Rimini, gli stupratori senza pietà: "Non hanno mostrato pentimento"



Di Rachele Nenzi

La ricostruzione del procuratore di Bologna nel decreto che ha decretato l'arresto dei minorenni è il racconto di una violenza inaudita.
"Turpi, brutali e ripetuti atti di violenza", è la sintesi. Ma a colpire gli inquirenti e gl investigatori è l'assenza di "pentimento" per quanto compiuto sulla spiaggia di Rimini. Quei due stupri, prima una donna polacca e poi una trans peruviana, sono vissuti dai tre minorenni arrestati e da Butuntu, il 20enne arrestato oggi, come se fosse tutto normale.
Silvia Mazzocchi, procuratore per i minorenni bolognese, ha interrogato i due fratelli marocchini e il 16enne egiziano ieri notte. "I due fratelli minorenni - ha detto il comandante provinciale dei carabinieri di Pesaro, Marco Filoni - hanno confessato perché probabilmente si sentivano braccati, le riprese video erano nitide e sapevano che non sarebbe passato molto tempo prima che fossero individuati. In caserma non ci sono state scene di lacrime o pentimenti. I due hanno raccontato di aver partecipato all'atto sostenendo che il maggiorenne era il capo banda".
Icomponenti del branco erano in qualche modo conosciuti. "I due fratelli - spiega Filoni - erano soggetti noti a noi per alcuni precedenti per piccoli reati. Furti di cellulari, ricettazione motorini e bici rubate. Non avevano precedenti per atti di violenza quindi per loro la vicenda di Rimini rappresenta un 'salto di qualità'".

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.