Ads Top

Giovane italiano da 4 mesi in carcere in Germania. La madre: “Contro di lui nessuna prova”

Fabio Vettorel
Potrebbe arrivare in giornata la parola fine alla disavventura del 18enne Fabio Vettorel, l’italiano arrestato lo scorso 7 luglio ad Amburgo - durante una manifestazione contro il G20 - insieme all’amica Maria Rocco, rilasciata però il 10 agosto scorso. Il giovane, che si trova recluso nell’istituto minorile di pena di Hanofersand, viene trattenuto nonostante contro di lui non vi sia uno straccio di prova. Lo stesso impianto accusatorio, evidenziano i legali Gabriele Heinecke e Claudia Warnke-Timmermann, si basa su congetture prive di fondamento. Fabio viene accusato di “grave disturbo alla quiete pubblica” e “attacco portato alle forze dell’ordine”, ma gli stessi testimoni oculari si smentiscono l'un l'altro.

Amnesty International chiede la liberazione del ragazzo


A difesa del ragazzo si sono schierati, attraverso una lettera-appello, ben venti europarlamentari. Sono state presentate anche delle interrogazioni al ministro degli Esteri e si è mobilitata persino Amnesty International. E forse proprio a seguito dell’azione di quest’ultima la giudice, Marc Tully, potrebbe oggi optare per una scarcerazione immediata. La mamma, Jamila Baroni, tre mesi fa si è trasferita in Germania per stare accanto al proprio figlio. “Fabio - ha raccontato qualche giorno fa sulle pagine di La Repubblica - è stanco ma contento che ci siano almeno delle udienze”. Contro il giovane italiano non ci sono prove concrete, ma il solo racconto “molto confuso” di cinque poliziotti che, evidentemente in stato di imbarazzo, hanno testimoniato contro di lui.

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.