La foto della donna senza velo in Iran non c’entra con le proteste di questi giorni

Da qualche giorno sui giornali e sui social network circola la fotografia di una donna iraniana con la testa scoperta mentre tiene in mano un bastone sul quale è appoggiato il suo velo bianco a modi di bandiera. La fotografia è stata usata per raccontare un pezzo delle proteste che si stanno tenendo in Iran da giovedì scorso (e che sono spiegate in breve qui), ma quella foto è stata scattata in un momento diverso e la donna ritratta non c’entra nulla con le manifestazioni degli ultimi giorni.

La fotografia è stata scattata il 27 dicembre a Teheran, la capitale dell’Iran, ed è stata pubblicata per la prima volta su Facebook e Instagram da Masih Alinejad, 38enne attivista iraniana che da anni vive in esilio tra Londra e New York. La donna ritratta nella foto stava protestando contro le rigide regole di abbigliamento imposte dal regime iraniano, tra cui l’obbligo di coprirsi la testa e indossare il velo, e probabilmente è stata arrestata poco dopo dalla polizia. Il 30 dicembre sull’account Instagram di Masih Alinejad è stata pubblicata l’immagine stilizzata della donna che sventole il velo, che in poco tempo è diventata l’immagine simbolo sia delle richieste di maggiori libertà per le donne iraniane, sia delle recenti proteste.

Le manifestazioni degli ultimi giorni, però, non c’entrano con la protesta della donna senza velo a Teheran. Le manifestazioni sono iniziate in maniera improvvisa il 28 dicembre a Mashhad, una città nell’est dell’Iran, e sono arrivate a Teheran solo due giorni dopo, sabato 30. La fotografia della donna senza velo è stata scattata mercoledì 27. Inoltre le manifestazioni di Mashhad sono state probabilmente promosse dagli ultraconservatori, che volevano mettere in difficoltà il governo del presidente Hassan Rouhani, un moderato; la protesta della donna era rivolta proprio contro di loro, che sono i principali sostenitori delle rigide regole di abbigliamento vigenti in Iran.
È importante tenere a mente queste differenze, come ha spiegato bene su Twitter l’analista Michael Horowitz, per non confondere le recenti proteste con un movimento progressista e di natura politica. Alle manifestazioni di questi giorni stanno partecipando per lo più persone povere e giovanissimi che chiedono un miglioramento delle loro condizioni economiche. Ci sono anche diverse donne, la maggior parte delle quali provengono però da settori della popolazione conservatori e religiosi, molto lontani da quelli a cui fa riferimento la donna fotografata senza velo a Teheran. I settori più progressisti si sono dimostrati invece riluttanti a partecipare alle proteste, che continuano a essere svincolate da precisi orientamenti politici. In altre parole: si sta parlando di due cose diverse, e a metterle insieme si finisce per fare una grande confusione.

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.