Blitz contro il clan Casamonica-Di Silvio. Quattro arresti a Roma per la duplice aggressione al bar

Risultati immagini per Casamonica-
Sono Antonio Casamonica e poi Alfredo, Vincenzo ed Enrico Di Silvio le quattro persone arrestate oggi a Roma per il raid al bar della Romanina del primo aprile scorso. Ai quattro la Procura ha contestato i reati di lesioni, minacce e danneggiamento aggravate da modalità mafiose. Nel corso del pestaggio ai danni del titolare del bar in zona Romanina e di una donna gli arrestati avrebbero detto: "qui noi siamo i padroni, è tutto nostro".
Il blitz arriva all'indomani della diffusione della notizia del raid in un bar del quartiere compiuto da membri del clan, con calci e cinghiate contro una disabile e bottigliate contro il barista. È successo la domenica di Pasqua nel bar di via Salvatore Barzilai: Antonio Casamonica e il cugino Alfredo Di Silvio sono entrati nel locale con la pretesa di passare avanti a una invalida civile, in fila prima di loro. Alle rimostranze della donna i due hanno reagito strappandole gli occhiali, spingendola contro un muro e colpendola con la cintura. Prima di lasciare il locale le hanno scaraventato via il telefono urlando: "Se chiami la polizia ti ammazziamo". Dopo mezz'ora sono tornati e hanno preso a colpi di bottiglia il barista, un giovane romeno, 'colpevole' di non essersi occupato subito di loro.
Gli arrestati sono accusati di aver aggredito e picchiato un barista e una donna perché volevano essere serviti per primi, "perché qui comandiamo noi". Una azione violenta messa in atto perché i due non volevano aspettare il loro turno, dopo avere ordinato un caffè. Un video delle telecamere a circuito chiuso poste all'interno dell'esercizio commerciale ha ripreso le varie fasi dell'aggressione. L'unica persona che reagisce alla violenza verbale dei due è una donna, invalida civile, che chiede rispetto. Una richiesta alla quale Casamonica e Di Silviio rispondono con calci in pancia, cinghiate, mani al collo oltre alle minacce.
"Se chiami la polizia ti ammazziamo, qui comandiamo noi", gridano alla donna mentre le strappano via il telefono cellulare. Dopo essersi allontanati i due sono tornati e hanno concentrato la loro violenza contro Marian Roman, cittadino romeno di 39 anni e titolare dell'esercizio commerciale. "Qui comandiamo noi" le parole scandite prima di passare al pestaggio. Le due vittime hanno trovato la forza di denunciare quanto avvenuto. Il bar, dopo pochi giorni di chiusura, ha riaperto i battenti anche se resta la paura.
Sulla vicenda indaga la polizia e il fascicolo di indagine avviato in Procura è stato affidato ai pm della Direzione distrettuale antimafia. Lesioni, minacce e danneggiamento i reati ipotizzati anche se gli inquirenti stanno valutando di contestare l'aggravante di tipo mafioso.

Nessun commento:

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE !
Powered by Blogger.