Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Brutto colpo al progetto di Trump: l’Egitto si sfila dalla coalizione araba

Share it:
Risultati immagini per egyptian army EL SISI
Di Lorenzo Vita
Donald Trump vorrebbe far nascere una coalizione composta da Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi Uniti ed Egitto per sostituire le truppe americane in Siria.Una notizia che è circolata nei giorni scorsi e che ha avuto il pieno appoggio dell’Arabia Saudita, che ha immediatamente riposto “presente” all’eventuale chiamata alle armi degli Stati Uniti. Mohammed bin Salman, del resto, è stato uno dei più grandi oppositori del possibile ritiro americano dal territorio siriano.
Secondo le fonti, la coalizione, almeno nei piani dell’amministrazione americana, doveva essere composta dalle truppe dei Paesi alleati degli Stati Uniti in Medio Oriente . Ma ce n’è uno che è già a pronto a defilarsi. 
Come riporta l’Egypt Independent, l’ex sottosegretario all’intelligence egiziana Mohammad Rashad ha dichiarato che l’Egitto declinerà sommariamente qualsiasi invito del genere. “Le forze armate egiziane non sono mercenari [e non possono essere] presi in leasing o ordinati da Stati esteri per schierare forze in una determinata area. Questo non è accettabile e nessuno dovrebbe osare dirigere o dare istruzioni all’esercito egiziano “, ha dichiarato Rashad. 
Secondo le fonti del Wall Street Journal, che aveva dato per primo lo scoop di questa proposta che circolava alla Casa Bianca, il neo consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton, avrebbe telefonato direttamente al capo dell’intelligence dell’Egitto, Abbas Kamel. La telefonata serviva per capire la predisposizione del Cairo a questa idea. 
“L’Egitto sta adottando una strategia che si basa sul supporto all’integrità della Siria e del suo esercito nazionale, quindi l’Egitto rifiuta qualsiasi interferenza da parte di Paesi stranieri in Siria poiché la questione è legata al popolo siriano. E solo loro hanno l’autorità di decidere il loro destino”, ha spiegato Rashad.
Da questo punto di vista, l’Egitto è coerente con l’impostazione che ha sempre mantenuto per tutto il conflitto. Lo stesso presidente Al Sisi ha ribadito più volte il fatto che non consideri fruttuoso l’intervento straniero e che considera l’appoggio agli eserciti nazionali, in qualunque contesto, l’unica via per la stabilizzazione di uno Stato. 
Share it:

Egitto

geopolitica

news

Siria

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione