Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

L’Isis arriva in Algeria: una minaccia anche per l’Italia

Share it:
Risultati immagini per ISIS

Di Lorenzo Vita

Un attentato suicida rivendicato dallo Stato islamico, due poliziotti rimasti uccisi e il terrore che scende su un Paese rimasto finora lontano dai riflettori del terrorismo islamico: l’Algeria. Secondo quanto riporta il giornale algerino “Echourouk”, un attentatore suicida si è fatto esplodere in un posto di blocco della polizia di Tiaret. Il bilancio di questo attentato è di due agenti di polizia caduti sotto i colpi dell’esplosione, di cui uno, probabilmente, morto per essersi lanciato contro il terrorista. Lo Stato islamico ha immediatamente rivendicato l’attacco e i mezzi di propaganda del sedicente Califfato hanno subito messo in prima pagina il nome di battaglia dell’attentatore, che fa chiamare Abu Jihad. Un algerino proveniente da un quartiere della classe operaia della stessa città di Tiaret.
L’attacco avvenuto nella città algerina è solo uno degli episodi che hanno coinvolto l’Algeria, Paese finora lasciato ai margini sia del terrorismo internazionale sia dei grandi movimenti politici e ideologici iniziati con le Primavere arabe. In realtà, lo Stato nordafricano, pur non avendo al suo interno gravi minacce del terrorismo islamico né aver subito rivolte guidate da movimenti islamisti, è un Paese estremamente rivelante nella lotta all’islamismo radicale e svolge un ruolo prima nella fragile stabilità di tutta la regione nordafricana. Il suo territorio immenso, la sua vicinanza alla Libia, il suo passato di guerra con la Francia e soprattutto le labili frontiere con gli Stati del Sahel sono tutti elementi che rendono impossibile ritenere l’Algeria esclusa dalle gravi minacce che incombono sulle due sponde del Mediterraneo.
Le autorità di Algeri sono da anni in prima linea contro il terrorismo islamico, e finora hanno retto contro l’avanzata dello jihadismo fungendo da filtro fondamentale fra lo jihadismo maghrebino e tutti i Paesi coinvolti nella guerra al terrore. Tuttavia, sono in molti fra i funzionari dell’intelligence algerina e gli analisti a temere il rischio sempre più elevato d’infiltrazione di terroristi nel Paese. Chi in fuga dai territori persi dallo Stato islamico in Libia, chi proveniente dai Paesi del Sahel e che si mischia all’interno di flussi migratori che lambiscono il territorio algerino. Perché è in realtà il fronte meridionale quello che fa più temere per la stabilità dell’Algeria. Secondo molti, la filiale dell’islamismo maghrebino sarebbe in continua evoluzione e, soprattutto, in piena fase di crescita. Quattro tra i principali gruppi terroristici del Sahel sarebbero in procinto di allearsi – o forse già uniti – in un fronte comune denominata Jamaat Ansar al Islam, e avrebbero la base in quell’Al Qaeda nel Maghreb (AQIM) che fa tremare l’intelligence di tutto il continente europeo e degli Stati nordafricani, non solo per la violenza ma anche per la capacità di mimetizzarsi nel tessuto criminale della fascia del Sahel e del Mediterraneo.

Fonte e articolo completo:http://www.occhidellaguerra.it/lisis-arriva-algeria-minaccia-anche-litalia/
Share it:

ISIS

news

terrorismo islamico

Post A Comment:

0 comments:

Partecipa alla discussione