Breaking News

3/breakingnews/random
Visualizzazione post con etichetta M5S. Mostra tutti i post

Movimento Cinque Stelle: un gigante con i piedi d’argilla


Di Mirta Quagliaroli *

La forte ascesa del M5S che lo ha portato al governo nel 2018 sostenuta dalla voglia di cambiamento pare essere già da tempo scemata nei sondaggi. Mentre il M5S sviluppava idee e modi idealizzati di intendere la politica e la società, le aspettative e le speranze che erano state riposte dai sostenitori grillini si infrangevano inevitabilmente contro la complessità dei fatti nella gestione della res pubblica. Succede sempre ai movimenti nati dalla protesta e dai comitati di cittadini nei territori sulle tematiche più disparate (dall’ambiente ai viccini, al 5G ecc..). Le proteste aggregano e portano consensi ai moviemnti che poi trasformatisi in forme partitiche perdono forza a causa della complessità del governare. 
La vera sfida, nel mondo globale dove tutto è interconnesso e le variabili sono di notevole quantità, è governare la complessità dei sistemi, aggravata dalla macchina amministrativa lenta e farragginosa.  Una formazione politica quindi deve procedere a una necessaria mediazione tra interessi contrapposti e trasformarla in un vantaggio per la collettività. Questa complessità ha reso necessario per il M5S rivedere e aggiustare i proclami elettorali ingenerando negli elettori una sensazione di sconfitta, di aspettative deluse e di distanza fatta di incomprensioni che originano dalla sua nascita:  protesta contro il sistema (i Vaffa-day ne sono una espressione).
Tra tutte le difficoltà di un movimento che ha voluto da sempre essere innovativo e rivoluzionario una in particolare nell’esperienza di chi scrive è la fuga dei cervelli (che è essa stessa causa ed effetto) e delle competenze soprattutto nei territori rispetto all’impegno politico.
Fin dall’inizio è stato lo slogan “uno vale uno” a convincere, coinvolgere e attirare nei meet up tante persone deluse deal’inconsistenza e staticità della classe politica. Pur nella consapevolezza che ci fossero delle valide ragioni nelle proteste contro il sistema politico e nella necessità di un cambiamento di paradigma, l’illusione che tutti potessero essere in grado di “fare politica”, come se per occuparsi della gestione della cosa pubblica bastasse avere buona volontà, niente altro che quello, oltre all’onestà, non ha apportato un innovativo modello di gestione della forma “partito politico”.
Accade così che nei territori non sia mai stata prevista nessuna forma di organizzazione nè di gerarchia legittimata dai sostenitori nei meet-up che sono sempre stati il luogo di discussione di tematiche locali. Basta questo a far comprendere il caos che il M5S si ritrova nei territori per mancanza di una struttura adeguata ad accogliere, integrare e formare le persone che potrebbero essere destinate a formare la classe politica locale. Ciò non accade, infatti, i cittadini destinati ad entrare nelle liste elettorali (anche nazionali) del M5S si selezionano attraverso candidature libere sul portale on line del M5S.
Accade così che nei territori ci siano più gruppi in competizione tra loro, ma anche all’interno dei gruppi ci siano spesso posizioni così distanti che sono causa di perenni conflitti e diatribe il più delle volte pubbliche. I fatti sul territorio nazionale sono stranoti, l’ultimo in ordine di tempo è la sfiducia alla sindaca imolese, e non sono certo edificanti.
Il fatto che nel M5S ci sia così tanta conflittualità anche sulle tematiche locali oltre che nazionali è da ricercare nella difficoltà di proporsi con un modello identitario e di visione che sia definibile e accettato dai suoi sostenitori e non interpretabile. In pratica nella vaghezza della proposta propagandistica c’è sempre stato ampio spazio di interpretazione senza che nessun dibattito pubblico abbia mai cercato di definirne i confini. La rappresentazione esemplare di tale dicotomia proviene da due grillini storici della prima ora, ora espulsi, divenuti sindaci di Imola e Parma. 
Capiamo meglio oggi che essi ovviamente provengono da aree politiche e ideologiche diverse, uno dalla sinistra e l’altra dalla destra, ciò nonostante entrambi convinti di aver sostenuto il progetto politico e la visione del M5S in aderenza alla loro area ideologica di riferimento. La stessa cosa potremmo notarla per quanto concerne le tematiche nazionali come ad esempio, libertà vaccinale, uscita dall’euro, TAV, ecc.
Considerando che la comunicazione  politica per essere efficace e ottenere consenso deve puntare ad un messaggio rassicurante che indichi soluzioni semplicistiche che per ovvie ragione non contemplano la complessità dei fenomeni e delle variabili, non dobbiamo stupirci dell’enorme successo del M5S e dell’ottima strategia comunicativa per un movimento nuovo senza storia. I problemi arrivano quando si governa, allorchè le soluzioni che si prospettano, obiettivamente e concretamente parlando, non sono quasi mai semplicistiche e rassicuranti nell’immediato ma si propongono di esserlo in prospettiva solo se tra tutti i soggetti coinvolti nella complessità dei problemi si riesce a mediare un accordo che accontenti e scontenti tutte le parti coinvolte.
Questa ambiguità si è riversata sui territori diventati nel tempo sempre più litigiosi. Se poi ci aggiungiamo le umane virtù, quali: gelosie, invidie e arrivismo, si comprende che la situazione sia sempre più ingestibile nel totale disinteresse dei “vertici” che si sono arresi accettando l’ineluttabilità dei conflitti financo ad arrivare al divieto di formare le liste per le elezioni amministrative.
Anche in riferimento all’esperienza di chi scrive e all’attività nei territori si può senza ombra di dubbio sostenere che i facilitatori di recente istituzione, nati proprio a tale scopo, per ora non si sono dimostrati  in grado di pacificare i territori, risultati totalmente inconsistenti.
Cosa serve allora?
Serve una struttura gerarchica elettiva, serve sapere chi ha la responsabilità di decidere sui territori, un soggetto che sia in grado di ascoltare tutti in un confronto costruttivo e abbia l’autorità per tirare le fila e decidere sapendo che deve accontentare e scontentare tutte le parti se necessario.
Non ha alcun senso la critica alla struttura partito solo perché le personalità al loro interno hanno avuto comportamenti umani: corruzione, collusione, ecc. Non è lo strumento il responsabile, ma il cattivo utilizzo dello strumento. È stata sicuramente una bella illusione momentanea quella di concepire la democrazia in forma diretta, ma che si è subito scontrata con la difficoltà di governare le proposte e la gestione del radicamento nel territorio di un movimento politico innestato in una forma repubblicana che è quella della “democrazia rappresentativa”. Il corpo intermedio, partito o movimento come lo si vuole chiamare, necessità di una struttura che possa portare – e produrre – le istanze dal territorio alla rappresentanza presente nelle istituzioni. Purtroppo, tutte le diatribe e gli scandali interni al movimento hanno dato prova eloquente di questo, e cioè che una struttura con solo la testa e i piedi è estremamente fragile. Come più volte ha evidenziato il politologo Aldo Giannuli.
Per questo ora più che mai serve un congresso (o assemblea costituente, che dire si voglia) dove il confronto deve definire i confini dei programmi e dei progetti politici consentendo un dibattito che non può essere sostituito da una votazione che si impone su ogni tematica a suon di maggioranze di voti on line. Serve che ci sia dibattito e condivisione e comprensione che in politica  e in democrazia necessita di tempo dedicato e attenzione perchè tutti si sia consapevoli e ci si impegni insieme per un progetto politico alla fine condiviso.
Solo così si potrà declinare anche nei territori la sensazione di essere partecipi davvero che è la causa del mancato radicamento territoriale del M5S. Senza radicamento territoriale non si ottiene consenso e non si attua nessuna strategia e progetto politica, come un gigante dai piedi d’argilla.
* Attivista ed ex consigliere comunale grillina

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *