Breaking News

6/breakingnews/random

Il Tg2 riscrive la storia e fa liberare Auschwitz dagli americani

Nessun commento

Di Giovanni Drogo

Il Tg2 diretto da Gennaro Sangiuliano riscrive e rilegge a modo suo la storia del Novecento. Un compito arduo e difficile che al telegiornale della seconda rete Rai affrontano con umiltà e la forza di studi matti e disperatissimi. L’ultima fatica storiografica è andata in onda durante l’edizione delle 20:30 dell’8 dicembre nel servizio di Chiara Prato in ricordo di Piero Terracina, uno degli ultimi sopravvissuti allo sterminio nazista e reduce del campo di Auschwitz-Birkenau morto tre giorni fa a Roma a 91 anni.

Terracina, deportato in Germania all’età di 15 anni, fu l’unico della sua famiglia a fare ritorno a casa. Ad un certo punto, mentre sullo schermo passano delle immagini d’archivio della liberazione di un campo di concentramento la giornalista afferma «c’è anche lui in queste immagini sbiadite filmate dagli americani a liberare Auschwitz». Il che è vero solo se la vostra fonte è il film La vita è bella di Roberto Benigni, dove appunto è un carro armato statunitense a fare l’ingresso nel campo di concentramento dove sono rinchiusi il protagonista e il figlio. Ma il lager nazista del film di Benigni non è Auschwitz, ma solo un campo “di fantasia” che non esiste né è mai esistito nella realtà.

Il vero campo di concentramento in cui invece fu imprigionato Piero Terracina esiste, attualmente si trova in Polonia e fu liberato il 27 gennaio del 1945 (che è la data scelta per il giorno della Memoria) dalle truppe sovietiche dell’Armata Rossa. Alla giornalista che invocava la necessità di «fare memoria del passato» non è balenata l’idea di verificare le informazioni e nessuno in Redazione pare essersene accorto. Almeno fino all’edizione del giorno dopo quando dando la notizia dei funerali di Terracina la giornalista ha ricordato che «il campo di Auschwitz venne liberato dalle truppe sovietiche il 27 gennaio del 1945»
Ma non bisogna essere troppo severi con il Tg2, perché ieri anche Stefano Parisi ha cinguettato sul falso storico degli americani che hanno liberato gli ebrei: «questa sera a Milano qualcuno ha cantato Bella Ciao. Dopo l’Inno di Mameli intonato a gran voce da tutti. Nulla contro Bella Ciao ma forse bisognava intonare l’inno USA. Sono gli americani che hanno liberato gli ebrei dai campi di concentramento». Il che non è assolutamente vero.
parisi Auschwitz americani - 1
È vero invece che anche gli americani hanno liberato i prigionieri di alcuni campi di concentramento(ad esempio quello di Mauthausen, liberato dagli USA il 5 maggio del 1945) ma è come dire che la Seconda Guerra Mondiale è stata vinta solo dagli americani e non anche dai russi o dagli inglesi(anche i britannici parteciparono alla liberazione dei campi di concentramento nazisti come ad esempio Bergen-Belsen).
parisi Auschwitz americani - 3
Qualcuno ha fatto notare a Parisi che aveva preso una cantonata e allora l’ex candidato sindaco di Milano ha concesso che anche i sovietici liberarono i campi (dimenticando gli inglesi) ma che furono gli americani a liberarci dal Fascismo mentre nella Russia comunista (impegnata a sconfiggere il Nazismo sul fronte orientale) “milioni di morti e dissidenti nei gulag”. Ecco, è questa visione manichea della storia che forse sarebbe bene che politici e giornalisti abbandonassero una volta per tutte.

Nessun commento

Posta un commento

Partecipa alla discussione

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *