Breaking News

6/breakingnews/random

L'intervista del presidente russo Putin con l’editore Lionel Barber del “Financial Times”

Nessun commento

Traduzione a cura di Emilio di Somma (FSI Torino)
NdR: l’intervista risale al 27 giugno 2019
Lionel Barber: Signor Presidente, lei si sta dirigendo ad Osaka come statista di alto livello al G20. Nessun’altro è stato in così tanti incontri internazionali di questo gruppo e del G7 negli ultimi 20 anni mentre lei era a capo della Russia. Prima di parlare del programma del G20 e di ciò che spera di ottenere, sappiamo che ci sono crescenti tensioni tra America e Cina nel commercio, il rischio di conflitti nel Golfo. Le sarei molto grato se potesse parlare un po’ di come ha visto il mondo cambiare negli ultimi 20 anni mentre era al potere.
Presidente della Russia Vladimir Putin: Primo, non sono stato al potere per tutti questi 20 anni. Come forse sapete, sono stato Primo Ministro per quattro anni, e questa non è la massima autorità della Federazione Russa. Tuttavia, sono in giro da molto tempo nel governo e nelle alte sfere, quindi posso giudicare cosa sta cambiando e come. In effetti, l’ha appena detto lei stesso, chiedendo cosa è cambiato e come. Ha menzionato le guerre commerciali e gli sviluppi del Golfo Persico. Direi con cautela che la situazione non è cambiata in meglio, ma rimango ottimista in una certa misura. Ma, per dirla in parole povere, la situazione è decisamente diventata più drammatica ed esplosiva.
Lionel Barber: Crede che il mondo ora sia diventato più frammentato?
Vladimir Putin: Certo, perché durante la Guerra Fredda, la cosa brutta era la Guerra Fredda. È vero. Ma c’erano almeno alcune regole che tutti i partecipanti alla comunicazione internazionale seguivano o tentavano di seguire più o meno. Ora, sembra che non ci siano regole. In questo senso, il mondo è diventato più frammentato e meno prevedibile, che è la cosa più importante e deplorevole.
Lionel Barber: Torneremo su questo tema del mondo senza regole, frammentato, più transazionale. Ma prima, signor Presidente, ci dica cosa vuole raggiungere ad Osaka, in termini di rapporti con queste altre parti? Quali sono i suoi obiettivi principali per il summit?
Vladimir Putin: Mi piacerebbe molto che tutti i partecipanti a questo evento, e il G20, a mio parere, sia oggi un forum di sviluppo economico internazionale chiave, quindi vorrei che tutti i membri del G20 riaffermassero la loro intenzione – almeno un’intenzione – per elaborare alcune regole generali che tutti dovrebbero seguire e mostrare il loro impegno e dedizione al rafforzamento delle istituzioni finanziarie e commerciali internazionali.
Tutto il resto sono dettagli che completano gli argomenti principali in un modo o nell’altro. Sicuramente sosterremo la Presidenza giapponese. Per quanto riguarda lo sviluppo della tecnologia moderna, il mondo dell’informazione, l’economia dell’informazione e l’attenzione dei nostri colleghi giapponesi su questioni come la longevità e l’ambiente, tutto ciò è estremamente importante e sicuramente lo sosterremo e parteciperemo a tutte queste discussioni Anche se è difficile aspettarsi scoperte o decisioni importanti nelle condizioni attuali; oggi possiamo a malapena sperare in esse. Ma in ogni caso, c’è speranza almeno che durante queste discussioni generali e incontri bilaterali saremo in grado di appianare i disaccordi esistenti e gettare le basi, una base per un movimento positivo in avanti.
Lionel Barber: incontrerà Mohammad bin Salman ad Osaka. Possiamo aspettarci un’estensione dell’attuale accordo sulla produzione di petrolio? Limitazioni?
Vladimir Putin: Come sa, la Russia non è un membro dell’OPEC, anche se è tra i maggiori produttori mondiali. Credo che la nostra produzione giornaliera sia stimata in 11,3 milioni di barili. Gli Stati Uniti sono saliti davanti a noi, però. Tuttavia, riteniamo che i nostri accordi di stabilizzazione della produzione con Arabia Saudita e OPEC in generale abbiano avuto un effetto positivo sulla stabilizzazione del mercato e sulle previsioni.
Credo che sia i produttori di energia, in questo caso, i paesi produttori di petrolio, sia i consumatori siano interessati a questo, perché attualmente la stabilità è decisamente scarsa. E i nostri accordi con l’Arabia Saudita e altri membri dell’OPEC rafforzano indubbiamente la stabilità.
Per quanto riguarda l’estensione dell’accordo, lo scopriremo nei prossimi giorni. Ho avuto un incontro su questo tema con i massimi dirigenti delle nostre più grandi compagnie petrolifere e membri del governo proprio prima di questa intervista.
Lionel Barber: Sono un po’ frustrati. Vorrebbero produrre di più. È corretto?
Vladimir Putin: hanno una politica intelligente. Non si tratta di aumentare la produzione, anche se questa è una componente importante nel lavoro delle grandi compagnie petrolifere. Riguarda la situazione del mercato. Hanno una visione completa della situazione, nonché delle loro entrate e spese. Certo, stanno anche pensando di rilanciare il settore, investimenti tempestivi, modi per attirare e utilizzare la tecnologia moderna, oltre a rendere questo settore vitale più attraente per gli investitori.
Tuttavia, forti aumenti o crolli dei prezzi non contribuiranno alla stabilità del mercato e non incoraggeranno gli investimenti. Questo è il motivo per cui abbiamo discusso di tutti questi problemi nella loro totalità oggi.
Lionel Barber: Signor Presidente, lei ha osservato quattro presidenti americani da vicino e forse cinque, lei ha avuto esperienza diretta. Allora, come è diverso il signor Trump?
Vladimir Putin: Siamo tutti diversi. Non ci sono due persone uguali, proprio come non ci sono serie identiche di impronte digitali. Chiunque ha i suoi vantaggi e lascia che gli elettori giudichino i loro difetti. Nel complesso, ho mantenuto relazioni sufficientemente buone e stabili con tutti i leader degli Stati Uniti. Ho avuto l’opportunità di comunicare più attivamente con alcuni di loro.
Il primo presidente degli Stati Uniti con cui entrai in contatto fu Bill Clinton. In generale, ho considerato questa esperienza positiva. Abbiamo stabilito legami sufficientemente stabili e professionali per un breve periodo di tempo perché il suo mandato stava già volgendo al termine. All’epoca ero solo un giovane presidente che aveva appena iniziato a lavorare. Continuo a ricordare come abbia stabilito relazioni di partenariato con me. Gliene sono molto grato per questo.
Ci sono stati altri tempi e abbiamo dovuto affrontare vari problemi con tutti gli altri colleghi. Sfortunatamente, questo spesso ha comportato dibattiti e le nostre opinioni non coincidevano su alcune questioni che, a mio avviso, possono essere chiamate aspetti chiave per la Russia, gli Stati Uniti e il mondo intero. Ad esempio, questo include il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dal Trattato sui missili anti-balistici che, come abbiamo sempre creduto, e di cui sono ancora convinto, era la pietra angolare dell’intero sistema di sicurezza internazionale.
Abbiamo discusso a lungo questa questione, abbiamo discusso e suggerito varie soluzioni. In ogni caso, ho fatto dei tentativi molto energici per convincere i nostri partner statunitensi a non ritirarsi dal Trattato. E, se la parte statunitense voleva ritirarsi dal Trattato, avrebbe dovuto farlo in modo tale da garantire la sicurezza internazionale per un lungo periodo storico. L’ho suggerito, l’ho già discusso in pubblico, e ripeto che l’ho fatto perché ritengo che la questione sia molto importante. Ho suggerito di lavorare insieme su progetti di difesa missilistica che avrebbero dovuto coinvolgere Stati Uniti, Russia ed Europa. Stabilivano parametri specifici di questa cooperazione, definivano pericolosi approcci missilistici e prevedevano scambi di tecnologia, l’elaborazione di meccanismi decisionali, ecc. Quelle erano proposte assolutamente specifiche.
Sono convinto che il mondo sarebbe un posto diverso oggi, se i nostri partner americani avessero accettato questa proposta. Sfortunatamente, questo non è accaduto. Possiamo vedere che la situazione si sta sviluppando in un’altra direzione; nuove armi e tecnologie militari all’avanguardia stanno venendo alla ribalta. Bene, questa non è la nostra scelta. Ma, oggi, dovremmo almeno fare di tutto per non aggravare la situazione.
Lionel Barber: Signor Presidente, lei è uno studente di storia. Ha avuto molte ore di conversazione con Henry Kissinger. Quasi certamente legge il suo libro, World Order. Con il signor Trump, abbiamo visto qualcosa di nuovo, qualcosa di molto più transizionale. È molto critico nei confronti di alleanze e alleati in Europa. Questo è qualcosa che è a vantaggio della Russia?
Vladimir Putin: Sarebbe meglio chiedere quale sarebbe il vantaggio dell’America in questo caso. Il signor Trump non è un politico di carriera. Ha una visione del mondo distinta e una visione degli interessi nazionali degli Stati Uniti. Non accetto molti dei suoi metodi quando si tratta di affrontare i problemi. Ma sa cosa penso? Penso che sia una persona di talento. Sa molto bene cosa si aspettano i suoi elettori da lui.
La Russia è stata accusata e, per quanto strano possa sembrare, è ancora accusata, nonostante il rapporto di Mueller, di mitiche interferenze nelle elezioni americane. Cosa è successo nella realtà? Trump ha esaminato l’atteggiamento dei suoi avversari nei suoi confronti e ha visto dei cambiamenti nella società americana, e ne ha approfittato.
Io e lei stiamo parlando prima dell’incontro del G20. È un forum economico e indubbiamente avrà discussioni sulla globalizzazione, il commercio globale e la finanza internazionale.
Qualcuno ha mai pensato a chi ha effettivamente beneficiato e quali benefici sono stati ottenuti dalla globalizzazione, lo sviluppo della quale abbiamo osservato e ne abbiamo partecipato negli ultimi 25 anni, a partire dagli anni ’90?
La Cina ha fatto ricorso alla globalizzazione, in particolare, per liberare milioni di cinesi dalla povertà.
Cosa è successo negli Stati Uniti e come è successo? Negli Stati Uniti, le principali società statunitensi – le società, i loro manager, azionisti e partner – hanno fatto uso di questi benefici. La classe media non ha quasi beneficiato della globalizzazione. Coloro che vivono del loro stipendio, negli Stati Uniti (probabilmente parleremo più tardi dei redditi reali in Russia, che richiedono un’attenzione particolare da parte del governo), la classe media negli Stati Uniti non ha beneficiato della globalizzazione; è stata lasciata fuori quando questa torta è stata divisa.
La squadra di Trump ha percepito questo molto acutamente e chiaramente, e lo hanno usato nella campagna elettorale. È dove dovreste cercare le ragioni dietro la vittoria di Trump, piuttosto che in qualsiasi presunta interferenza straniera. Questo è ciò di cui dovremmo parlare qui, incluso quando si tratta di economia globale.
Credo che questo possa spiegare le sue decisioni economiche apparentemente stravaganti e persino i suoi rapporti con i suoi soci e alleati. Crede che la distribuzione delle risorse e dei benefici della globalizzazione negli ultimi dieci anni sia stata ingiusta verso gli Stati Uniti.
Non ho intenzione di discutere se sia giusto o meno, e non dirò se ciò che sta facendo è giusto o sbagliato. Mi piacerebbe capire le sue motivazioni, che è quello che mi hai chiesto. Forse questo potrebbe spiegare il suo comportamento insolito.
Lionel Barber: Voglio assolutamente tornare all’economia russa. Ma quello che ha detto è assolutamente affascinante. Ecco qui, il presidente della Russia, a difendere la globalizzazione insieme al presidente Xi mentre il presidente Trump sta attaccando la globalizzazione e sta parlando di America First. Come spiega questo paradosso?
Vladimir Putin: Non penso che il suo desiderio di mettere l’America al primo posto sia un paradosso. Io voglio che la Russia sia la prima, e questo non è percepito come un paradosso; non c’è niente di strano lì. Per quanto riguarda il fatto che sta attaccando alcune manifestazioni della globalizzazione, ho già sottolineato questo punto. Sembra credere che i risultati della globalizzazione potrebbero essere stati molto migliori per gli Stati Uniti di quanto non siano. Questi risultati della globalizzazione non stanno producendo l’effetto desiderato per gli Stati Uniti, e lui (Trump) sta iniziando questa campagna contro alcuni elementi della globalizzazione. Ciò riguarda tutti, specialmente i principali partecipanti al sistema di collaborazione economica internazionale, compresi gli alleati.
Lionel Barber: Signor Presidente, lei ha avuto molti incontri con il presidente Xi, e la Russia e la Cina si sono decisamente avvicinate. Sta mettendo troppe uova nel cestino della Cina? Perché la politica estera russa, anche sotto la sua guida, ha sempre ritenuto una sua virtù il parlare con tutti.
Vladimir Putin: Prima di tutto, abbiamo abbastanza uova, ma non ci sono molti cesti in cui queste uova possono essere collocate. Questo è il primo punto.
Traduzione di Emilio di Somma per http://appelloalpopolo.it

Nessun commento

Posta un commento

Partecipa alla discussione

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *