Page Nav

Grid

GRID_STYLE

Breaking News

latest

Trapani:sgombero all’alba degli operai della Marettimo

 Di Marco Nurra Con un ingente dispiegamento di reparti antisommossa, le forze dell’ordine hanno sgomberato ieri mattina all’alba il pre...

 Di Marco Nurra
Con un ingente dispiegamento di reparti antisommossa, le forze dell’ordine hanno sgomberato ieri mattina all’alba il presidio permanente dei lavoratori dei Cantieri Navali di Trapani. Gli operai protestano da sette mesi contro la decisione di Giuseppe D’Angelo, ad della Satin S.p.A, di tagliare i posti emandare a casa i 56 dipendenti della controllata Cnt. I lavoratori dopo mesi di cassa integrazione hanno perfino occupato una petroliera, la Marettimo M., l’ultima costruita con le loro stesse mani. Dopo un anno di «cassa», la mattina della vigilia di Natale i lavoratori CNT si erano svegliati con una lettera di licenziamento.
Un risveglio non meno sconfortante quello di ieri, quando Antonino e Michele, rimasti a guardia del presidio per la notte, si sono visti accerchiare dalle forze dell’ordine. Le istituzioni avrebbero concertato l’azione repressiva d’accordo con l’impresa, a quanto dicono gli operai. Abbiamo intervistato uno di loro, Antonino Di Cola, per conoscere la dinamica dello sgombero. «Si sono presentati in cantiere alle 5,30 i reparti antisommossa di carabinieri, polizia, guardia di finanza e Digos, più alcune ambulanze. Saranno stati un centinaio di agenti». Al vedere tanti poliziotti aggirarsi per la banchina, i due lavoratori hanno pensato che si trattasse di una retata antimafia o di un’operazione antidroga. E invece no, quel piccolo squadrone era lì per Antonino e Michele, due operai senza lavoro, addormentati in una panda parcheggiata nel porto di Trapani, «una scena grottesta», sottolinea Di Cola.
La decisione dello sgombero è partita dalla prefettura di Trapani per motivi di ordine pubblico, ma secondo i lavoratori si tratta di un pretesto senza alcun fondamento. «Stiamo occupando i cantieri da quasi sette mesi, la nostra è una lotta pacifica, di quale ordine pubblico stanno parlando?», sostiene Di Cola. «Ci hanno trattati come criminali, capito? È un’ingiustizia», dice amareggiato. Chi conosce la loro lotta, come ad esempio il circolo aMalaTesta (molto attento alle rivendicazioni sociali del territorio), condivide lo stupore e l’indignazione dei lavoratori e la solidarietà dei concittadini è visibile anche su Facebook: basta leggere i tanti messaggi lasciati sul gruppo «Collettivo lavoratori in LOTTA – CNT», o sulla pagina dell’Isola dei cassintegrati, che segue la vertenza da novembre 2011.
«Quello che questi signori devono capire – dice Antonino indicando i poliziotti che sbarrano il cancello del cantiere navale – è che noi non siamo dei delinquenti. Vogliamo solo lavorare per poter campare le nostre famiglia a testa alta». Nella banchina del porto ieri mattina, oltre alla salsedine, si respirava il dolore dell’offesa. «La Satin non paga i propri dipendenti da mesi, ha debiti per più di 43 milioni di euro, non paga fornitori e ditte esterne, per questo ha quasi tutte le attrezzature e macchinari pignorati dal tribunale – denuncia ancora Di Cola – E lo Stato continua a dare la concessione demaniale dell’area a Giuseppe D’Angelo, con un’impresa che non esita a licenziare pur di salvarsi dal fallimento».

Fonte:Il Manifesto


http://marconurra.altervista.org/sgombero-allalba-degli-operai-della-marettimo-il-manifesto/

Nessun commento

Partecipa alla discussione

ARCHIVIO