Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Elezioni Alto Adige, risultati definitivi: exploit Lega oltre 11%. L’Svp tiene sopra 40%, ex M5s al 13%

Share it:

Fonte e articolo completo: https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/21/elezioni-trentino-alto-adige-proiezioni-boom-lega-al-15-svp-crolla-al-368-il-consigliere-ex-m5s-al-14/4709273/

La Lega che supera quota 11%, l’Svp ridimensionata ma alla fine al 41,9%. Sono i risultati definitivi delle elezioni provinciali in Alto Adige (diversi dalle prime proiezioni che davano il Carroccio sopra il 17%). Ottiene un ottimo risultato anche il team Köllensperger, dell’ex consigliere 5 stelle Paul Köllensperger, che arriva al 15,2%. 6,8% il risultato dei Verdi. Male invece il M5S, che si ferma al 2,3%, e anche il Pd che alla fine si ferma a 3,8% in calo di circa 3 punti rispetto al 2013. Gli indipendentisti di destra dei Freihetilichen al 6,2%.

Particolarmente eloquente il risultato delle proiezioni a Bolzano: nel capoluogo la Lega è il primo partito con il 30% dei consensi, mentre la Svp crolla al 14%. Il Pd, invece, ottiene il 12%. Il partito di Matteo Salvini diventa in ogni caso il primo partito italiano in Alto Adige: i tempi del 2013, quando si presentò sotto un unico simbolo con Forza Italia, raccogliendo il 2,5%, sono lontanissimi.

Il quadro politico in Alto Adige – In provincia di Bolzano si vota con il proporzionale puro, senza premio di maggioranza. È quasi scontata la rielezione del presidente uscente, Arno Kompatscher: la forza egemone è sempre stata l’Svp (Südtiroler Volkspartei), il partito di massa, di ispirazione cristiano-sociale, dei sudtirolesi di madrelingua tedesca. Ha sempre avuto la maggioranza necessaria a governare da sola, fino a 5 anni fa, quando ottenne il 45,7% e fu costretta a stringere un’alleanza con il Pd (6,7%) per ottenere i voti dei suoi due consiglieri: alleanza replicata a livello nazionale, dove la Svp ha sempre fatto parte della coalizione di centrosinistra. I voti dei suoi elettori, poi, sono stati decisivi all’elezione di Maria Elena Boschi alla Camera il 4 marzo scorso (l’ex ministra e sottosegretaria era candidata nel collegio di Bolzano). Gli altri parti principali sono die Freiheitlichen e il Süd-Tiroler Freiheit(indipendentisti di destra), e i Verdi, che alle ultime elezioni hanno ottenuto l’8,7% e 3 seggi. Il Movimento 5 Stelle, che alle ultime elezioni aveva raccolto il 2,5%, ha perso a luglio il suo unico consigliere provinciale, Paul Köllensperger, che ha costituito un gruppo autonomo. A queste elezioni la Lega ha scelto di correre da sola, mentre nel 2013 aveva costituito una lista unica insieme a Forza Italia, ottenendo il 2,5%. L’obiettivo è eleggere due consiglieri, costringendo l’Svp a concludere un’alleanza di governo.
Affluenza definitiva: 73,9% in Alto Adige – I cittadini delle province autonome di Trento e Bolzano hanno votato per rinnovare i rispettivi consigli provinciali, che insieme compongono il consiglio regionale. Le urne si sono chiuse alle ore 21 in Alto Adige. Nei 487 seggi della provincia di Bolzano la percentuale di affluenza è stata del 73,9%. I votanti che si sono recati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale altoatesino sono stati in tutto 282.244. Rispetto alle elezioni del 2013 l’affluenza è diminuita del 3,8%. A Bolzano la percentuale è stata del 64,6%, in linea con 5 anni fa. Significativa, invece, la flessione nelle valli, con una punta del 7% in val Venosta, roccaforte dell’elettorato di lingua tedesca. In Trentino le elezioni indicheranno anche il nome del nuovo presidente; in Alto Adige, invece, il capo della giunta verrà eletto in un secondo momento dal consiglio.
Share it:

Alto Adige

Lega Nord

news

politica

SVP

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione