Total Pageviews

cloud labels

Labels

Blog Archive

Search This Blog

Google+ Badge

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Featured Post Via Labels

Featured Slides Via Labels

Featured Posts Via Labels

More on Gossip

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Contrary to popular belief, Lorem Ipsum is not simply random text. It has roots in a piece of classical Latin literature from 45 BC, making it over 2000 years old. Richard McClintock, a Latin professor at Hampden-Sydney College in Virginia

About Me

NewsLetter

Nome

Email *

Messaggio *

Powered by Blogger.

Archivio Blog

New Topics

Followers su Blogger

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !

FOTO DEL GIORNO

FOTO DEL GIORNO
LE MIGLIORI FOTO SELEZIONATE PER VOI !

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

Csm, un parlamentare del Pd diventa vicepresidente: eletto David Ermini. Di Maio: “Dov’è l’indipendenza?”

Share it:
Risultati immagini per David Ermini
Sergio Mattarella aveva capito tutto. Ieri, incontrando i nuovi membri del Csm, si è rivolto ai laici che “sono eletti non perché rappresentanti di singoli gruppi politici (di maggioranza o di opposizione) bensì perché, dotati di specifiche particolari professionalità“. Ventiquattro ore dopo ecco che il plenum ha votato un vicepresidente che più politico non si può: David Ermini , deputato del Pd fino a luglio, quando si è dovuto dimettere dopo l’elezione a Palazzo dei Marescialli (formalmente, però, risulta in carica a Montecitorio fino a ieri).
Il Pd applaude alla Camera – Renziano di strettissima osservanza, toscano di Figline Valdarno, è riuscito a spuntarla nell’elezione più imprevedibile nella storia di Palazzo dei Marescialli. E a diventare il primo responsabile giustizia di un partito – il Pd– passato direttamente a dirigere l’organo di autogoverno dei magistrati. E infatti – alla notizia dell’elezione – il gruppo del Pd alla Camera ha applaudito rumorosamente in aula.  Alla terza votazione, quando bastava la maggioranza semplice, Ermini ha preso 13 preferenze mentre Alberto Maria Benedetti, uno dei tre docenti eletti dal M5s, si è fermato a 11. A votare per lo sconfitto sono gli altri laici espressione dei partiti di maggioranza (cioè i tre consiglieri eletti dal M5s e i due della Lega), i due togati di Autonomia e Indipendenza, la corrente di Piercamillo Davigo, e – a sorpresa – anche i quattro di Area, la corrente di sinistra della magistratura. “Lo abbiamo scelto – dicono i consiglieri Giuseppe Cascini, Alessandra Dal Moro, Mario Suriano, Ciccio Zaccaro – perché è un professore di diritto civile, distante dalle tante polemiche che caratterizzano il dibattito sulla giustizia e più consapevole dei reali problemi e bisogni del sistema giudiziario. Perché è un uomo di diritto non immediatamente riconducibile ad uno schieramento politico”. In pratica le caratteristiche completamente opposte rispetto a quelle di Ermini, che non immediatamente riconducibile a uno schieramento politico: ne è stato deputato. 
Vertici Cassazione fondamentali – A far pendere la bilancia per il renziano sono le correnti di destra e centro delle toghe. Le tredici preferenze del neoeletto vicepresidente, infatti, sono quelle dei dieci consiglieri togati di Magistratura Indipendente e Unicost. Alle quali si sommano quelle dei vertici della Cassazione, membri di diritto del Csm: il presidente Giovanni Mammone e il procuratore generale Riccardo Fuzio, esponenti rispettivamente di Mi e Unicost. A rendere possibile l’elezione del renziano, disattendendo le indicazioni di Mattarella, sono gli esponenti apicali della magistratura italiana. Che si sono accodati ai diktat delle loro correnti, nonostante appena ieri Mattarella avesse detto che “i togati non possono e non devono assumere le decisioni secondo logiche di pura appartenenza“. Niente da fare, invece.

Di Maio: “Dov’è l’indipendenza?” – E anche se Ermini ha subito messo le mani avanti spiegando di aver chiesto “la sospensione dell’iscrizione al partito”, la sua elezione scatena subito la polemica politica. “È incredibile! Avete letto? Questo renzianissimo deputato fiorentino del Pd è appena stato eletto presidente di fatto del Consiglio Superiore della Magistratura. Lo hanno votato magistrati di ruolo e membri espressi dal Parlamento. Ma dov’è l’indipendenza? E avevano pure il coraggio di accusare noi per Foa che non ha mai militato in nessun partito. È incredibile. Ermini è stato eletto a marzo, si è fatto 5 anni in parlamento con il Pd lottando contro le intercettazioni: la riforma che abbiamo bloccato era proprio la sua. Ora lo fanno pure presidente. Il Sistema è vivo e lotta contro di noi”, dice Luigi Di Maio, leader del Movimento 5 stelle. Secondo il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede: “I magistrati del Csm hanno deciso di affidare la vice presidenza del loro organo di autonomia ad un esponente di primo piano del Pd, unico politico eletto in questa legislatura tra i laici del Csm. Da deputato mi sono sempre battuto affinché il Parlamento individuasse membri laici non esposti politicamente. Prendo atto che all’interno del Csm, c’è una parte maggioritaria di magistrati che ha deciso di fare politica!“.
Colletti (M5s): “Colpa nostra” – “La colpa dell’elezione di Ermini quale vicepresidente del Csm non è dei togati e laici che lo hanno votato. È nostra, come M5S, la colpa di averlo votato, nonostante fosse un politico vicinissimo a Renzi. Abbiamo sbagliato – io mi sono rifiutato di votarlo – prendiamone atto e facciamo tesoro dei nostri sbagli”, dice invece il deputato Andrea Colletti. “Attaccare l’elezione di Ermini significa attaccare l’indipendenza della Magistratura. Il vice presidente del consiglio Di Maio e il suo governo ci hanno purtroppo abituato a una quotidiana escalation di questi attacchi. Questo è inaccettabile tanto verso un organo come il Csm, presieduto dal Presidente della Repubblica”, dice il deputato dem Walter Verini, che ha preso il posto di Ermini come responsabile giustizia del partito. “Sono dichiarazioni gravissime da parte di autorevoli rappresentanti di governo sul Csm. Addirittura il ministro della Giustizia. Dimostrano in questo modo di non avere alcun senso dello Stato. Il governo rispetti la Costituzione e l’organismo di autogoverno della magistratura”, attacca il segretario del Partito democraticoMaurizio Martina.
Davigo: “Ermini ha diviso in due il Csm” – Molto critica anche Autonomia e Indipendenza, la corrente di Davigo: “”La strettissima maggioranza con la quale è stato eletto l’avvocato Ermini – scrive la corrente – ha diviso in due il Csm a causa della diretta provenienza del nuovo vicepresidente dalla politica, unico tra tutti i laici eletti dal Parlamento. “Sono caduti nel vuoto gli autorevolissimi auspici formulati nelle più alte sedi per non privilegiare, ancora una volta, un componente proveniente direttamente dalla politica”. Davigo e Sebastiano Ardita – altro consigliere eletto – continuano esprimento stupore “per  la convergenza di componenti del Csm che rappresentano i gruppi maggioritari nella scelta di un vicepresidente espresso da una forza che, oggi minoritaria, ha governato fino a pochi mesi addietro e per la quale siede in Parlamento un magistrato in aspettativa, ex componente del Csm ed ex segretario generale di Mi”. Un chiaro riferimento al Pd e aCosimo Ferri, oggi deputato del partito e in passato leader di Magistratura indipendente, di cui costituisce sempre un punto di riferimento. E infatti i retroscena raccontano di come Ferri – che da sottosegretario faceva campagna elettorale via sms per le elezioni al Csm – abbia giocato un ruolo dietro l’elezione di Ermini. D’altra parte è da sempre considerato l’uomo cerniera tra politica e magistratura.
Share it:

Alfonso Bonafede

Csm

David Ermini

Luigi Di Maio

Magistratura

Movimento 5 Stelle

news

PD

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione