www.meteoweb.eu/

Mosca ha registrato ieri la giornata più calda dell’anno e il 9 maggio, Giorno della Vittoria, si potrebbero toccare anche i 24-25°C nella capitale russa. Il Gidrometeobyuro di Mosca segnala infatti un’ondata dicaldo anomalo in tutta la regione: “Nel cuore della capitale ieri la temperatura era di 22,3°C,” specificano, chiarendo che in questo inizio maggio a Mosca vengono rilevate temperature di 4°C superiori alla norma.


Secondo gli esperti locali non è alto che un’ulteriore conferma del riscaldamento progressivo della Russia che aumenta con valori superiori alla media mondiale. Il ministero dell’Ambiente russo ha affermato che il surriscaldamento nel Paese cresce ad una velocità più che doppia rispetto al resto del mondo: la temperatura media nel Paese dal 1976 a oggi è aumentata di 0,42°C, oltre due volte e mezzo rispetto alla tendenza globale di 0,17°C.

FONTE:http://www.meteoweb.eu/2016/05/caldo-record-in-russia-il-9-maggio-a-mosca-previsti-24-25c/681238/

FOTO:http://www.meteoweb.eu

Sardegna,calo di temperature: torna la neve sui monti del nuorese

Di Filomena Fotia
Il brusco crollo delle temperature ha riportato la neve sulle cime della Sardegna: la coltre bianca è stata segnalata sul Bruncuspina, a Fonni (Nuoro), dove si registravano stamattina 0°C, ed a Cagliari solo 8°C. 


Sui monti più alti del Gennergentu, al di sopra dei 1500 metri, è possibile vedere il manto bianco. Le temperature inferiori alla media avranno beve durata, il rialzo termico inizierà già da domani.

Previsioni Meteo 1° maggio, il bollettino dell’aeronautica militare: freddo e pioggia da Nord a Sud



Di Filomena Fotia
Le previsioni meteo in Italia fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare. Situazione: le condizioni meteorologiche sull’Italia tendono a peggiorare per l’arrivo di una perturbazione dall’Europa occidentale che gia’ interessa la Sardegna e le regioni nord-occidentali.

 Tempo previsto fino alle 7 di domaniNord: parzialmente nuvoloso su Friuli-Venezia Giulia, Veneto e settore est dell’Emilia-Romagna, con nubi in ulteriore aumento e precipitazioni sparse associate dalla sera ad iniziare dall’Emilia-Romagna orientale dove i fenomeni saranno piu’ frequenti e diffusi; molte nubi con precipitazioni sparse, anche temporalesche, sul resto del nord, con fenomeni sempre piu’ estesi e diffusi, ed anche intensi, su Valle d’Aosta e settori centro-settentrionali di Piemonte e Lombardia. Quota neve inizialmente oltre 1.500 metri ma in calo fino intorno 1.000-1.200 metri sul settore alpino centro-occidentale. Centro e Sardegna: molto nuvoloso con piogge sparse ed isolati temporali sulla Sardegna, in miglioramento tra la notte ed il primo mattino con schiarite anche ampie seppur temporanee; poco o parzialmente nuvoloso sul centro peninsulare, ma con nubi in rapido aumento da ovest e qualche locale e breve piovasco pomeridiano sui rilievi appenninici: dalla sera e nella notte generale peggioramento con precipitazioni sparse o diffuse, anche temporalesche, che risulteranno piu’ frequenti su Toscana, Umbria, Lazio e Marche. Sud e Sicilia: nuvolosita’ irregolare sulla Sicilia con sporadiche precipitazioni pomeridiane, in peggioramento durante la notte con precipitazioni sparse ad iniziare da ovest; poco o parzialmente nuvoloso sulle regioni peninsulari con nubi in generale aumento da ovest: ulteriore peggioramento in serata e nella notte con precipitazioni sparse su Calabria, Basilicata e Campania ed inizialmente solo isolate su Molise e Puglia. Temperature: massime in lieve calo su Sardegna e Sicilia, stazionarie o in lieve aumento sul resto d’Italia; minime in lieve aumento su tutti i versanti orientali peninsulari, in generale calo sul resto del Paese. Venti: deboli occidentali sulla Sardegna, in rotazione da nord-ovest ed in intensificazione; deboli meridionali al nord e sul centro peninsulare, in graduale rotazione ed intensificazione dai quadranti orientali sul nord-est e da quelli occidentali al centro; deboli variabili al sud con residui rinforzi settentrionali su Molise e Puglia nel pomeriggio: durante la notte rotazione dai quadranti settentrionali sulla Sicilia e da quelli meridionali sul resto del sud, con locali rinforzi. Marimossi il basso Adriatico, lo Jonio, lo Stretto di Sicilia, il Mare ed il Canale di Sardegna, con moto ondoso in aumento su Stretto di Sicilia, Mare e Canale di Sardegna ed in attenuazione su basso Adriatico e Jonio settentrionale; poco mossi i restanti mari, con moto ondoso in aumento sul tirreno ad iniziare da ovest e su Mar Ligure e medio-alto Adriatico.
aeronautica militare01Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domaniNord: nuvolosita’ compatta sul settore centro occidentale con precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, in rapida estensione dal primo mattino alle restanti regioni; nevicate sui rilievi di confine, anche abbondanti su quelli occidentali, con quota neve intorno ai 1.000-1.200 metri, in rialzo pomeridiano oltre i 1.700-1.900 metri; dal tardo pomeriggio parziale attenuazione dei fenomeni su quasi tutte le zone ad eccezione dell’Emilia-Romagna.Centro e Sardegna: sull’isola e sulla Toscana nuvolosita’ irregolare a tratti intensa con locali rovesci e qualche temporale dalla tarda mattinata soprattutto sul versante occidentale; sul restante territorio molte nubi e piogge diffuse, che dal pomeriggio diverranno in prevalenza rovesci e temporali sul settore Adriatico, mentre si attenueranno su Toscana, Lazio e poi sull’Abruzzo. Sud e Sicilia: cielo molto nuvoloso o coperto ovunque con precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, piu’ intense al mattino sulle regioni tirreniche; in serata temporanea riduzione dei fenomeni su Molise, alta Campania e Sicilia occidentale. Temperature: minime in diminuzione su Piemonte, Liguria di ponente e Sardegna, stazionarie sulla Sicilia, in generale aumento altrove; massime in lieve rialzo sulla Valle d’Aosta, in decisa flessione su tutte le altre regioni. Venti: da moderati a forti occidentali sulla Sardegna, nord occidentali sulla Sicilia dal pomeriggio; deboli dai quadranti settentrionali al nord, con locali rinforzi sulla Liguria; deboli di direzione variabile sulla Toscana, dai quadranti occidentali sul restante centro-sud tirrenico con locali rinforzi sul Lazio; deboli nord orientali sulle regioni del medio ed alto Adriatico con locali rinforzi su Emilia-Romagna e Veneto; da deboli a moderati meridionali sulle restanti zone. Mariagitati il Mar ed il Canale di Sardegna con moto ondoso fino a grosso dal pomeriggio; molto mossi il Mar Ligure, il Tirreno settentrionale e sud occidentale, lo Stretto di Sicilia; da mossi a molto mossi l’Adriatico centro settentrionale, il Tirreno centrale e lo Jonio meridionale; poco mossi i restanti bacini ma con moto ondoso in aumento.
aeronautica militare01Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorniLUNEDI’ 2 MAGGIO Nord: cielo molto nuvoloso o coperto sull’Emilia-Romagna con precipitazioni diffuse a prevalente carattere di rovescio o temporale, intense al mattino sui rilievi appenninici; ampia nuvolosita’ medio-alta sulle restanti zone con deboli piogge al primo mattino su triveneto e Liguria; dal pomeriggio deciso miglioramento su Piemonte e Liguria in successiva estensione a Lombardia, Emilia e Trentino-Alto Adige.Centro e Sardegna: condizioni di spiccato maltempo sulle regioni adriatiche, su Toscana, Umbria e Sardegna con fenomeni diffusi, anche a carattere temporalesco o di rovescio, piu’ intensi su Marche ed Umbria, con interessamento pomeridiano del Lazio; dalla serata miglioramento su Sardegna e Toscana.Sud e Sicilia: nuvolosita’ variabile a tratti intensa con piogge sparse, piu’ consistenti ed a prevalente carattere di rovescio o temporale sulla Puglia centromeridionale, sulla Calabria e sulla Sicilia settentrionale, in parziale attenuazione sul settore jonico durante il pomeriggio. Temperature: minime in aumento sul triveneto e sul restante arco alpino e prealpino, In flessione al centro-sud, generalmente stazionarie sul restante nord, su Toscana e Marche; massime in deciso rialzo al nord e sulla Sardegna, in diminuzione su tutte le altre regioni. Venti: da moderati a forti dai quadranti occidentali sulle due isole maggiori, nord orientali su Emilia-Romagna, Marche e coste dell’alto Adriatico; da deboli a moderati occidentali sulla Calabria; deboli dai quadranti settentrionali sul restante nord e sulle regioni tirreniche, con locali rinforzi su Toscana ed alto Lazio; deboli sud orientali sulle rimanenti regioni, con rinforzi sulla puglia. Marida molto agitati a grossi al largo il Mar ed il Canale di Sardegna; da agitato a molto agitato lo Stretto di Sicilia; agitato lo Jonio occidentale; da molto mossi ad agitati il Tirreno settentrionale e meridionale e l’alto Adriatico; molto mosso lo Jonio orientale; mossi i restanti Tirreno ed Adriatico; da poco mosso a mosso il Mar Ligure. MARTEDI’ 3: maltempo al sud e sulle regioni centrali adriatiche con piogge sparse in graduale miglioramento durante il pomeriggio; cielo sereno o poco nuvoloso altrove in attesa di un nuovo peggioramento notturno su triveneto e sull’Emilia-Romagna. MERCOLEDI’ 4: molte nubi al sud e sulle aree centrali adriatiche con piogge sparse, locali rovesci e qualche temporale specialmente tra Campania e Calabria tirreniche, in miglioramento tardo pomeridiano; bel tempo sulle restanti zone. GIOVEDI’ 5 e VENERDI’ 6: cielo sereno o poco nuvoloso un po’ ovunque, a parte addensamenti piu’ consistenti durante le ore centrali sulle regioni centro meridionali. Nuvolosita’ in aumento al centro-sud nel pomeriggio di venerdi’ con precipitazioni associate, bel tempo al nord.

Allerta Meteo Sardegna, 1° maggio all’insegna di freddo, maltempo e impetuosi venti di maestrale


Fine settimana con vento, pioggia e temperature piu’ basse. Sulla Sardegna nelle prossime ore arrivera’ una perturbazione proveniente dal Nord Europa, che modifichera’ e non di poco il clima quasi estivo percepito negli ultimi giorni. 

Oggi in tutta l’isola, secondo le previsioni fornite dall’ufficio meteo dell’Aeronautica militare di Decimomannu, il cielo sara’ nuvoloso e le piogge saranno sempre piu’ diffuse, inizialmente nella zona meridionale della Sardegna per poi spostarsi al nord. Dato confermato anche dall’Arpas. “Sabato cielo nuvoloso con precipitazioni diffuse anche a carattere di rovescio o temporale, che localmente potranno essere anche di moderata intensita‘”, recitano le previsioni. I picchi massimi di pioggia raggiungeranno i 15/20 millimetri nelle zone piu’ colpite. I venti saranno deboli e le temperature in lieve diminuzione. Le massime andranno dai 21 gradi di Cagliari, Nuoro e Oristano a i 15 di Iglesias. Domani la situazione rimarra’ pressoche’ invariata. A Cagliari la festa di Sant’Efisio non dovrebbe essere rovinata dalla pioggia, che invece colpira’ ancora in particolare nell’Iglesiente, con picchi di 10/20 millimetri. La giornata sara’ comunque interessata dal forte maestrale, che soffiera’ sino ai 40 chilometri orari. Le temperature subiranno ancora un lieve calo di 2/3 gradi. Lunedi’ tornera’ la pioggia a macchia di leopardo in diverse aree della Sardegna, ma con l’entrata del maestrale le piogge andranno ad attenuarsi gia’ dalla giornata di martedi’.

Previsioni Meteo: fine Aprile e inizio Maggio con fresco e instabilità tipicamente primaverili


Di Peppe Caridi
La primavera è la stagione del risveglio della natura dopo i rigori dell’inverno, un periodo transitorio in cui – dal punto di vista climatico – nell’emisfero settentrionale del Pianeta le temperature ricominciano ad aumentare in vista dell’estate. 

Nell’immaginario popolare Mediterraneo, troppo spesso però si commette l’errore di confondere la primavera con l’estate: così diventano scontate le belle giornate miti con clima gradevole e sole pieno, mentre ci si sorprende eccessivamente di fronte a periodi di fresco e maltempo che in realtà sono assolutamente normali non solo per aprile, ma anche per maggio e persino per la prima metà del mese di giugno.
analyza (1)La primavera, infatti, non è l’estate: è una stagione intermedia che si pone proprio a metà strada tra l’inverno e l’estate e che viene caratterizzata da continui sbalzi termici in cui si alternano le ultime sfuriate fredde invernali e le prime vampate calde estive. Nel corso di questo mese di aprile abbiamo avuto in Italia un lunghissimo periodo di caldo eccezionale, durato settimane, in cui sono stati stravolti record storici secolari e si sono verificate numerose giornate assolutamente anomale, come se fossimo già in piena estate. Poi, nei giorni scorsi e soprattutto ieri, il 25 Aprile, una veloce ma intensa irruzione fredda ha riportato l’inverno con temperature molto basse e nevicate fino a quote collinari sugli Appennini, come se fossimo in piena estate.
EUMETSAT_MSG_RGB-naturalcolor-westernEuropeIn realtà l’anomalia più clamorosa è stata senza ombra di dubbio quella calda precedente, perchè seppur fuori stagione e decisamente tardivo, il freddo delle scorse ore è durato pochissimo, una breve parentesi in un contesto eccessivamente mite che si trascina ininterrottamente da molti mesi. Per la “primavera”, poi, una parentesi fredda e veloce come quella di ieri rientra molto più nella normalità delle cose, rispetto a quanto non lo sia stato il precedente anticiclone SubTropicale che per settimane ha provocato bel tempo e caldo estivo. Ecco perchè non bisogna sorprendersi più di tanto rispetto alle basse temperature delle scorse ore o ai fenomeni di maltempo che hanno accompagnato il Ponte del 25 Aprile in Italia. Seppur con temperature più normali e meno rigide, sono episodi che si ripeteranno anche nei prossimi giorni in un contesto tipicamente primaverile.
POPLEX.2016117.terra.1kmOggi, intanto, le temperature stanno sensibilmente aumentando in tutto il Paese, soprattutto in Sardegna ma anche varie località di Liguria, Sicilia, Puglia e Abruzzo la colonnina di mercurio ha superato il muro dei venti gradi centigradi. Ecco, infatti, le temperature massime di oggi:+23°C a Sestu, +22°C a Vallermosa, +21°C a Ventimiglia, Guspini, Sinnai, Villasor, Barrali, Quartucciu, Decimoputzu, Macchiareddu e Pula, +20°C a Pescara, Taranto, Siracusa, Cinisi, Iglesias, Carbonia, Capoterra, Domusnovas, Ussana, Quartu Sant’Elena e Palau, +19°C a Palermo, Catania, Cagliari, Cosenza, Porto Torres, Barumini, Termoli, Linosa e Oristano, +18°C a Messina, Lecce, Foggia, Orvieto, Mantova, Castellammare di Stabia, Savona, Marsala, Mazara del Vallo e Caltanissetta, +17°C a Milano, Torino, Genova, Bologna, Bari, Modena, La Spezia, Foligno, Sulmona, Arezzo e Ferrara, +16°C a Roma, Napoli, Verona, Pisa, Caserta, Brindisi, Ancona e Reggio Emilia, +15°C a Firenze, Trieste, Salerno, Benevento e Vicenza, +14°C a Venezia, Padova e Avellino, +13°C a Trento e Campobasso, +12°C a L’Aquila
prog_sat_vis_msgNell’area Euro-Mediterranea, il contesto climatico è molto vivace con grandi sbalzi termici anche a pochi chilometri di distanza. Infatti abbiamo un clima decisamente mite nelle zone Mediterranee o comunque tra Europa meridionale e nord Africa, con gli attuali +22°C di Madrid, Tunisi, Algeri, Casablanca e Valencia, +21°C di Valencia e Atene,+19°C di Lisbona, mentre fa molto freddo nei settori centro/occidentali del Continente, con appena +4°Ca Parigi e Copenaghen, +5°C a Bruxelles, +7°C a Londra in pieno giorno, come se fossimo in pieno inverno. Infatti una nuova ondata di freddo sta scivolando dal circolo polare artico verso l’Europa centro/occidentale, e nelle prossime ore arriverà fin sul nord Italia, raggiungendo le Alpi dove avremo nevicate fino a bassa quota e temperature molto basse fino a giovedì 28 aprile.
EUMETSAT_MSG_RGB-12-12-9i-segment14Intanto in Italia avanza una nuova formazione nuvolosa verso le Regioni centrali tirreniche e il nord, soprattutto il nord/est, dove tra stasera e domani avremo nuove precipitazioni in modo particolare tra Toscana, Umbria, Lazio, Campania settentrionale, zone interne di Marche, Abruzzo e Molise, alto Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.
bagnara strettoAl Sud invece dopo le burrasche di ieri con piogge, temporali e forti venti, è tornato il bel tempo con cielo sereno e venti in attenuazione. Le temperature aumenteranno sensibilmente nei prossimi giorni, soprattutto a partire da giovedì 28 in Sicilia, Calabria e Puglia con punte di +30°C in Sicilia e+26/+27°C tra Calabria e Salento.
giovedì 28Ma le condizioni meteorologiche resteranno instabili in tutto il Paese, anche al Sud nonostante il caldo (vedi mappa accanto). Avremo grandi sbalzi termici tra Nord e Sud: tra le Alpi e il Canale di Sicilia il gradiente termico sarà di 20°C, con conseguenti ripercussioni sulle condizioni atmosferiche. Al Nord il clima rimarrà fresco, umido e uggioso. Al Sud sarà nuvoloso, variabile, ma decisamente più mite mentre per la prima volta in stagione vediamo l’isoterma di +30°C ad 850hPa risalire il nord Africa fino alle porte del Mediterraneo.
sabato 30 aprileL’evoluzione a medio/lungo termine è ancora incerta, ma crescono di ora in ora le probabilità che tra fine Aprile e inizio Maggio altre perturbazioni possano attraversare il Paese. Nell’immagine accanto una fotografia sinottica della situazione per sabato 30 aprile, l’ultimo giorno del mese: dal nord Europa avanza un nuovo profondo ciclone polare verso il Mediterraneo centro/occidentale, mentre sul Canale di Sicilia e sul mar Jonio si fa sentire l’ennesimo sbuffo caldo proveniente dal vicino Sahara.
lunedì 2 maggioQuesta situazione potrebbe sfociare la prossima settimana in un’autentica tempesta Mediterranea che (vedi immagine accanto) potrebbe colpire in pieno l’Italia nella giornata di lunedì 2 maggio, con maltempo particolarmente violento su tutte le Regioni, venti impetuosi, piogge torrenziali, forti temporali con grandine e persino nuove nevicate sui rilievi (seppur non a quote basse come accaduto ieri).
martedì 3 maggioLe temperature diminuirebbero nuovamente non solo lunedì, ma anche nei giorni successivi a causa dello scivolamento di questo ciclone verso i Balcani, con la conseguente irruzione di venti nord/orientali sull’Italia. Una prospettiva certamente primaverile, ma non molto distante da condizioni meteorologiche tardo-invernali.
RomaOsservando i grafici degli “spaghetti”, possiamo notare come a lungo termine per il mese di maggio continuerà un trend volto al fresco e all’instabilità. La sfuriata fredda dei giorni scorsi sembra aver interrotto un lunghissimo periodo di anomalie termiche positive, a cui potrebbe adesso seguire un altro lungo periodo decisamente più freddo nella seconda parte della primavera non solo al Nord, ma anche al Centro/Sud. Ovviamente in un simile contesto non mancheranno anche fasi di maltempo con precipitazioni sparse e a tratti intense. Ne parleremo, caso per caso, ad ogni peggioramento con particolari approfondimenti. Intanto per le prossime ore la protezione civile ha diramato una nuova allerta meteo soprattutto per i forti venti che colpiranno il Centro/Nord.

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *